Strada Regina: il Papa e i Rohingya

02.12.2017 – In questi momenti Papa Francesco sta rientrando a Roma dal suo viaggio in Asia: sei giorni in Myanmar e Bangladesh. In collegamento da Roma sentiremo padre Bernardo Cervellera.

Il Papa: «La presenza di Dio oggi si chiama anche Rohingya»«»

01.12.2017 – Commovente incontro di Francesco con i profughi fuggiti dalla persecuzione in Myanmar: «Vi chiedo perdono per l’indifferenza del mondo. Continuiamo ad aiutarli, non chiudiamo i nostri cuori, non giriamoci dall’altra parte».

Rohingya. Il racconto toccante di un volontario di Sant'Egidio

09.11.2017 – Oltre 80 campi profughi – tende e baracche fatte con pezzi di plastica, legno e lamiera trovati alla meglio, allestiti in zone scoscese fatte di terra e di fango a causa delle piogge – abitati da famiglie numerose e da tantissimi bambini. I Rohingya sono un popolo di bambini che chiede di avere un futuro, la cui vita è minacciata ogni giorno dalla mancanza di tutto, soprattutto di cibo e di acqua potabile.

Bangladesh: condizioni spaventose nei campi profughi dei rohingya

31.10.2017 – Sono passati due mesi dallo scoppio delle violenze in Myanmar che hanno colpito, nello Stato di Rakhine, la minoranza islamica dei rohingya. Nel vicino Bangladesh, dove continua ad aumentare l’afflusso di rifugiati, sono arrivate finora oltre 600.000 persone. Vivono in campi sovraffollati dove la situazione umanitaria è drammatica.

Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar

03.10.2017 – La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.

Chi sono i «rohingya»«»? Storia di una persecuzione

20.09.2017 – Papa Francesco, già l’8 febbraio 2017, ha esortato a pregare «per i nostri fratelli e sorelle rohingya, che sono cacciati dal Myanmar e che fuggono da un paese all’altro perché nessuno li vuole… Sono brave persone, non sono cristiani, sono gente pacifica, fratelli e sorelle nostri. È da anni che questi fratelli e sorelle soffrono, torturati e uccisi, semplicemente per portare avanti la loro fede musulmana».

Aung San Suu Kyi: Il Myanmar non teme inchieste internazionali sui Rohingya

19.09.2017 – Nel suo primo discorso pubblico sulla crisi del Rakhine, la leader democratica promette di perseguire «tutte le violazioni ai diritti umani e la violenza fuorilegge»«» e il ritorno dei fuggitivi. Dal 5 settembre non vi sono conflitti.

Appello del segretario generale delle Nazioni Unite in difesa della minoranza – È catastrofe per i rohingya

15.09.2017 – La situazione umanitaria in Myanmar «è catastrofica». Lo ha detto il Segretario generale dell’Onu, António Guterres, incontrando ieri i giornalisti al Palazzo di Vetro di New York alla settantaduesima Assemblea generale delle Nazioni Unite.

La crisi dei rohingya e le parole del Papa in Myanmar

13.09.2017 – L'Onu: «È pulizia etnica». Il delicato equilibrio tra la difesa dei perseguitati e la prudenza dei vescovi birmani, che chiedono a Francesco di non citare la minoranza musulmana nei discorsi ufficiali.

Tags

Tags