Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar

03.10.2017 – La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.

Chi sono i «rohingya»«»? Storia di una persecuzione

20.09.2017 – Papa Francesco, già l’8 febbraio 2017, ha esortato a pregare «per i nostri fratelli e sorelle rohingya, che sono cacciati dal Myanmar e che fuggono da un paese all’altro perché nessuno li vuole… Sono brave persone, non sono cristiani, sono gente pacifica, fratelli e sorelle nostri. È da anni che questi fratelli e sorelle soffrono, torturati e uccisi, semplicemente per portare avanti la loro fede musulmana».

Aung San Suu Kyi: Il Myanmar non teme inchieste internazionali sui Rohingya

19.09.2017 – Nel suo primo discorso pubblico sulla crisi del Rakhine, la leader democratica promette di perseguire «tutte le violazioni ai diritti umani e la violenza fuorilegge»«» e il ritorno dei fuggitivi. Dal 5 settembre non vi sono conflitti.

Appello del segretario generale delle Nazioni Unite in difesa della minoranza – È catastrofe per i rohingya

15.09.2017 – La situazione umanitaria in Myanmar «è catastrofica». Lo ha detto il Segretario generale dell’Onu, António Guterres, incontrando ieri i giornalisti al Palazzo di Vetro di New York alla settantaduesima Assemblea generale delle Nazioni Unite.

La crisi dei rohingya e le parole del Papa in Myanmar

13.09.2017 – L'Onu: «È pulizia etnica». Il delicato equilibrio tra la difesa dei perseguitati e la prudenza dei vescovi birmani, che chiedono a Francesco di non citare la minoranza musulmana nei discorsi ufficiali.

Tags

Tags