Mosul, emergenza sanitaria: a un anno dalla sconfitta dell’Isis, fuori uso il 70% delle strutture

14.07.2018 – L’allarme lanciato da Medici Senza Frontiere, che parla di migliaia di persone a rischio per edifici pericolanti e ordigni inesplosi. Meno di mille posti letto a fronte di 1,8 milioni di persone. Il sistema sanitario «non si sta riprendendo»«» e vi è un «enorme divario»«» fra bisogni e disponibilità. La storia del 12enne Anas.

Sacerdote caldeo: la lenta rinascita di Mosul dopo l'Isis

26.04.2018 – «Dopo la paura»«» giovani cristiani, yazidi e sabei stanno tornando «ad affollare»«» le aule dell’ateneo cittadino. Molti percorrono decine di chilometri per assistere alle lezioni.

Mosul, un caffè letterario per la rinascita culturale e sociale dopo le violenze dell’Isis

13.03.2018 – Nella ex capitale del Califfato ha aperto un luogo dedicato all’incontro e alla lettura. I jihadisti bruciavano i libri e frustavano quanti leggevano testi proibiti. Oggi sugli scaffali trovano posto anche Marx e Nietzsche. Il progetto nato grazie all’impegno di due ingegneri trentenni che vogliono essere «aperti a tutti i settori»«» e cambiare la società.

La speranza per l'Iraq passa dai suoi studenti: una testimonianza nella Cattedrale di Sion

06.03.2018 – I cristiani della Piana di Ninive, a nord dell'Iraq, ritrovano un po' di speranza. Gli studenti cristiani dell'Università di Mosul, rifugiati nei campi del Kurdistan, hanno potuto proseguire negli studi grazie anche al sostegno dell'associazione «Aux porteurs de lumière»«» (APL), fondata e presieduta dall'architetto Bernard Geyler.

Patriarca caldeo: le feste di Natale a Mosul e in Iraq, speranza per cristiani e musulmani

08.01.2018 – Milioni di persone sono scese in piazza a Baghdad, Mosul, Najaf, Bassora per festeggiare. Per la prima volta dopo tre anni e mezzo celebrata una messa nella ex roccaforte dell’Isis. La chiesa ripulita e sistemata da giovani musulmani. Le cinque sfide per il futuro dell’Iraq. E il dovere di unità della Chiesa irakena per tutelare il futuro della comunità. 

Natale fra i profughi di Mosul: dove la fede in Cristo ha vinto la follia dell’Isis

22.12.2017 – AsiaNews ha incontrato due famiglie fuggite dalla ex roccaforte del Califfato, ancora oggi esuli nel Kurdistan irakeno. Il grazie alla Chiesa locale che «ci ha fatto sentire a casa»«» e ha contribuito a livello materiale e spirituale. La nascita di Gesù fonte di speranza. Un appello ai cristiani irakeni emigrati all’estero: tornate e contribuite alla ricostruzione del Paese.

Mosul liberata, Sako: «I cristiani tornino anziché litigare tra loro»«»

14.07.2017 – In un messaggio alle comunità il monito del patriarca caldeo: «È l’ora della verità. Non perdiamo tempo ad aspettare e dividerci».

Leader cattolico: la liberazione di Mosul dall’Isis è vicina. Poi la ricostruzione

27.06.2017 – Duraid Hikmat Tobiya conferma che restano solo «poche aree»«» nelle mani dei jihadisti. L’esercito irakeno respinge una controffensiva dei miliziani. Preoccupa la sorte dei civili; oltre 800mila gli sfollati. Per sconfiggere l’estremismo controllare i sermoni e modificare i curriculum scolastici. Da Mosul un appello per la ricostruzione della moschea e del minareto distrutti dallo Stato islamico.

Mar Sako: contro le distruzioni Isis, i piani di ricostruzione e convivenza per Mosul e Ninive

23.06.2017 – Il patriarca caldeo condanna la distruzione della moschea di Mosul e le devastazioni dell’Isis, una «cultura di morte»«». La preghiera davanti alla chiesa di p. Ragheed e la voglia di convivenza fra cristiani e musulmani. L’invito ai fedeli di Europa e Occidente a visitare i profughi, insegnando loro «ad avere più fiducia nel futuro»«». Un bilancio della ricostruzione e il rientro dei primi sfollati.

Iraq, migliaia in fuga da Mosul. Mons. Warda: aiutiamo i cristiani

01.03.2017 – In Iraq, circa novemila persone hanno lasciato Mosul e dintorni, negli ultimi giorni, a seguito dell’offensiva governativa per liberare la parte Ovest della città dal sedicente Stato islamico.

Tags

Tags