Papa: la preghiera di aprile per medici e assistenti in zone di guerra

05.04.2019 – «Un segno di speranza»«». Così Papa Francesco definisce «la presenza dei medici degli infermieri e del resto del personale sanitario nelle zone devastate dai conflitti»«», nel videomessaggio per l’intenzione di preghiera del mese di aprile, diffuso dalla Rete Mondiale di Preghiera del Papa.

Rete mondiale di preghiera: le intenzioni per il mese di aprile

05.04.2019 – «Un segno di speranza»«». Così Papa Francesco definisce «la presenza dei medici degli infermieri e del resto del personale sanitario nelle zone devastate dai conflitti»«», nel videomessaggio per l’intenzione di preghiera del mese di aprile, diffuso dalla Rete Mondiale di Preghiera del Papa.

Oltre a padre Dall'Oglio anche il vescovo siro ortodosso Ibrahim sarebbe vivo in Siria

11.03.2019 – Il sacerdote siro ortodosso Samuel Gümüs, impegnato nella cura pastorale delle comunità siro ortodosse presenti in Germania citando fonti libanesi afferma che sarebbero in corso non meglio precisati «negoziati»«» per liberare il vescovo siro ortodosso di Aleppo, sequestrato nel 2013.IL presule fu rapito con il metropolita ortodosso Boulos al-Yazigi, del quale queste fonti non fanno cenno.

Il Papa ha incontrato i familiari di padre Dall'Oglio, il gesuita rapito in Siria

30.01.2019 – Il gesuita è stato rapito quasi 6 anni fa in Siria ed è dal 29 luglio 2013 che non si hanno più sue notizie.  La madre di padre Paolo, quattro sorelle e un fratello del noto gesuita, sono stati ricevuti oggi dal Papa a Casa Santa Marta. Intanto l'esperienza monastica di Mar Musa, nel deserto siriano, fondata da padre dall'Oglio nel 1991, prosegue la sua profetica missione di servizio al dialogo tra islam e cristianesimo.

Bambini sotto attacco: Unicef, «2018 anno terribile. Negli ultimi 30 anni mai un numero così alto di Paesi coinvolti in conflitti»«»

29.12.2018 – Nel 2019 si celebra il 30° anniversario della ratifica della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e il 70° anniversario della Convenzione di Ginevra, ma oggi un maggior numero di Paesi è coinvolto in conflitti interni o internazionali più che in ogni altro momento degli ultimi 30 anni.

A Damasco un presepe senza tetto

27.12.2018 – La Sacra Famiglia ritratta sotto le stelle e la culla di Gesù Bambino senza fissa dimora sono due elementi di un simbolico presepe allestito a Damasco per richiamare la condizione di 13 milioni di rifugiati siriani che non hanno tetto.

Caritas: il mondo è in guerra, 378 i «conflitti dimenticati»«» registrati lo scorso anno

11.12.2018 – Presentato il VI Rapporto dell’organismo italiano: giro d’affari di 1700 miliardi di dollari per la produzione di armi: Usa in testa, crescono Cina e Arabia Saudita. Paolo Beccegato: «Si combatte convinti di vincere perché si è più armati dell’avversario»

Salesiani in Siria, un amore oltre la guerra

09.11.2018 – Sette anni e otto mesi: è la durata della guerra in Siria, almeno fino ad ora. Dal 2011 infatti il paese sta combattendo un conflitto che certamente non si può definire «guerra civile»«», ma piuttosto una sorta di guerra mondiale in territorio siriano.

Amal: una morte che ci turba?

05.11.2018 – Amal, chi non ha visto in questi giorni la fotografia della piccola yemenita? Quanti però hanno avuto il coraggio di sostare su quelle gracili membra e chiedersi perché un essere umano innocente debba essere condannato ad una simile estinzione, lenta e crudele? Cerca di rispondere a queste domande la riflessione rilasciata all'agenziasir dalla carmelitana di Lecco, madre Cristiana Dobner sulla storia della bambina di 7 anni morta di fame nello Yemen.

Siria. Padre Ibrahim: servono digiuno e preghiera

06.09.2018 – Iniziati i raid di Siria e Russia su Idlib. La Chiesa di Aleppo prega e digiuna perché a Idlib non avvenga un massacro. «Dopo anni di occupazione nei villaggi da parte dei gruppi armati, adesso hanno iniziato a sequestrare i cristiani e a chiedere dei riscatti molto elevati».

Tags

Tags