Bullismo online. Lo cavalca anche il marketing: parlatene male, basta che ne parliate

20.08.2016 – Il «bullismo online»«» è un’invenzione del marketing. Si tratta di uno dei fenomeni meno compresi della nuova comunicazione digitale del terzo millennio. Gli «haters»«» (letteralmente, odiatori), o i «troll»«», come li chiamano i nerd del web, sono spesso anonimi o con identità inventate e invadono Facebook, Twitter e gli altri social con frasi piene di odio e di insulti. Sembrano animati da spirito critico (c’è addirittura una categoria di «troll etici»«») o da semplice frustrazione esistenziale. Ne fanno le spese più o meno tutti coloro che hanno un account sui social.

Tags

Tags