Veduta di Istanbul
dal Mondo
Veduta di Istanbul

Turchia: al via i lavori di costruzione della prima chiesa dal 1923

10.01.2019, 06:30 / redazionecatt

I lavori per l’edificazione di quella che diventerà la prima chiesa costruita ex novo nella Repubblica di Turchia inizieranno entro il prossimo febbraio. Così ha annunciato martedì 8 gennaio Bulent Kerimoglu, sindaco di Bakirkoy, il distretto di Istanbul dove sorgerà la nuova chiesa.  I lavori di costruzione dovrebbero durare al massimo due anni. La nuova chiesa, la prima costruita nel Paese dal 1923 ad oggi, sorgerà nel quartiere Yesilkoy a Bakirkoy, in un’area non lontana dall’aeroporto internazionale Ataturk, e potrà ospitare più di 700 fedeli.
Negli ultimi anni, si sono manifestati a più riprese segnali di attenzione della dirigenza politica turca nei confronti delle comunità cristiane siriache, tanto da far parlare osservatori e commentatori dell’esistenza di un “piano turco” volto a riproporre la Turchia come nuova “homeland” per i tanti cristiani siri residenti in Siria e in Europa, e i cui avi erano stanziati in territorio turco. Nei primi anni del conflitto siriano, le autorità turche avevano predisposto a Mydiat (da secoli centro di un’enclave cristiano-siriaca nella provincia di Mardin) un campo profughi riservato ai cristiani siri, in grado di ospitare 4mila rifugiati. Attualmente, sono circa 25mila i cristiani siri che vivono in Turchia, concentrati in maggioranza nei sobborghi di Istanbul. Molti di loro risiedono proprio nelle aree adiacenti al luogo dove sorgerà la nuova chiesa.

fonte: fides/agenziasir/red

Il cardinale Barbarin

Barbarin si ritira temporaneamente dalla guida della Diocesi di Lione

19.03.2019

Il card. Barbarin ha condiviso l'esisto del colloquio avuto con il Papa, “su suo suggerimento e poiché la Chiesa di Lione soffre da tre anni, ho deciso di ritirarmi per un periodo e di lasciare la guida della diocesi al vicario generale". Francesco ha respinto le dimissioni del cardinale condannato in Francia per copertura di abusi, a motivo della "presunzione di innocenza" del porporato che infatti ha presentato ricorso al tribunale di Lione.

Haiti sull’orlo dell’abisso: allarme della Chiesa non trova risposta

16.03.2019

“L’ora è seria, aumenta la miseria, il bene comune è minacciato, questa situazione non può durare di più”, ammoniscono i vescovi. Le incognite politiche e gli aiuti insufficienti. Intervista ad Alessandro Cadorin, coordinatore della Caritas Italiana ad Haiti.

Migrazioni e donne: Fatou Diome ne parla il 21 marzo

14.03.2019

La Francia e l'Africa costituiscono i nuclei centrali delle opere di Fatou Diome, a Lugano il 21 marzo.