Vaticano

Santa Sede ai Giochi coreani: sulla strada per un futuro di pace

13.02.2018, 08:00 / redazionecatt

Monsignor Melchor Sanchez de Toca, capo della delegazione della Santa Sede alle Olimpiadi invernali 2018 in Corea del Sud, è appena rientrato nel suo ufficio di sottosegretario del Pontificio consiglio della Cultura. Gli abbiamo chiesto se davvero i Giochi olimpici appena iniziati si possono definire “Giochi di pace”, dopo che gli atleti delle due Coree hanno sfilato insieme alla cerimomia di inaugurazione.

“Lo sport non crea la pace, non può crearla, non fa miracoli – chiarisce monsignor Sanchez de Toca –  Però piccoli simboli, piccoli gesti come questi preparano la strada per un futuro di pace. In questo senso credo che la presenza di atleti della Corea del Nord, sia pure in numero molto limitato, e soprattutto la squadra unificata di hockey su ghiaccio, dove ci sono atlete delle due Coree che giocheranno nella stessa squadra, sia un gesto piccolo ma eloquente e soprattutto che può preparare la strada a futuri sviluppi”.

Premio Ratzinger conferito oggi a Mario Botta. Il Papa: "La teologia e l’arte devono continuare ad essere animate ed elevate dalla potenza dello Spirito"

17.11.2018

In occasione della cerimonia per il conferimento del Premio Ratzinger alla professoressa Marianne Schlosser e all'architetto Mario Botta, oggi nell'Aula Clementina in Vaticano, Papa Francesco nel suo discorso ha rivolto dapprima il suo pensiero "affettuoso e grato" a Benedetto XVI, per poi mettere in evidenza l'importanza del lavoro di Botta.

L'edizione del Presepe di sabbia del 2015.

Una piramide di sabbia in San Pietro: il presepe 2018 prende forma

16.11.2018

Domani Sabato 17 novembre comparirà in piazza una piramide, e il 21 quattro scultori inizieranno a modellare una “Sand Nativity”, donata a Papa Francesco da Jesolo, con sabbia originaria delle Dolomiti.

Giovani con il Papa

Il "like" del Papa all'Osservatorio internazionale sul cyberbullismo

14.11.2018

Il "mi piace" virtuale del Papa sul profilo di Ico, il nascente Osservatorio internazionale sul cyberbullismo vale più di mille parole. A Castelgandolfo in questi giorni si è svolto un convegno con 8 nazioni presenti, preludio al primo convegno internazionale sul tema che sarà nell'aprile 2019 in Vaticano. Vi parteciperanno esperti da tutto il mondo.