Vaticano

Santa Sede ai Giochi coreani: sulla strada per un futuro di pace

13.02.2018, 08:00 / redazionecatt

Monsignor Melchor Sanchez de Toca, capo della delegazione della Santa Sede alle Olimpiadi invernali 2018 in Corea del Sud, è appena rientrato nel suo ufficio di sottosegretario del Pontificio consiglio della Cultura. Gli abbiamo chiesto se davvero i Giochi olimpici appena iniziati si possono definire “Giochi di pace”, dopo che gli atleti delle due Coree hanno sfilato insieme alla cerimomia di inaugurazione.

“Lo sport non crea la pace, non può crearla, non fa miracoli – chiarisce monsignor Sanchez de Toca –  Però piccoli simboli, piccoli gesti come questi preparano la strada per un futuro di pace. In questo senso credo che la presenza di atleti della Corea del Nord, sia pure in numero molto limitato, e soprattutto la squadra unificata di hockey su ghiaccio, dove ci sono atlete delle due Coree che giocheranno nella stessa squadra, sia un gesto piccolo ma eloquente e soprattutto che può preparare la strada a futuri sviluppi”.

La lettera inedita di Paolo VI: così ipotizzò le sue dimissioni

17.05.2018

Montini affidava al cardinale decano e alla Curia la facoltà di dichiararlo decaduto «nel caso di infermità inguaribile o di lunga durata, o di altro grave impedimento»

Primo incontro con i vescovi cileni: il Papa consegna un testo per meditare

16.05.2018

Papa Francesco si è riunito ieri alle 16 con 34 vescovi nell’auletta dell’aula Paolo VI. Al termine ha consegnato loro un testo con alcuni temi su cui meditare fino a domani pomeriggio, quando ci sarà il secondo incontro. Gli ultimi due previsti domani.

Il Vaticano presenta un progetto per aiutare gli emigrati dal Venezuela

08.05.2018

Promosso da otto Conferenze episcopali sudamericane con il sostegno della Santa Sede. Il superiore dei gesuiti: l’Europa che invecchia impari che i giovani immigrati sono un dono.