Vaticano

Santa Sede ai Giochi coreani: sulla strada per un futuro di pace

13.02.2018, 08:00 / redazionecatt

Monsignor Melchor Sanchez de Toca, capo della delegazione della Santa Sede alle Olimpiadi invernali 2018 in Corea del Sud, è appena rientrato nel suo ufficio di sottosegretario del Pontificio consiglio della Cultura. Gli abbiamo chiesto se davvero i Giochi olimpici appena iniziati si possono definire “Giochi di pace”, dopo che gli atleti delle due Coree hanno sfilato insieme alla cerimomia di inaugurazione.

“Lo sport non crea la pace, non può crearla, non fa miracoli – chiarisce monsignor Sanchez de Toca –  Però piccoli simboli, piccoli gesti come questi preparano la strada per un futuro di pace. In questo senso credo che la presenza di atleti della Corea del Nord, sia pure in numero molto limitato, e soprattutto la squadra unificata di hockey su ghiaccio, dove ci sono atlete delle due Coree che giocheranno nella stessa squadra, sia un gesto piccolo ma eloquente e soprattutto che può preparare la strada a futuri sviluppi”.

La Santa Sede alle Olimpiadi in Corea del Sud: testimonianza del capo delegazione

08.02.2018

Mons. Melchor Sánchez de Toca, capo delegazione della Santa Sede in Corea del Sud, sulla 132.ma sessione del Comitato Olimpico internazionale: "Qui si prendono decisioni che poi hanno impatto sullo sport in tutto il mondo".

Il Papa accoglie Erdogan in Vaticano/GdP.ch

05.02.2018

L'udienza al presidente turco è durata circa 50 minuti, poi la visita alla Basilica di San Pietro. Scattano le proteste a Roma per l'arrivo di Erdogan in Italia.

Erdogan arriva in Vaticano: consonanza su Gerusalemme, non su curdi e diritti umani

05.02.2018

Oggi l’udienza fortemente voluta dal presidente turco, attorno alla quale è stato costruito il suo viaggio in Italia.