Vaticano

Santa Sede ai Giochi coreani: sulla strada per un futuro di pace

13.02.2018, 08:00 / redazionecatt

Monsignor Melchor Sanchez de Toca, capo della delegazione della Santa Sede alle Olimpiadi invernali 2018 in Corea del Sud, è appena rientrato nel suo ufficio di sottosegretario del Pontificio consiglio della Cultura. Gli abbiamo chiesto se davvero i Giochi olimpici appena iniziati si possono definire “Giochi di pace”, dopo che gli atleti delle due Coree hanno sfilato insieme alla cerimomia di inaugurazione.

“Lo sport non crea la pace, non può crearla, non fa miracoli – chiarisce monsignor Sanchez de Toca –  Però piccoli simboli, piccoli gesti come questi preparano la strada per un futuro di pace. In questo senso credo che la presenza di atleti della Corea del Nord, sia pure in numero molto limitato, e soprattutto la squadra unificata di hockey su ghiaccio, dove ci sono atlete delle due Coree che giocheranno nella stessa squadra, sia un gesto piccolo ma eloquente e soprattutto che può preparare la strada a futuri sviluppi”.

Tre anni fa l’istituzione del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita

17.08.2019

Il Dicastero, istituito nel 2016, ha assunto competenze in precedenza appartenute al Pontificio Consiglio per i Laici e al Pontificio Consiglio per la Famiglia che hanno cessato le loro funzioni.

Cordoglio del Papa per la morte del cardinale Sergio Obeso Rivera

13.08.2019

Telegramma di cordoglio di Papa Francesco per la morte del cardinale Sergio Obeso Rivera, arcivescovo emerito di Xalapa (Messico), deceduto lunedì.

Uno Ior più fedele alla sua missione originaria

11.08.2019

Il rinnovo degli Statuti dello Ior rappresenta un passo importante nel processo di adeguamento ai migliori standard internazionali ma anche e soprattutto di rinnovata fedeltà alla missione originaria dell’Istituto per le Opere di Religione. Il commento di Andrea Tornielli.