Papa e Vaticano

Il Papa ricorda i sacerdoti morti per essere vicini ai malati

Adriana Masotti – Città del Vaticano

Un Giovedì Santo davvero particolare quello di quest’anno a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia che ha stravolto in poco tempo la vita di tutti. Anche i giorni del Triduo Pasquale, al centro della calendario liturgico, i più importanti per i cristiani, vedranno le chiese aperte ma le celebrazioni senza la presenza dei fedeli. Sarà così anche per le celebrazioni liturgiche di Papa Francesco. Il Papa non ha presieduto stamattina la Messa del Crisma con i sacerdoti di Roma, ma alle 18, all’altare della Cattedra in San Pietro, celebra la Messa in Coena Domini, che fa memoria dell’istituzione dell’Eucaristia. Qui il testo integrale dell’omelia.

La Basilica solo in apparenza vuota

La Basilica vaticana è vuota, con il Papa che indossa i paramenti di colore bianco, solo poche persone: i lettori, i cantori, alcuni sacerdoti e alcune religiose, un vescovo e il cardinale Angelo Comastri, arciprete della Basilica, tutti a distanza di sicurezza. Omesso il tradizionale rito della lavanda dei piedi che gli anni scorsi vedevano Francesco ripetere il gesto di Gesù a carcerati, poveri e rifugiati. L’ultima volta lo aveva fatto nella Casa Circondariale di Velletri o, nel 2018, in quella romana di Regina Coeli. Eppure, tramite i media sono probabilmente molto più numerosi del solito coloro che oggi partecipano alla Messa.

Gesù amò i suoi fino alla fine

Ad aprire la celebrazione è il canto del Gloria. La prima Lettura è tratta dal Libro dell’Esodo e riferisce le prescrizioni date dal Signore al suo popolo, per mezzo di Mosè e Aronne, per la cena pasquale. La seconda è un brano della seconda Lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi che ai fedeli ricorda: «Ogni volta che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore, finché Egli venga». La pagina del Vangelo secondo Giovanni è la descrizione dell’Ultima cena di Gesù con i suoi che, scrive, «amò fino alla fine».

Eucaristia, servizio, unzione

Il Papa tiene l’omelia a braccio. Sottolinea tre parole che sono tre realtà al centro del Giovedì Santo: l’Eucaristia, il servizio, l’unzione. Il Signore vuole rimanere con noi, nell’Eucaristia, afferma Francesco, e noi diventiamo il suo tabernacolo. Gesù, continua, arriva a dire che «se non mangiamo il suo corpo e non beviamo il suo sangue, non entreremo nel Regno dei Cieli». Ma per entrare nel Regno dei Cieli è necessaria anche la dimensione del servizio e Francesco prosegue:

Servire, sì, tutti. Ma il Signore, in quello scambio di parole che ha avuto con Pietro, gli fa capire che per entrare nel Regno dei Cieli dobbiamo lasciare che il Signore ci serva, che sia il Servo di Dio servo di noi. E questo è difficile da capire.

La grazia del sacerdozio

E poi il sacerdozio: il Papa dice che oggi desidera essere vicino a tutti i sacerdoti. Tutti dal primo all’ultimo, dice, siamo unti dal Signore, unti per celebrare l’Eucaristia e per servire. E se non è stato possibile oggi celebrare la Messa crismale con i sacerdoti, in questa di stasera il Papa vuole ricordare i sacerdoti, specie quelli che offrono la vita per il Signore, e che si fanno servitori degli altri. Ricorda le molte decine di sacerdoti che sono morti in Italia a causa del Covid-19, prestando servizio agli ammalati, assieme ai medici e al personale sanitario. «sono i Santi della porta accanto», capaci di dare la vita. E poi ci sono i sacerdoti che prestano servizio nelle carceri o quelli che vanno lontano per portare il Vangelo e muoiono lì, quindi e prosegue:

Diceva un vescovo che la prima cosa che lui faceva, quando arrivava in questi posti di missione, era andare al cimitero e mettere sulla tomba dei sacerdoti che hanno lasciato la vita lì, giovani, per la peste del posto: non erano preparati, non avevano gli anticorpi, loro; nessuno ne conosce il nome.LEGGI ANCHE08/04/2020

Beschi: Giovedì santo ricordando i miei preti uccisi dal virus

Porto all’altare con me tutti i sacerdoti

Tanti i sacerdoti anonimi, i parroci di campagna o nei paesini di montagna, sacerdoti che conoscono la gente. »Oggi vi porto nel mio cuore e vi porto all’altare», afferma Papa Francesco. E poi ci sono i sacerdoti calunniati che per strada vengono insultati: 

Tante volte succede oggi, non possono andare in strada perché dicono loro cose brutte in riferimento al dramma che abbiamo vissuto con la scoperta dei sacerdoti che hanno fatto cose brutte.

Chiedere perdono e perdonare

Cita poi i sacerdoti, i vescovi e lui stesso «che non si dimenticano di chiedere perdono» perché «tutti siamo peccatori». E poi i sacerdoti in crisi, nell’oscurità. A tutti raccomanda solo una cosa: «Non siate testardi come Pietro. Lasciatevi lavare i piedi. Il Signore è il vostro servo, Lui è vicino a voi per darvi la forza, per lavarvi i piedi». Dall’essere perdonati a perdonare il peccato degli altri. Papa Francesco raccomanda un «cuore grande di generosità nel perdono» sull’esempio di Cristo.

Lì c’è il perdono di tutti. Siate coraggiosi. Anche nel rischiare nel perdonare, per consolare. E se non potete dare un perdono sacramentale in quel momento, almeno date la consolazione di un fratello che accompagna e lascia la porta aperta perché torni.

Il Papa conclude ringraziando il Signore per il sacerdozio e per i sacerdoti e dice infine: «Gesù vi vuole bene. Soltanto chiede che voi vi lasciate lavare i piedi».

La preghiera al Signore perchè vinca il male

Al momento della preghiera dei fedeli un diacono presenta cinque intenzioni. Si prega per la Chiesa perché «annunci a ogni uomo che solo in te c’è salvezza»; la seconda supplica il Signore di sostenere «le sofferenze dei popoli» e perché «i governanti cerchino il vero bene e le persone ritrovino speranza e pace». La terza è per i sacerdoti perché siano «un riflesso vivo del sacrificio che celebrano e servano i fratelli con generosa dedizione». Nella quarta si prega per i giovani, perché il Signore tocchi il loro cuore e loro lo seguano «sulla via della croce», scoprendo «che solo in te c’è libertà, gioia e vita piena». Infine si chiede a Dio di consolare l’umanità afflitta «con la certezza della tua vittoria sul male: guarisci i malati, consola i poveri e tutti libera da epidemie, violenze ed egoismi». Una preghiera quanto mai attuale in mezzo alla ‘tempesta’ in cui stiamo vivendo.

Il Papa prega davanti al Crocifisso nella Chiesa romana di San Marcello al Corso.
9 Aprile 2020 | 23:01
Condividere questo articolo!