Svizzera

I vescovi svizzeri stanno lavorando al rinnovamento della Chiesa

«Vediamo che brucia in vari luoghi, che le frustrazioni sono forti, che l’unità della Chiesa è in pericolo. Dobbiamo ascoltare, parlare e discutere di ciò che possiamo fare nella pratica», ha detto il vescovo Felix Gmür, presidente della Conferenza episcopale svizzera (CES), in una conferenza stampa a Berna. Il titolo del lavoro di questo progetto lo esprime bene: «In cammino insieme per rinnovare la Chiesa».

Riuniti a Saint-Maurice dal 16 al 18 settembre 2019, i membri della CES hanno continuato la riflessione sul rinnovamento della Chiesa già discussa in giugno. Hanno confermato un desiderio ricorrente di Papa Francesco, cioè che il «carisma dell’ascolto» sia al centro del processo.

La CES ha esplicitamente rinunciato all’idea di un sinodo o addirittura di un percorso sinodale. «Nella Chiesa cattolica, il Sinodo è una struttura ben definita, soggetta a regole precise. Tuttavia, vogliamo un approccio più ampio e più aperto», ha detto il vescovo Gmür. Si tratta di coinvolgere giovani e anziani, donne e uomini, laici e ordinati, migranti e svizzeri. «Vogliamo anche essere in grado di sentire segnali deboli al di fuori delle strutture ecclesiastiche.»

Gruppo direttivo esterno

Si tratterà quindi di sviluppare piattaforme tematiche su temi individuati insieme. Un gruppo direttivo, esterno alla CES, sarà responsabile dell’organizzazione del processo. I suoi compiti comprenderanno il chiarimento dell’obiettivo, l’organizzazione della partecipazione, la scelta dei temi e delle priorità, il rispetto delle regioni linguistiche, la composizione dei gruppi di lavoro, l’agevolazione e la comunicazione. «Alcune persone sono già state contattate per assumersi questa responsabilità. Devono incontrarsi per gettare le basi del loro lavoro. In questo modo saremo in grado di comunicare la composizione del gruppo direttivo», ha detto il vescovo Gmür.

Il dibattito più ampio possibile

I diversi temi individuati dalla CES a giugno: ad esempio la fede e la trasmissione della fede, il ruolo della donna, il celibato dei sacerdoti e l’ordinazione degli uomini sposati, gli abusi sessuali e il potere sono proposte. Possono anche essere modificati o completati. Il Presidente della CES è convinto che l’attuale crisi di credibilità possa essere superata. «Il dialogo con queste diverse voci è necessario per una Chiesa viva e armata per il futuro e che irradia fede, speranza e amore. In Svizzera abbiamo già una solida esperienza di dialogo in parrocchie, diocesi, movimenti e corporazioni ecclesiastiche», dice il vescovo di Basilea. Esso precisa inoltre che il processo si svolgerà a livello svizzero. «Sappiamo che gli atteggiamenti non sono gli stessi nelle varie regioni linguistiche. Ma dobbiamo anche raccogliere la sfida di unire la Chiesa in Svizzera».

Nessun ordine del giorno

Non c’è ancora un’agenda per il progetto. Questo sarà concordato con il gruppo direttivo dopo l’avvio dei lavori. Il vescovo Gmür ha menzionato un periodo di due o tre anni. «Dieci anni sarebbero troppo lunghi, ma non possiamo dire domani o dopodomani. Ci vorrà un po’ di tempo.» Secondo il vescovo Gmür, le prime eco raccolte sono in gran parte positive.

L’abuso sessuale nel contesto ecclesiale

I vescovi svizzeri hanno preso atto anche delle statistiche del 2018 sui casi di abusi sessuali segnalati ai servizi specializzati delle diocesi. Queste cifre dimostrano che le misure adottate a partire dal 2002 hanno un impatto. Solo tre denunce riguardano casi attuali verificatisi dopo il 2000. Questi casi riguardano dichiarazioni sessuali e approcci inappropriati verso donne adulte senza dipendenza pastorale. E per quanto riguarda un maschio adulto in una situazione di dipendenza pastorale. Sono stati segnalati anche 28 casi prescritti, 23 dei quali tra il 1950 e il 1980. Il numero di casi segnalati rimane nell’ambito degli ultimi anni. Tuttavia, il vescovo Gmür ha sottolineato che queste cifre non comprendono i casi segnalati alla commissione indipendente CECAR o ai servizi cantonali di assistenza alle vittime. I gruppi di esperti diocesani invitano nuovamente le vittime ad annunciarsi.

Mese missionario straordinario di ottobre 2019

I vescovi svizzeri hanno pubblicato un appello per il mese missionario straordinario e hanno partecipato all’azione #MyMission. Il Mese Missionario straordinario inizierà in Svizzera il 1° ottobre 2019 con una celebrazione liturgica nel battistero di Riva San Vitale (TI), il più antico edificio cristiano della Svizzera. Saranno presenti diversi vescovi svizzeri, ha detto Erwin Tanner, segretario generale della CES.

50 anni di giustizia e pace

In occasione dei 50 anni di giustizia e pace, la CES ha invitato una delegazione di questa commissione ad uno scambio. Thomas Wallimann-Sasaki, presidente facente funzione, Kurt Aufdereggen, membro, e Wolfgang Bürgstein, segretario generale della Commissione, presentano le questioni attuali. Hanno menzionato, tra l’altro, la crescente complessità e la dimensione globale degli sviluppi tecnologici, la responsabilità della creazione di fronte al cambiamento climatico, l’individualizzazione e la distinzione, l’esilio e la migrazione. Giustizia e Pace celebrerà il suo giubileo il 19 novembre 2019 a Berna con un evento pubblico dal titolo «Pace e giustizia non esistono invano!»

Iniziativa per multinazionali responsabili

I membri della CES condividono i timori degli autori responsabili dell’iniziativa popolare multinazionale e li sostengono. Il vescovo Felix Gmür, presidente del consiglio di fondazione Fastenopfer, una delle organizzazioni che hanno dato vita all’iniziativa, ha condiviso le sue impressioni sul suo ultimo viaggio in Colombia. Ha potuto osservare i danni causati dalle operazioni minerarie in loco. L’iniziativa propone importanti passi avanti verso una «ecologia integrale», proposta da Papa Francesco in Laudato sì, nota vescovo Gmür .

Appuntamenti

Tra le nomine, Brigitte Maria Fischer Züger è stata nominata delegata della CES per la Cina. «Anche se il numero di cattolici cinesi in Svizzera è minimo, seguiamo con interesse la delicata situazione della Chiesa in Cina. E vogliamo mostrare la nostra solidarietà ai vescovi del Paese», ha detto il vescovo Gmür. In qualità di specialista in Cina, la signora Fischer Zuger avrà principalmente un ruolo di informazione e di scambio. (cath.ch/mp)

Foto d'archivio della Conferenza dei vescovi svizzeri
20 Settembre 2019 | 11:54
Condividere questo articolo!