Chiesa

I vescovi europei: “Il Global Compact Onu sui migranti sia strumento per il bene comune”

05.12.2018, 17:39 / redazionecatt

«Il forestiero dimorante fra voi lo tratterete come colui che è nato fra voi; tu l’amerai come te stesso, perché anche voi siete stati forestieri in terra d’Egitto. Io sono il Signore, vostro Dio» (Lv 19, 34). In vista dell’imminente incontro, Global Compact, promosso dalle Nazioni Unite a Marrakech per l’11 dicembre, i vescovi accreditati presso l’Unione Europea prendono le mosse da questo passo del Levitico per inviare un messaggio a tutti gli abitanti d’Europa, a partire dai cristiani.

In una dichiarazione che non lascia dubbi su quanto sta alla responsabilità dei credenti in Cristo – sottoscritta a nome di tutti i presuli dal presidente Comece, l’arcivescovo del Lussemburgo, Jean-Claude Hollerich Sj – l’intera Commissione si affida alle parole di Papa Francesco pronunciate in diverse occasioni per ribadire il pieno sostegno della Chiesa cattolica al Global Compact Onu sulla migrazione e sollecitare la firma dei governi.

Continua a leggere.

Abusi sessuali nella Chiesa, Nicolas Betticher scrive a Papa Francesco: serve un tribunale indipendente

16.07.2019

Il vicario giudiziale Nicolas Betticher, responsabile del Tribunale interdiocesano svizzero, esorta papa Francesco e i vescovi a creare tribunali indipendenti all'interno della Chiesa per giudicare - in parallelo alla giustizia civile - i casi di abusi sessuali. È il solo modo di rendersi credibili, afferma in una intervista al Tages-Anzeiger zurighese.

Firmato accordo sullo statuto giuridico della Chiesa in Burkina Faso

12.07.2019

L’intesa, redatta in lingua francese e composta da un preambolo, 19 articoli e un protocollo addizionale, garantisce alla Chiesa la possibilità di svolgere la propria missione in Burkina Faso.

Alla Lateranense prende il via un Ciclo di studi in “Scienze della Pace”

06.07.2019

Due percorsi, uno di laurea triennale e l’altro di laurea magistrale, voluti fortemente da Papa Francesco tanto da spingerlo ad affidarne l’organizzazione al “suo” ateneo del Laterano