Ticino

A Chiasso la chiesa si apre ai sentatetto / GdP

Si dice stupito il parroco di Chiasso don Gianfranco Feliciani della celere risposta già in poche ore, da parte dei chiassesi all’esigenza di trovare il necessario per accogliere alcuni senzatetto sotto la chiesa parrocchiale.

La recente vicenda di alcune persone senza un luogo in cui dormire se non la stazione di Chiasso, ha fatto decidere all’arciprete di aprire le porte della chiesa per offrire loro ospitalità. «Mi hanno chiamato l’altra notte dicendomi «c’è gente che dorme al freddo» – racconta don Feliciani -. Non potevo tornare a dormire tranquillo. Mi è venuto in mente che abbiamo una stanza sotto la chiesa in cui facciamo le prove del coro da allestire come luogo in cui poter far dormire qualche persona in queste notti fredde.

Sono certo che già stasera (ieri, ndr) qualcuno arriverà lì. In queste ore stiamo pulendo e preparando il locale, perché le persone hanno portato coperte, brande, materassi e cuscini. In poche ore è partita la cosa e subito in tanti hanno risposto al bisogno». Il ricovero d’urgenza, situato dietro la chiesa e a cui si accede da una porta alla base del campanile, sarà vegliato dal sagrestano. L’idea è quella di tenere le porte aperte anche una volta finita l’emergenza freddo. Ma chi potrà accedervi? «A Chiasso c’è un po’ di tutto, gente che transita e che non sa dove passare la notte. Penso che possa restare un posto fisso in cui passare la notte. È proprio vero che saranno i poveri a salvarci e a farci ritrovare la nostra umanità, me lo conferma ancora una volta l’immediata risposta della gente».

(GdP)

13 Gennaio 2017 | 11:07
Condividere questo articolo!