Un presepe allestito negli scorsi anni nel percorso bellinzonese
Diocesi
Un presepe allestito negli scorsi anni nel percorso bellinzonese

Presepi: al Sacro Cuore di Bellinzona riparte il "percorso"

06.12.2018, 11:14 / redazionecatt

La quattordicesima edizione del percorso presepi allestito nella chiesa del Sacro Cuore a Bellinzona è alle porte. Un appuntamento fisso nel tempo di Avvento e di Natale, nato dall’intuizione e dalla passione di padre Callisto Caldelari, il frate cappuccino che ha guidato fino al 2014, quando si è spento ad 80 anni età, la comunità di Bellinzona Nord. Padre Callisto aveva la passione per i presepi, amava andare personalmente alla ricerca di statuine particolari, appartenenti a tradizioni vicine ma anche lontane, come pure sapeva attualizzare la scena della Natività con ricostruzioni sempre attente alla cronaca corrente. I suoi presepi suscitavano interesse e dibattito. La comunità bellinzonese, dopo la scomparsa del cappuccino, ha proseguito questa bella tradizione.

L’evento di apertura del percorso del Natale 2018 si terrà domenica 16 dicembre durante la S. Messa delle ore 10.45. Sono una quarantina le opere ospitate quest’anno nel percorso bellinzonese, frutto di lavori di ingegno e condivisione dei gruppi di presepisti.

Il presepe interattivo “country” degli ospiti di Casa Greina

Nel corso di questa funzione un gruppo di residenti della Casa Anziani Greina di Bellinzona poserà i primi pezzi di un presepe interamente realizzato da loro. Al completamento dell’opera potranno contribuire, nei giorni a seguire, i singoli visitatori aggiungendo di volta in volta i numerosi pezzi creati. Questa collaudata forma di presepio interattivo, molto apprezzata dai visitatori, consente a loro di condividere con i realizzatori lo sviluppo dello stesso in più giorni; verosimilmente lo stesso assumerà la forma finale nei primi giorni di gennaio. Per alcuni mesi alcuni residenti della suddetta struttura sono stati impegnati assieme ai loro animatori nella realizzazione del presepe del quale spicca la cura d’esecuzione in uno stile molto particolare: il country.

Un grande presepe Ticinese con personaggi semoventi.
Fra le circa quaranta opere esposte troverà posto anche un voluminoso presepe tradizionale Ticinese che conterrà anche i personaggi semoventi che tanto affascinano i bambini. Il “Percorso presepi” vuol offrire al pubblico la possibilità di compiere un piccolo cammino all’interno della chiesa passando di presepe in presepe per lasciarsi coinvolgere nello stupore e nel fascino della nascita di Gesù.

Durante gli orari d’apertura persone della Comunità saranno presenti per accogliere i visitatori; una modalità apprezzata dal pubblico che permette preziose relazioni. Un foglietto con messaggi e informazioni corrispondenti ai singoli presepi sarà d’aiuto alla visita.

Il ”Percorso” sarà visitabile ogni giorno dalle 09.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00, eccetto durante le funzioni liturgiche, fino a domenica 13 gennaio.

(red)

Il santuario di Santa Maria dei Miracoli a Morbio Inferiore

Morbio Inferiore: Gli appuntamenti per la festa di Santa Maria dei Miracoli

20.07.2019

Iniziata la novena per la festa di Santa Maria dei Miracoli che culminerà con le celebrazioni di lunedì 29 luglio.

Giovani ticinesi in cammino verso Santiago per aiutare i bambini libanesi

19.07.2019

Dieci giovani ticinesi martedì inizieranno a piedi il famoso pellegrinaggio verso Santiago di Compostela, partendo da Porto, in Portogallo, e percorrendo ben 230 chilometri. Cammineranno per promuovere un'iniziativa a favore di bambini disabili e poveri ospiti di case di religiose ai confini tra Libano e Sira. Ma anche noi, da casa, potremo sostenere l'iniziativa «Ogni km vale».

Da sin.: Mario Branda, sindaco, Fausto Riva, presidente consiglio parrocchiale, don Regazzi e Christian Paglia, municipale riuniti per l’inaugurazione della nuova illuminazione della Collegiata il 26. 2.2018 (CdT)

I 50 anni di sacerdozio di don Pierangelo Regazzi: «Grazie a lui la Collegiata è diventata la casa di tutti»

13.07.2019

50 anni di sacerdozio, di cui 13 anni a Bellinzona. I ricordi, per don Pierangelo Regazzi, sono davvero tanti: dai molteplici pellegrinaggi – uno o due all’anno – organizzati con i parrocchiani di Bellinzona e di altre parrocchie precedenti, tra cui uno degli ultimi in Armenia, agli sforzi per portare avanti il discorso ecumenico, fino a quelli, molto più remoti nel tempo, dei primi anni da sacerdote a Locarno.