Migranti, i Paesi UE non tutelano più i rifugiati

«I paesi europei non riescono a proteggere rifugiati e migranti che cercano di raggiungere l’Europa attraverso il Mediterraneo. Il regresso nella protezione delle vite e dei diritti dei rifugiati e dei migranti sta peggiorando e causa migliaia di morti evitabili ogni anno «. Lo denuncia Dunja Mijatović, Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa, in un rapporto dal titolo »A distress call for human rights. The widening gap in migrant protection in the Mediterranean«.

Il rapporto fa il punto sull’attuazione da parte degli Stati membri della Raccomandazione del 2019 sul salvataggio dei migranti in mare e fornisce una serie di misure, che devono essere adottate con urgenza per garantire un approccio conforme ai diritti umani alle traversate marittime. In particolare, il report analizza il periodo da luglio 2019 a dicembre 2020 in cinque aree chiave: ricerca e soccorso; sbarchi tempestivi e sicuri delle persone soccorse; cooperazione con organizzazioni non governative; cooperazione con paesi terzi. e percorsi sicuri e legali. Ci sii concentra principalmente sulla rotta del Mediterraneo centrale anche se molte delle azioni richieste nel documento sono applicabili a tutte le altre principali rotte migratorie nella regione mediterranea e sulla rotta atlantica dall’Africa occidentale alla Spagna.

Continua a leggere su redattoresociale.it

11 Marzo 2021 | 06:36
migranti (385)
Condividere questo articolo!