udienza

Il Papa: "L'atteggiamento più pericoloso per un cristiano è l'orgoglio"

10.04.2019, 12:50 / redazionecatt

“Rimetti a noi i nostri debiti”. Francesco ha proseguito le sue catechesi sul Padre Nostro in piazza San Pietro affrontando oggi questa invocazione contenuta nella preghiera insegnata da Gesù. Per il Papa questa richiesta di perdono “entra nel campo delle nostre relazioni con gli altri”. E prosegue:

“Come abbiamo bisogno del pane, così abbiamo bisogno del perdono. Ogni giorno. Il cristiano che prega chiede anzitutto a Dio che vengano rimessi i suoi debiti. Questa è la prima verità di ogni preghiera: fossimo anche persone perfette, fossimo anche dei santi cristallini che non deflettono mai da una vita di bene, restiamo sempre dei figli che al Padre devono tutto”.

Per Papa Francesco “l’atteggiamento più pericoloso di ogni vita cristiana è l’orgoglio. È l’atteggiamento di chi si pone davanti a Dio pensando di avere sempre i conti in ordine con Lui”. “La gente che si crede perfetta e critica gli altri è gente orgogliosa”, ammette a braccio il Papa. Ma per il Pontefice il peggiore dei peccati è la superbia, che “può contagiare anche le persone che vivono una vita religiosa intensa. È il peccato che divide la fraternità, che ci fa presumere di essere migliori degli altri, che ci fa credere di essere simili a Dio”. Ma perché siamo debitori? Il Papa commenta: “Siamo debitori anzitutto perché in questa vita abbiamo ricevuto tanto: l’esistenza, un padre e una madre, l’amicizia, le meraviglie del creato. In secondo luogo siamo debitori perché, anche se riusciamo ad amare, nessuno di noi è capace di farlo con le sue sole forze. Nessuno di noi brilla di luce propria”.

C’è un “mysterium lunae”, per Francesco, non solo nell’identità della Chiesa, ma anche nella storia di ciascuno di noi. “Se ami è perché qualcuno, all’esterno di te, ti ha sorriso quando eri un bambino, insegnandoti a rispondere con un sorriso. Se ami è perché qualcuno accanto a te ti ha risvegliato all’amore, facendoti comprendere come in esso risiede il senso dell’esistenza”.

fonte: acistampa/red

Il Papa: le quattro tracce di un buon cristiano

26.06.2019

Il brano biblico che Papa Francesco commenta nella catechesi all’udienza di oggi è tratto dagli Atti degli Apostoli in cui si descrive la vita della prima comunità cristiana tutta dedita all’amore a Dio e ai fratelli. L’evangelista Luca mostra la chiesa di Gerusalemme come “il paradigma di ogni comunità cristiana".

Il Papa durante un'udienza

Papa: tutti ti capiranno se parli il linguaggio della verità e dell’amore

19.06.2019

Lo Spirito Santo è “artefice della comunione”, fa crescere la Chiesa aiutandola ad andare al di là dei limiti umani e di “qualsiasi scandalo”. Lo ricorda Papa Francesco all'udienza generale, stamani, in Piazza San Pietro, riflettendo sulla Pentecoste e proseguendo il suo ciclo di catechesi sugli Atti degli Apostoli.

Papa: testimoniare Cristo, superando l'autoreferenzialità

12.06.2019

All’udienza generale in Piazza San Pietro, Francesco sottolinea l’importanza del discernimento comunitario. Quindi ricorda come nel Dna della comunità cristiana ci siano l’unità e la libertà da sé stessi, che permettono di non temere la diversità, di non attaccarsi alle cose e di diventare testimoni di Dio vivente.