udienza

Il Papa: "L'atteggiamento più pericoloso per un cristiano è l'orgoglio"

10.04.2019, 12:50 / redazionecatt

“Rimetti a noi i nostri debiti”. Francesco ha proseguito le sue catechesi sul Padre Nostro in piazza San Pietro affrontando oggi questa invocazione contenuta nella preghiera insegnata da Gesù. Per il Papa questa richiesta di perdono “entra nel campo delle nostre relazioni con gli altri”. E prosegue:

“Come abbiamo bisogno del pane, così abbiamo bisogno del perdono. Ogni giorno. Il cristiano che prega chiede anzitutto a Dio che vengano rimessi i suoi debiti. Questa è la prima verità di ogni preghiera: fossimo anche persone perfette, fossimo anche dei santi cristallini che non deflettono mai da una vita di bene, restiamo sempre dei figli che al Padre devono tutto”.

Per Papa Francesco “l’atteggiamento più pericoloso di ogni vita cristiana è l’orgoglio. È l’atteggiamento di chi si pone davanti a Dio pensando di avere sempre i conti in ordine con Lui”. “La gente che si crede perfetta e critica gli altri è gente orgogliosa”, ammette a braccio il Papa. Ma per il Pontefice il peggiore dei peccati è la superbia, che “può contagiare anche le persone che vivono una vita religiosa intensa. È il peccato che divide la fraternità, che ci fa presumere di essere migliori degli altri, che ci fa credere di essere simili a Dio”. Ma perché siamo debitori? Il Papa commenta: “Siamo debitori anzitutto perché in questa vita abbiamo ricevuto tanto: l’esistenza, un padre e una madre, l’amicizia, le meraviglie del creato. In secondo luogo siamo debitori perché, anche se riusciamo ad amare, nessuno di noi è capace di farlo con le sue sole forze. Nessuno di noi brilla di luce propria”.

C’è un “mysterium lunae”, per Francesco, non solo nell’identità della Chiesa, ma anche nella storia di ciascuno di noi. “Se ami è perché qualcuno, all’esterno di te, ti ha sorriso quando eri un bambino, insegnandoti a rispondere con un sorriso. Se ami è perché qualcuno accanto a te ti ha risvegliato all’amore, facendoti comprendere come in esso risiede il senso dell’esistenza”.

fonte: acistampa/red

Papa: per pregare facciamoci piccoli, e lo Spirito ci guiderà

22.05.2019

Papa Francesco conclude il ciclo di catechesi dell'udienza generale sul "Padre nostro" e sottolinea che la preghiera cristiana nasce dall'audacia di chiamare Dio "Padre". Ma è lo Spirito Santo a pregare in noi: "senza la sua forza non potremmo mai pregare".

Il Papa torna sul Padre Nostro e spiega perchè Dio "non induce in tentazione"

01.05.2019

Francesco alla catechesi del mercoledì torna sulla traduzione del Padre Nostro riprendendo il concetto che Dio non induce in tentazione ma semmai, come dice la traduzione approvata dai vescovi italiani, «Non abbandona alla tentazione». Per il 1° maggio, festa di San Giuseppe, il Pontefice ha pregato per chi non ha lavoro, «una tragedia mondiale di questi tempi».

Papa in udienza: da Gesù impariamo ad affidarci al Padre nelle prove

17.04.2019

Papa Francesco, nella catechesi dell’udienza generale, si è soffermato sulle parole con cui Gesù, durante la passione, ha pregato il Padre. Un saluto particolare il Papa lo ha rivolto ai pellegrini francesi in relazione al rogo che ha devastato la cattedrale di Notre Dame.