Papa e Vaticano

Il Papa: la dedizione delle donne nella pandemia e i rischi a cui sono esposte

Le donne testimoni privilegiate della Risurrezione di Cristo, come ha ricordato il papa nel pensiero sul Vangelo del giorno pronunciato prima della recita della preghiera del Regina Coeli, sono pure in prima linea in questo momento di pandemia. Così dopo la preghiera Bergoglio si riallaccia alle parole dette poco prima e alle donne dedica il suo pensiero. Ricorda quanto molte di loro, dottoresse e infermiere stanno facendo, in questi giorni di emergenza sanitaria, a servizio dei malati, ma anche le donne «agenti delle forze dell’ordine e delle carceri, impiegate nei negozi di beni di prima necessità…, e tante mamme e sorelle che si trovano chiuse in casa con tutta la famiglia, con bambini, anziani, disabili». Quindi il Papa sottolinea: «A volte esse sono a rischio di subire violenza, per una convivenza di cui portano un peso troppo grande. Preghiamo per loro, che il Signore doni loro forza e che le nostre comunità possano sostenerle insieme alle loro famiglie. Che il Signore ci dia il coraggio delle donne, di andare sempre avanti.»

Al termine il Santo Padre ha voluto di nuovo pregare per i Paesi più colpiti dalla pandemia.

Papa Francesco nella biblioteca del Palazzo Apostolico.
13 Aprile 2020 | 13:39
Condividere questo articolo!