Papa e Vaticano

Gioia e attesa per il prossimo viaggio del Papa in Thailandia

Il Papa visiterà la Thailandia dal 20 al 23 novembre ( il 19 la partenza da Roma) e il Giappone dal 23 al 26 novembre. Sarà la seconda visita di un Pontefice in Thailandia, dopo quella di Giovanni Paolo II nel 1984. Il motto del Viaggio è »Discepoli di Cristo, discepoli missionari», con un richiamo ai 350 anni dell’istituzione del Vicariato Apostolico di Siam, eretto nel 1669.

Thailandia e Giappone

Due Paesi in cui i cattolici sono minoranza. In ambo i casi intorno allo 0,5% della popolazione: meno di 400mila in Thailandia dove i buddisti sono al 90% circa. 540mila circa in Giappone dove la maggioranza della popolazione è di tradizione scintoista e buddista in un contesto sociale però fortemente secolarizzato.

La diocesi di Chiang Mai

Territorio nel nord della Thailandia, la diocesi è stata istituita nel novembre del 1959. In due parrocchie, a Chaehom e Lamphun, vivono alcuni sacerdoti fidei donum del Triveneto che da anni animano la missione cattolica diocesana. La missione di Chaehom, che si sostiene con la produzione e la vendita di artigianato locale, è impegnata ad aiutare le popolazioni tribali e nomadi che abitano le montagne del nord della Thailandia, al confine tra Myammar e Laos, con la costruzione nei villaggi di impianti per l’acqua potabile, l’aiuto sanitario, la possibiilità di ospitare e far studiare i giovani della foresta.  

L’attesa del Papa

A Chaehom vive don Raffaele Sandonà, sacerdote fidei donum di Padova, da 10 anni in Thailandia, che descrive a Radio Vaticana Italia l’attesa del Paese per l’arrivo del Papa: «Il viaggio di Francesco servirà a confermare nella fede, sottolinea, i cattolici di quelle terre e si svolgerà all’insegna della promozione del dialogo interreligioso con il mondo buddista».

Nelle parole del sacerdote i dati sui cattolici nel Paese, il rapporto quotidiano sereno e costruttivo col mondo buddista e il clima istituzionale che sta precedendo l’arrivo di Francesco guardato e seguito per il suo esempio di umiltà e pace. «Questa visita» afferma don Raffaele – sarà sicuramente un bel passo in avanti»  sia nel dialogo che nella testimonianza chiesta alla Chiesa locale.

(Vatican News)

4 Novembre 2019 | 06:34
Condividere questo articolo!
En relation