Svizzera

Cardinale Kurt Koch: «L'ecumenismo richiede pazienza».

di Raphael Rauch – kath / traduzione di Maurice Page

Quali sono stati per lei i punti salienti dell’ecumenismo negli ultimi dieci anni?

Kurt Koch: Ce ne sono stati molti: il viaggio di papa Benedetto XVI a Erfurt, dove ha parlato molto positivamente di Martin Lutero. O il suo viaggio dagli anglicani in Inghilterra. Storico è stato anche l’incontro di Papa Francesco con il patriarca russo-ortodosso Cirillo all’Avana. O la sua partecipazione alla commemorazione congiunta della Riforma a Lund, in Svezia. Mi piace anche ripensare al viaggio di Papa Francesco al Consiglio Mondiale delle Chiese (WCC) a Ginevra nel 2018.

A livello di base, molti dicono: «Questa è pura diplomazia che non ci riguarda a livello locale».

Anche se la base sente di non accorgersi, tali eventi sono molto importanti per il progresso dell’ecumenismo. Spesso questi incontri sono stati il punto di partenza per importanti sviluppi. I frutti non sempre si manifestano immediatamente. Lo stesso vale per i numerosi dialoghi che portiamo avanti.

«Avrei immaginato che avremmo fatto progressi più rapidi».

Qual è stato il suo punto più basso come ministro dell’ecumenismo?

Avrei immaginato che avremmo fatto progressi più rapidi. Quello di cui a volte soffro è che nell’opinione pubblica le difficoltà dell’ecumenismo sono sempre attribuite alla Chiesa cattolica. È facile dimenticare che esistono ostacoli in tutte le chiese.

Spesso si sostiene che se la Chiesa cattolica fosse più aperta sulla questione del primato del Papa, l’ecumenismo si muoverebbe più velocemente.
Papa Giovanni Paolo II ha invitato tutte le Chiese cristiane ad entrare in un dialogo aperto con lui sulla pratica del primato del vescovo di Roma, in modo che non sia più un ostacolo ma un servizio all’unità. Mi auguro che questo invito aperto venga accettato ancora di più.

«La sinodalità non è un parlamento».

Papa Francesco sostiene la visione di una chiesa sinodale. Come lo intende?

Papa Francesco sottolinea costantemente che la sinodalità non è un parlamento. La democrazia è una procedura per determinare le maggioranze, la sinodalità è una procedura per facilitare l’unanimità. Sinodo significa confrontarsi fino a quando le decisioni non saranno prese all’unanimità. È molto più impegnativo della democrazia.

Questo significa che non vi aspettate più libertà e velocità?

Capisco in parte l’impazienza. Ma ci sono due virtù per l’ecumenismo: da un lato la passione per l’unità, e dall’altro la pazienza necessaria per raggiungere veramente quell’unità. Non si tratta di soluzioni rapide, ma di soluzioni praticabili. Papa Francesco intende quindi dedicare il prossimo Sinodo dei Vescovi al tema della sinodalità.

«È necessario un maggiore dialogo tra la base e i vescovi».

L’ecumenismo alla base sembra funzionare meglio dell’ecumenismo dall’alto.

Sono stato vescovo di Basilea per 15 anni. Ho sperimentato una base così varia come quella che lei descrive, anche per quanto riguarda le questioni ecumeniche. È anche necessario rafforzare il dialogo su queste differenze a livello di base e tra la base e i vescovi. Se non manteniamo il dialogo all’interno della Chiesa, non siamo credibili neanche nelle questioni ecumeniche.

Qual è la sua personale visione ecumenica?

Questa non è la mia visione personale. Lavoro al servizio della Chiesa e in nome del Papa. Il fatto è che nei vari dialoghi con i nostri partner cerchiamo di recuperare l’unità che si è persa a causa delle divisioni all’interno della Chiesa. Ma deve essere unità nella fede e non solo nell’organizzazione.

In autunno sarà pubblicata una guida ecumenica per i vescovi. Qual è il suo scopo?

Il primo responsabile dell’ecumenismo nella diocesi è il vescovo. La legge della Chiesa afferma chiaramente che il vescovo è al servizio dell’unità, non solo della propria Chiesa, ma di tutti i battezzati. Il «Vademecum ecumenico» ha lo scopo di aiutare i vescovi, specialmente i nuovi vescovi, ad adempiere alla loro responsabilità ecumenica.

Molte persone stanno lasciando le chiese. Cosa significa questo per l’ecumenismo?

Le sfide che il cristianesimo deve affrontare nelle società secolarizzate di oggi, comprese le uscite dalle chiese, riguardano tutte le confessioni. La sfida più centrale è senza dubbio la domanda di Dio: chi è Dio e come si può vivere oggi?

«Il Vangelo è un messaggio di unità e di riconciliazione».

Una risposta credibile a questa domanda non deve essere data solo da ogni chiesa. Piuttosto, siamo chiamati a un testimone comune.

Papa Francesco sottolinea che la Chiesa non deve sempre preoccuparsi di se stessa, ma deve diventare più missionaria. Come si può capire questo in una prospettiva ecumenica?
Questo può essere fatto in modo credibile solo se non facciamo proselitismo, cioè se non cacciamo di frodo i membri di altre chiese o missioni contro altre chiese. Il Vangelo è un messaggio di unità e di riconciliazione e deve quindi essere proclamato in comune.

Qual è il posto delle chiese libere nell’ecumenismo?

Oggi assistiamo a una rapida crescita delle chiese libere, dei gruppi evangelici e carismatici e dei movimenti pentecostali.

«Questi movimenti sono convinti dell’opera dello Spirito Santo nella vita delle persone».

Il pentecostalismo è oggi numericamente la seconda realtà dopo la Chiesa cattolica. Questi movimenti sono molto spesso caratterizzati da una forte convinzione dell’azione dello Spirito Santo nella vita delle persone. Dovremmo permetterci di essere sfidati da questo.

In passato la chiesa si prendeva gioco delle chiese pentecostali che venivano etichettate come sette.
Papa Francesco viene dall’America Latina e conosce i movimenti pentecostali. Può così aprire le porte a nuovi incontri. Possiamo imparare molto da loro.

«Non dobbiamo adottare la teologia della prosperità».

Ma ciò che non dobbiamo adottare è la teologia della prosperità, quella fede che garantisce il progresso economico nella vita dell’individuo. Una tale «teologia» è l’opposto dell’opzione per i poveri, che è importante per la Chiesa cattolica.

Quale è secondo lei l’aspetto più doloroso dell’ecumenismo?

La forma che papa Francesco chiama «ecumenismo del sangue». Oggi abbiamo più persecuzioni contro i cristiani che nei primi secoli. L’80% di coloro che sono perseguitati oggi per motivi di fede sono cristiani. Tutte le Chiese hanno i loro martiri.

«Il sangue dei martiri non separa ma unisce i cristiani».

Queste persone sono perseguitate non perché sono ortodossi o protestanti, cattolici o anglicani, ma perché sono cristiani. Questa realtà dovrebbe risvegliare una maggiore solidarietà tra noi cristiani.

Il termine «ecumenismo del sangue» ha un suono piuttosto marziale.
Non è la parola che è marziale, ma la realtà. Sono convinto che il sangue di tanti martiri oggi ci aiuterà a trovare l’unità tra i cristiani. Perché questo sangue non separa ma unisce i cristiani. (cath.ch/kath.ch/rr/mp)

Il cardinale svizzero Koch, a capo dell'Ecumenismo del Vaticano e il metropolita ortodosso Hilarion
24 Luglio 2020 | 14:13
Condividere questo articolo!