dal Mondo

Attacco ai copti in Egitto, il nunzio: ricaduti nella spirale di odio e violenza

03.11.2018, 17:10 / redazionecatt

«Un episodio di violenza che viene a turbare un periodo in cui sembrava si fossero ritrovate serenità e sicurezza. Siamo ricaduti in questa spirale di violenza e di odio che condanniamo con fermezza». Con queste parole il nunzio apostolico in Egitto, monsignor Bruno Musarò, commenta al Sir l’attacco sferrato da estremisti islamici contro dei bus che trasportavano cristiani copto-ortodossi in pellegrinaggio al monastero di San Samuele il Confessore, sulla strada fra Sohag e Minya, nel governatorato di Minya, Egitto centrale.

«In questo momento non possiamo che essere vicini alle famiglie delle vittime, ai feriti e pregare per loro. Al tempo stesso, come ci esorta Papa Francesco, bisogna alimentare la speranza. Il Signore sostenga tutti in questo momento cosi doloroso», ha detto il nunzio.

Continua a leggere su VaticanInsider.

Amazzonia, card. Barreto: come Chiesa vogliamo vivere una cultura dell’incontro

19.07.2019

Il cardinale Barreto sul Sinodo per l’Amazzonia: “può essere un segno importante della risposta efficace per la promozione della giustizia e la difesa della dignità delle persone”.

Usa: dure proteste contro la politica migratoria del governo

19.07.2019

Ieri, come si legge in un articolo del Sir, a Washington una manifestazione organizzata dal Centro Colomban per la difesa e la sensibilizzazione, dalla Conferenza dei superiori maggiori maschili, dalla Conferenza dei Gesuiti di Canada e Usa, dalla Conferenza delle religiose degli Stati Uniti, da Pax Christi Usa e altri, per protestare contro le politiche di immigrazione messe in atto alla frontiera, in particolare nei confronti dei bambini.

Leader musulmani ribadiscono l’adesione al Documento sulla Fratellanza

18.07.2019

A quasi sei mesi dalla firma ad Abu Dhabi del Documento sulla Fratellanza Umana, sottoscritto da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb, 22 leader e intellettuali musulmani sunniti, sciiti e sufi hanno firmato un testo di 15 pagine per ribadire il loro sostegno al Documento.