Svizzera

Kath.ch alla ricerca di youtubers

26.01.2018, 18:00 / redazionecatt

Anche in Svizzera i giovani utilizzano YouTube molto di frequente. La Chiesa all’interno del canale social è però ancora poco presente. Per questo motivo kath.ch, la versione in lingua tedesca del nostro portale, lancia un progetto dal titolo “Katholische YouTube-Stars”, concorso che si rivolge ai giovani tra i 14 e i 22 anni. I filmati dovranno essere di 90 secondi e mostrare uno spaccato di vita dei giovani all’interno della loro vita parrocchiale. I 12 migliori YouTuber saranno ingaggiati direttamente dal portale. Sul sito www.underkath.ch si trovano le condizioni di partecipazione.

Il progetto si inserisce nel contesto dei preparativi per il Sinodo dei Giovani. Si spera infatti, tramite l’iniziativa, di riuscire a mettere ancora più in contatto i giovani con la realtà della Chiesa, permettendo anche loro di conoscersi vicendevolmente e di creare una “community”.

Fatevi avanti!

Diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo: agenti pastorali chiamati a firmare la "Carta contro gli abusi sessuali"

15.02.2019

Come riporta cath.ch, tutti gli agenti pastorali della Diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo saranno tenuti a firmare la "Carta contro gli abusi sessuali" pubblicata dalla Diocesi all'inizio del 2019. La misura rientra nella politica di tolleranza zero applicata dalla Diocesi nei confronti della questione abusi.

L’UE taglia i fondi alle ONG elvetiche: per Caritas Svizzera una scelta incomprensibile

06.02.2019

La Commissione europea ha deciso alla fine del 2018, di non più concedere fondi alle ONG svizzere, fra le quali Caritas Svizzera. Hugo Fasel, direttore dell’organizzazione umanitaria cattolica, parla di una decisione incomprensibile.

Minoranze particolarmente a rischio: la Confederazione è disposta a partecipare ai costi per la loro protezione. In queste ore la consultazione

01.02.2019

È ormai di qualche mese fa la notizia che il Consiglio federale svizzero è disposto a partecipare ai costi per garantire la sicurezza delle minoranze bisognose di particolare protezione. Nella riunione del 4 luglio 2018 ha infatti incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di elaborare la necessaria ordinanza e di porla in consultazione entro la fine dell’anno; è quello che si sta facendo in questi giorni.