Svizzera

Kath.ch alla ricerca di youtubers

26.01.2018, 18:00 / redazionecatt

Anche in Svizzera i giovani utilizzano YouTube molto di frequente. La Chiesa all’interno del canale social è però ancora poco presente. Per questo motivo kath.ch, la versione in lingua tedesca del nostro portale, lancia un progetto dal titolo “Katholische YouTube-Stars”, concorso che si rivolge ai giovani tra i 14 e i 22 anni. I filmati dovranno essere di 90 secondi e mostrare uno spaccato di vita dei giovani all’interno della loro vita parrocchiale. I 12 migliori YouTuber saranno ingaggiati direttamente dal portale. Sul sito www.underkath.ch si trovano le condizioni di partecipazione.

Il progetto si inserisce nel contesto dei preparativi per il Sinodo dei Giovani. Si spera infatti, tramite l’iniziativa, di riuscire a mettere ancora più in contatto i giovani con la realtà della Chiesa, permettendo anche loro di conoscersi vicendevolmente e di creare una “community”.

Fatevi avanti!

San Nicolao (fonte cath.ch)

6 dicembre: arriva San Nicolao ... quello giusto

06.12.2018

San Nicola di Myra (Turchia, c.a. 261- 6 dicembre 343), noto pure come San Nicola di Bari, un vescovo dei primi secoli del cristianesimo, è il personaggio a cui si ispira la figura che sfila oggi in molti villaggi svizzeri portando piccoli regali ai bambini.

70° Dichiarazione diritti dell’uomo: convegno a Ginevra

03.12.2018

Mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia accademia per la vita, interviene oggi al Palazzo delle Nazioni, a Ginevra, in un convegno a 70 anni dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’umani.

I Vescovi svizzeri riunitisi in questi giorni per l'assemblea ordinaria della Conferenza dei Vescovi svizzeri a Coira.

Assemblea ordinaria della Conferenza dei Vescovi svizzeri: lotta decisa agli abusi e solidarietà concreta verso i cristiani perseguitati

29.11.2018

Si è svolta in questi giorni, dal 26 al 28 novembre presso il Seminario di Coira la 322esima assemblea ordinaria della Conferenza dei Vescovi svizzeri. Mons. De Raemy propone anche di riattivare, in una forma ancora da valutare, il Consiglio dei giovani entro la Conferenza episcopale, per dar seguito al Sinodo. In arrivo, invece, un catalogo di misure concrete per lottare e sensibilizzare contro gli abusi gli agenti ecclesiali.