Il teologo? Sorpreso dal mistero / gdp.ch

27.11.2016 – Il «Nobel» dei teologi va quest’anno a mons. Biffi, professore anche alla facoltà di Teologia di Lugano. I suoi scritti sono dedicati in particolare al periodo medievale.

L’Infinito è un capolavoro perché cela la percezione del mistero eterno. Oltre i limiti della natura e della materia

31.10.2016 – Il manoscritto originale va via dal palazzo del Governo di Visso, danneggiato già dal terremoto del 24 agosto, per essere accolto per il momento a Bologna, assieme ad altre carte originali leopardiane, tra cui anche un altro idillio, «La sera del dì di festa»«». Anche se è proprio L’Infinito ad essere diventato il Leopardi per antonomasia, un Leopardi in cui l’attesa era già la festa

Tags

Tags