Internazionale

«Svegliati Europa»: l'esortazione dei vescovi europei a riscoprire le radici comuni

«Svegliati Europa!» è l’esortazione contenuta nel Messaggio finale dell’Assemblea della CCEE che si è conclusa sabato a Santiago de Compostela, in Spagna. I vescovi del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa si rivolgono ai cittadini europei con una dichiarazione di fiducia verso il futuro, che invita a riscoprire le radici comuni. «Nelle diverse storie e tradizioni, nelle sfide vecchie e nuove – si legge nel testo – ci sono elementi di speranza: tra questi, i santi e i martiri dei nostri Paesi, fiaccole ardenti che incoraggiano il presente e annunciano il futuro. Essi brillano come stelle nel cielo».

Contemplare l’esempio dei Santi Patroni
I presuli attingono quindi alla tradizione cristiana per indicare la via del risveglio spirituale: «Contempla i numerosi esempi di questa speranza soddisfatta, a cominciare dai nostri santi Patroni: Benedetto da Norcia, Cirillo e Metodio, Brigida di Svezia, Caterina da Siena, Teresa Benedetta della Croce, segno di un’Europa unita nella diversità. Riscopri la testimonianza di grandi figure europee più vicine a noi, come madre Giuseppina Vannini, Margarita Bays, il cardinale John Henry Newman che domenica 13 ottobre saranno proclamati Santi dalla Chiesa e gli innumerevoli esempi di santità presenti lungo le strade del nostro tempo e che, spesso, incontriamo nel nostro quotidiano».

Le contraddizioni dell’Europa
In questo contesto l’Assemblea della CCEE ha preso anche consapevolezza della situazione in cui vivono i «nostri Paesi» e delle diverse «contraddizioni esistenti»: il desiderio di Dio e allo stesso tempo la fragilità della vita cristiana; il desiderio della vita fondata sul Vangelo e allo stesso tempo la debolezza ecclesiale e umana; il desiderio di armonia nella società e con il creato, ma anche la perdita di ogni senso di verità oggettiva; il desiderio di una felicità duratura, ma anche la perdita di un senso condiviso del destino a cui l’umanità è chiamata; il desiderio di pace interiore e coerenza espressi in una ricerca spirituale, ma anche la negazione di quella ricerca in molti discorsi pubblici.

Famiglia unico generatore di futuro
Dalla tomba dell’Apostolo Giacomo, meta di numerosi pellegrini, i presuli europei rimarcano però i segnali di speranza che ancora arrivano dal Vecchio Continente: «Rallegrati, Europa, della bontà del tuo popolo, dei tanti santi nascosti che ogni giorno contribuiscono, in silenzio, alla costruzione di una società civile più giusta e più a misura d’uomo».

«Guarda alle tante famiglie – prosegue il messaggio – le sole capaci di generare futuro. Riconosci con gratitudine la loro fede in Dio e il loro esempio. Lascia che modellino questo nostro amato continente e, come ci ricorda Papa Francesco, si adoperino per un nuovo umanesimo europeo, capace di dialogare, di integrare e di generare, valorizzando nel contempo ciò che è più caro alla tradizione del continente: la difesa della vita e della dignità umana, la promozione della famiglia e il rispetto per i diritti fondamentali della persona».

Cristo è la risposta a tutte le domande
Il Messaggio si conclude con una rinnovata proclamazione di fede in Cristo che è «la vera risposta a tutte le domande di senso» e «Salvatore dell’uomo e del mondo». I vescovi ribadiscono che dolo in Lui «trovano risposta le nostre domande, poiché solo Lui è la rivelazione piena del mistero di Dio e la risposta dell’umanità a questo mistero di Amore e di Misericordia». «Egli rende chi lo accoglie disponibile ad ascoltare, ad amare e a farsi prossimo – scrivono infine i presuli – mettendosi, nel nome di Cristo, a servizio dell’uomo, specialmente di chi è nel bisogno, con quella carità che ci sprona a riconoscerci figli di un unico Padre».

(Vatican News)

Il Messaggio dei vescovi nella versione integrale

I Presidenti delle Conferenze Episcopali d’Europa presenti a Santiago de Compostela per l’annuale Assemblea Plenaria.
8 Ottobre 2019 | 11:04
Condividere questo articolo!