Anniversario

Domani, a 2 anni dall'elezione, Papa Bergoglio e le "cose mai viste"

12.03.2015, 09:21 / Redazione

di Alberto Bobbio

Famiglia Cristiana

Premette subito nel sottotitolo del suo libro:Cronache di cose mai viste. Raniero La Valle, parlamentare della Sinistra indipendente per 16 anni e prima direttore dell’Avvenire d’Italia di Bologna, uno dei due quotidiani cattolici insieme all’Italia di Milano da cui nacque per volere di Paolo VI il quotidiano Avvenire, ha raccontato il concilio Vaticano II a chi non sapeva il latino. E ora si cimenta nell’ultimo suo libro, Chi sono io, Francesco?, edito da Ponte alle Grazie, con la Chiesa di papa Francesco dopo due anni di pontificato.

– Perché cronache di cose mai viste?

«Perché la sera del 13 marzo quando il nuovo Papa si è affacciato sulla piazza e ha detto buonasera, e prima ancora di dare la benedizione si è inchinato chiedendo la benedizione del popolo, s’è capito che una lunga attesa era giunta forse alla  ne e qualcosa di veramente nuovo stava per accadere».

– Chi è Francesco?

«È la domanda che lui stesso si è fatta e che ho posto come titolo del mio libro. Ed è il cuore della tesi del volume e insieme la novità del ponti cato. Il Papa mette in questione non solo sé stesso, ma il Ministero petrino che esercita. Si mette all’interno del grande corteo del popolo cristiano e non al di sopra, spiega che lui è uno di noi».

– Eppure lui è il Papa.

«Sì, ma il Papa nella sua idea è solo uno a cui Dio ha guardato con grande misericordia. Bergoglio ha sempre avuto questa idea e lo dimostra nella scelta del motto episcopale, cioè “Miserando atque eligendo” (Guardò con misericordia e scelse). Bergoglio lo ha spiegato nell’intervista alla Civiltà Cattolica, quando ha detto di essere un peccatore a cui il Signore (miserando) ha rivolto i suoi occhi».

– E dal punto di vista del governo?

«È il Papa che ha ripreso in mano il concilio Vaticano II e lo sta portando avanti dopo cinquant’anni di recezione piuttosto contrastata, ripartendo dal punto in cui il Concilio era arrivato e cioè la riproposizione dell’annuncio nei modi adatti ai nostri tempi con le modalità, lo stile e le parole che i tempi richiedono. L’altra impronta del suo ponti cato è il rinnovamento dell’annunciatore, perché riprendere il ragionamento del Concilio e sulla riforma della Chiesa comporta la riforma del Papato, che non possono fare le istituzioni della Chiesa, ma il Papa stesso. Ecco perché lui per primo si pone la domanda di chi sono io, chi è il Papa».

– Tutto parte da quella richiesta di benedizione alla folla?

«Sì, quello è stato il segnale di un cambiamento straordinario. Lui sta con il popolo e non sopra al popolo. Torna alla mente la de nizione che fu data di Giovanni XXIII, un cristiano sul trono di Pietro. Bergoglio parla un linguaggio per nulla curiale. La sua formazione è la teologia del popolo, la sua identità è quella del prete di strada, che ha un orecchio al popolo e un altro al Vangelo e sa qual è il linguaggio giusto per farsi comprendere».

– A chi è più vicino papa Francesco?

«A Roncalli che ha iniziato il Concilio e a Paolo VI che lo ha portato avanti e lo ha concluso».

– Ce la farà, papa Francesco, a dare consistenza a quel balzo?

«Bergoglio ha riaperto in questi due anni la questione di Dio. Ha spiegato in pratica che il problema non è quello di restaurare i fasti della religione e della Chiesa, ma il problema è il Dio sbagliato che si ha in mente. E non solo per via dei fondamentalismi. Ce la farà se tutti capiranno  nalmente che esiste un’immagine di Dio diversa da quella che gli uomini hanno s gurato. La missione di Francesco è questa. Se lui e la Chiesa ci riusciranno sarà un bene, altrimenti l’alternativa è drammatica e sarà una tragedia, perché il mondo vive in una situazione di estremo pericolo. Ha perso la cultura, ha perso certezze, l’uomo sta tentando di regolare tutto attraverso il denaro e il potere, di ripristinare la guerra come unico moto regolatore di ogni controversia, di smorzare la fede negandola. Il Papa sa che il passo verso il baratro è breve, per questo alza la voce contro l’economia che uccide. E sa che l’unica riserva è Dio, solamente Dio, ma non un Dio frainteso ed equivocato, perché se ci si sbaglia su Dio tutto è perduto».

– Qual è il Dio sbagliato?

«Quello con il volto tumefatto, violento, vendicativo e sacri cale. Quello che il Papa allontana quando chiede chi sono io per giudicare».

– E la prospettiva di Bergoglio?

«Non offre parole d’ordine ma chiede di continuare a percorrere la via del Vangelo, che lui presenta come l’unica prospettiva di successo. La scon tta non è la via del cristiano, e nemmeno la croce è mai stata una scon tta. Bergoglio ha la certezza della vittoria. Dunque si può dire che il suo Ponti cato, più che profetico nel senso dell’invettiva a cui associamo di solito i grandi profeti, sia un Ponti cato messianico, nel senso proprio di Gesù: “Vi hanno detto, ma io vi dico…”».

Trent’anni fa lo storico abbraccio tra Papa Wojtyla e il Rabbino Toaff

14.04.2016

L’anniversario è celebrato con una mostra al Museo Ebraico di Roma. La nipote: «Quel gesto diventò il simbolo del cambiamento e dell’amicizia»

Facoltà Teologica di Lugano

Il Papa della misericordia / gdp.ch

06.04.2016

Andrea Tornielli, autore del libro-intervista a Francesco, dibatte con mons. Lazzeri: una serata per i 90 anni del GdP dedicata al cuore del Magistero di Bergoglio.

https://www.flickr.com/photoskoreanet

L'umanità contagiosa del Papa / GdP

14.03.2016

L'editoriale di Cristina Vonzun sul Pontificato di Francesco, che annuncia ma sopratutto mostra la sua proposta di "Chiesa in uscita", missionaria, in ricerca di chiunque.

angelus   migranti   egitto   ticino   vaticano   gmg   pace   misericordia   Ecumenismo   SantaMarta   islam   guerra   preghiera   africa   svizzera   trump   lourdes   PapaFrancesco   Francesco   siria   isis   aleppo   giovani   udienzagenerale   strada regina   udienza   famiglia   gdp   colombia   Papa   chiesa