Svizzera

Opera Don Bosco nel Mondo - Cinquant'anni di generosità dal Ticino al mondo

11.01.2019, 06:45 / redazionecatt

Come si può leggere sul suo sito internet, la Fondazione Opera Don Bosco nel Mondo è stata fondata il 24 giugno 1965 da don Enrico Morganti, sacerdote salesiano svizzero, per sostenere le Opere Salesiane in Burundi e in particolare la costruzione della scuola di Ngozi.

Oggi lo scopo della Fondazione è però più vasto, e comprende il sostegno e l’aiuto alle Opere di Don Bosco nel mondo, attraverso la realizzazione di progetti sociali ed educativi per giovani e adulti, interventi strutturali e aiuti alle popolazioni colpite da calamità naturali e emergenze umanitarie in molti Paesi in cui sono presenti i Salesiani con i loro operatori.

In particolare, la Fondazione promuove poi un sostegno a distanza che non si rivolge solo ad un bambino in particolare, ma anche ad una comunità di bambini e ragazzi che possono partecipare, con la loro comunità e nel contesto sociale in cui vivono con le loro famiglie, ai programmi educativi offerti loro dalle Opere Salesiane di don Bosco.

Inoltre, la Fondazione nel tempo ha reso possibili diversi interventi umanitari, per esempio in occasione del terremoto in Ecuador o della guerra civile in Sudan o nell’attuale conflitto in Siria. Gli aiuti possono consistere in beni di prima necessità, come acqua, cibo, coperte, medicinali oppure in aiuti per la realizzazione di progetti strutturali ed igenico-sanitari finalizzati al ripristino e al recupero delle comunità locali.

La Fondazione può essere sostenuta con una donazione a “Opera Don Bosco nel Mondo”,

al numero bancario IBAN: CH87 0900 0000 6900 3320-3

e al conto corrente: 69-3320-3.

(red)

Aperte le candidature per il Premio dei media cattolici 2019

22.03.2019

Il premio, consistente in 5000 franchi, ha come scopo di manifestare l'interesse della Chiesa cattolica per i media e il loro contributo alla diffusione della speranza cristiana. Secondo il regolamento, il premio può essere attribuito a delle persone o a istituzioni, per un loro impegno puntuale o di lunga durata a favore del messaggio cristiano. Può trattarsi di un contributo giornalistico tv, radio, cartaceo o web.

Gli episcopati di Francia, Germania e Svizzera riflettono sull'Europa

22.03.2019

Le elezioni europee di maggio saranno al centro della discussione alla quale prenderà parte mons. Félix Gmür, Vescovo di Basilea e Presidente della Conferenza dei Vescvoi svizzeri. Nella convinzione che rilanciare l'Europa passa da una ridefinizione del bene comune, le Conferenze episcopali di Francia, Germania e Svizzera vorrebbero condurre una riflessione approfondita su questa tematica. Per questo hanno messo in piedi una piattaforma di discussione, con circa 80 partecipanti dai tre Paesi, provenienti sia dal mondo ecclesiale, che universitario, economico e politico.

La ticinese Tiziana Conti. © Jacques Berset

Festival di Friborgo: la giuria ecumenica ponte tra Chiesa e cinema

18.03.2019

Tiziana Conti e Denise F. Spörri-Müller per la prima volta partecipano nella giuria ecumenica del Festival Internazionale del Film di Friborgo (FIFF), in corso dal 15 al 23 marzo. Le due amanti del cinema sperano di portare il loro tocco “cristiano” alla rassegna internazionale.