dal Mondo

Nubifragi in Giappone: fonti locali al Sir, “danni estesi”

11.07.2018, 16:28 / redazionecatt

Sono 169 i morti, 79 i dispersi e oltre 20mila le persone rimaste isolate in conseguenza delle piogge torrenziali che hanno colpito il Giappone orientale e, in particolare, le prefetture di Hiroshima, Ehime e Kochi, che hanno diffuso questi dati.

Le zone isolate vengono raggiunte dagli elicotteri per il rifornimento di acqua potabile e cibo. “Purtroppo ancora poche notizie precise” sono disponibili quanto ai danni materiali, riferisce al Sir Koichi Arimura, del dipartimento per le Comunicazioni sociali della Conferenza episcopale giapponese. La diocesi di Hiroshima, quella più devastata dall’acqua è ancora impegnata a “rendersi conto dei danni: è difficile perché sono molto estesi”, spiega Arimura.

Al momento, la Caritas Giappone, già sul posto, “sta lavorando per capire come intervenire nelle aree colpite”. È certo che “per poter continuare a soccorrere le vittime di questo pesante disastro” la Caritas ha aperto una raccolta fondi straordinaria, fondi che “saranno usati per i soccorsi da organizzare in cooperazione con la parrocchia delle zone colpite”, si legge sul sito.

AgenSir

Santa Sede: Armi nucleari dannose per salute, ambiente, povertà

18.09.2018

Alla 62ma Conferenza internazionale dell’Aiea, mons. Gallagher apprezza gli sforzi dell’organismo Onu verso l’Iran e la Corea del Nord. Occorre un bando totale alle armi nucleari, contro “incontrollato rilascio di materiali radioattivi direttamente nell’ambiente” e per non deviare dalle “ priorità reali dell’umanità sofferente”.

Karim Asir, il "Charlie Chaplin" fra le bombe per donare un sorriso agli afghani

17.09.2018

Il giovane si esibisce per le strade della capitale nonostante i rischi e le minacce. Padre Moretti, ex-cappellano presso l’ambasciata italiana a Kabul: “È da ammirare".

Giovani con il Papa

Dall'America Latina “totale appoggio” a Papa Francesco dai giovani che hanno preso parte al “pre-Sinodo”

13.09.2018

“Siamo i giovani protagonisti del presente, eredi del passato e costruttori del futuro e come tali desideriamo farti conoscere la nostra vicinanza e il nostro totale appoggio in questo arduo lavoro di ricostruzione della nostra Chiesa”.