dal Mondo

Nubifragi in Giappone: fonti locali al Sir, “danni estesi”

11.07.2018, 16:28 / redazionecatt

Sono 169 i morti, 79 i dispersi e oltre 20mila le persone rimaste isolate in conseguenza delle piogge torrenziali che hanno colpito il Giappone orientale e, in particolare, le prefetture di Hiroshima, Ehime e Kochi, che hanno diffuso questi dati.

Le zone isolate vengono raggiunte dagli elicotteri per il rifornimento di acqua potabile e cibo. “Purtroppo ancora poche notizie precise” sono disponibili quanto ai danni materiali, riferisce al Sir Koichi Arimura, del dipartimento per le Comunicazioni sociali della Conferenza episcopale giapponese. La diocesi di Hiroshima, quella più devastata dall’acqua è ancora impegnata a “rendersi conto dei danni: è difficile perché sono molto estesi”, spiega Arimura.

Al momento, la Caritas Giappone, già sul posto, “sta lavorando per capire come intervenire nelle aree colpite”. È certo che “per poter continuare a soccorrere le vittime di questo pesante disastro” la Caritas ha aperto una raccolta fondi straordinaria, fondi che “saranno usati per i soccorsi da organizzare in cooperazione con la parrocchia delle zone colpite”, si legge sul sito.

AgenSir

La Santa Sede all’Onu: 40 milioni di persone in schiavitù, è tempo di sradicare la tratta

12.11.2018

L’appello dell’osservatore permanente Bernardito Auza al Palazzo di Vetro

Padre Dall'Oglio

Padre dall'Olio a cinque anni dalla scomparsa: il sacrificio "estremo" di un testimone "radicale" di Cristo, ponte verso l’islam

10.11.2018

Gettare le basi verso un “cammino di speranza” nel solco del dialogo fra cristiani e musulmani. E sacrificarsi in un “estremo gesto di amore” per trattare la liberazione di persone prigioniere nelle mani dei miliziani dello Stato islamico. Sono questi alcuni dei tratti distintivi di p. Paolo Dall’Oglio, gesuita italiano in Siria, di cui non si hanno più notizie da oltre cinque anni.

La povera Asia Bibi

La figlia di Asia Bibi: quando la incontrerò l'abbraccerò e piangeremo insieme

10.11.2018

In un videomessaggio, la figlia diciottenne di Asia Bibi ringrazia quanti hanno pregato Dio perché la mamma fosse liberata. Intanto, due leader estremisti islamici che hanno incitato alla violenza dovranno comparire davanti ai giudici.