Il Papa durante la preghiera dell'Angelus
angelus
Il Papa durante la preghiera dell'Angelus

Il "grazie" del Papa alle mamme

12.05.2019, 12:58 / redazionecatt

In occasione della festa della mamma non poteva non esserci un pensiero del Papa per tutte le mamme del mondo. “Vorrei inviare un caro saluto a tutte le mamme, ringraziandole per la loro preziosa opera nella crescita dei figli e nella tutela del valore della famiglia. Ricordiamo anche le mamme che ci guardano dal Cielo e continuano a vegliare su di noi con la preghiera. Il nostro pensiero va anche alla nostra Mamma celeste, che celebreremo domani 13 maggio, con il nome di Nostra Signora di Fatima. A Lei ci affidiamo per proseguire con gioia e generosità il nostro cammino”, ha detto il Papa che in mattinata, nella Basilica di san Pietro in questa giornata dedicata dalla Chiesa per la preghiere per le vocazioni, ha ordinato diversi sacerdoti.

Nel commento al Vangelo odierno del Buon Pastore, Francesco prima dell’Angelus ha detto: “Ascoltare e riconoscere la sua voce, infatti, implica intimità con Lui, che si consolida nella preghiera, nell’incontro cuore a cuore con il divino Maestro e Pastore delle nostre anime”. Ed ha proseguito: “Il Buon Pastore ,Gesù, – ha detto il Papa- è attento a ciascuno di noi, ci cerca e ci ama, rivolgendoci la sua parola, conoscendo in profondità il nostro cuore, i nostri desideri e le nostre speranze, come anche i nostri fallimenti e le nostre delusioni. Ci accoglie e ci ama così come siamo, con i nostri pregi e i nostri difetti”. E la intimità con lui nella preghiera “rafforza in noi il desiderio di seguirlo, uscendo dal labirinto dei percorsi sbagliati, abbandonando i comportamenti egoistici, per incamminarci sulle strade nuove della fraternità e del dono di noi stessi, ad imitazione di Lui” E solo così “potremo anche attirare verso di Lui quelle persone che lo stanno cercando, ma forse senza saperlo. Ci sono tante persone, che solo Dio conosce nel loro cuore, e che sono già sue “pecore”, ma hanno bisogno di un fratello, di una sorella che le conduca a Gesù Cristo. Poter fare questo è una grande grazia e una grande gioia!”. Ed ha concluso: “Maria, Madre di Cristo Buon Pastore. Lei, che ha risposto prontamente alla chiamata di Dio, aiuti in particolare quanti sono chiamati al sacerdozio e alla vita consacrata ad accogliere con gioia e disponibilità l’invito di Cristo ad essere suoi più diretti collaboratori nell’annuncio del Vangelo e nel servizio del Regno di Dio in questo nostro tempo”.

La Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni
Il Papa ha ricordato che in questa domenica “ricorre la Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni, che quest’anno ha come tema: “Il coraggio di rischiare per la promessa di Dio”. Seguire Gesù sempre è un rischio ma ci vuole coraggio. In tutte le comunità si prega in modo particolare per le vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata. Stamani, nella Basilica di San Pietro, ho avuto la gioia di ordinare alcuni nuovi Sacerdoti. Mentre saluto con affetto questi neo-presbiteri insieme con i loro familiari e amici, vi invito a ricordare quanti il Signore continua a chiamare per nome, come fece un giorno con gli Apostoli sulla riva del lago di Galilea, perché diventino “pescatori di uomini”. Ne ho invitati due a salutarvi e benedirvi con me!”.

fonte acistampa/red

Papa: il male è come un leone furioso, ma Gesù ci libera dal suo potere

15.05.2019

"Ma liberaci dal male": è questa l'ultima invocazione contenuta nel "Padre nostro" a cui Papa Francesco dedica la catechesi di questo mercoledì. Di fronte alla forte presenza del male nel mondo, i cristiani sperimentano che Gesù è "dalla nostra parte", Lui che dalla croce ha donato a tutti il perdono e la pace.

Papa: no a pietre della condanna, Gesù apre una strada nuova

07.04.2019

All’Angelus il Papa riflette sull’episodio evangelico della donna adultera in cui si contrappongono due atteggiamenti: quello di scribi e farisei e quello di Gesù che impersona la misericordia di Dio e apre ad una vita nuova.

L'appello del Papa per il Nicaragua. Lunedì 25 la visita di Bergoglio a Loreto

24.03.2019

"Tutti noi abbiamo bisogno di convertirci, di fare un passo avanti, ma la possibilità di convertirci non è illimitata", afferma Francesco all’Angelus commentando la parabola del Fico. Al termine della preghiera l'appello a sostegno dei colloqui per risolvere la crisi nel Paese centroamericano e il ricordo dei 40 missionari uccisi nel 2018.