Papa

Domenica delle Palme. Francesco: riconosciamo Gesù nei sofferenti

10.04.2017, 06:50 / Redazione

“Gesù è presente in tanti nostri fratelli e sorelle, che oggi patiscono sofferenze come Lui”. Queste le parole del Papa nella Messa della Domenica delle Palme, presieduta in una Piazza San Pietro affollata di fedeli di ogni continente e soprattutto di giovani, che oggi  celebrano la 32.ma Giornata Mondiale della Gioventù a livello diocesano. Francesco nell’omelia, partendo dal trionfale ingresso di Gesù in Gerusalemme, ha ripercorso i significati della Settimana Santa. La liturgia solenne è stata aperta dalla processione e dalla benedizione papale delle palme e degli ulivi. Il servizio di Giancarlo La Vella:

Con la Domenica delle Palme inizia la serie di celebrazioni, che si concludono con la Passione del Signore e poi la Pasqua di Resurrezione, e che costituiscono il cuore della fede cristiana. Essa – ha detto il Papa – “ha un doppio sapore, dolce e amaro: in essa celebriamo il Signore, che entra osannato in Gerusalemme e, nello stesso tempo, viene proclamato il racconto evangelico della sua Passione”.

“Per questo il nostro cuore sente lo struggente contrasto, e prova in qualche minima misura ciò che dovette sentire Gesù nel suo cuore in quel giorno, giorno in cui gioì con i suoi amici e pianse su Gerusalemme”.

L’accoglienza entusiasta da parte dei discepoli e della folla di Gerusalemme, tuttavia non fa di Gesù un leader, un trascinatore:

“Questo Gesù non è un illuso che sparge illusioni, un profeta ‘new age’, un venditore di fumo, tutt’altro: è un Messia ben determinato, con la fisionomia concreta del servo, il servo di Dio e dell’uomo che va alla passione; è il grande Paziente del dolore umano”.

Gesù, dunque, è il Re, che però in questa Settimana dovrà patire calunnie, oltraggi, tradimenti, l’abbandono, il giudizio iniquo, e poi le percosse, i flagelli, la corona di spin; infine la via crucis e la crocifissione.

E Gesù stesso non ha mai promesso ai suoi discepoli onori e successi, ricorda il Papa, citando il Vangelo di Matteo, “Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua”. Egli ha sempre avvertito i suoi amici che la sua strada era quella, e che la vittoria finale sarebbe passata attraverso la passione e la croce. E anche per noi vale lo stesso, sottolinea Francesco “Sopportiamo con pazienza la nostra croce – esorta – guardando a Lui, accettando di portarla giorno per giorno” e guardando al prossimo sofferente:

“Questo Gesù, è presente in tanti nostri fratelli e sorelle che oggi, oggi patiscono sofferenze come Lui: soffrono per un lavoro da schiavi, soffrono per i drammi familiari, per le malattie… Soffrono a causa delle guerre e del terrorismo, a causa degli interessi che muovono le armi e le fanno colpire. Uomini e donne ingannati, violati nella loro dignità, scartati”.

In ognuno di loro – ha detto il Pontefice – c’è Gesù che chiede di essere guardato, di essere riconosciuto, di essere amato. Non è un altro Gesù: è lo stesso che è entrato in Gerusalemme tra lo sventolare di rami di palma e di ulivo.

“E’ lo stesso che è stato inchiodato alla croce ed è morto tra due malfattori. Non abbiamo altro Signore all’infuori di Lui: Gesù, umile Re di giustizia, di misericordia e di pace”.

(Da Radio Vaticana)

Papa: l’apostolato della prevenzione è la chiave contro gli abusi

20.07.2019

In un videomessaggio in spagnolo rivolto agli studenti di un corso sui protocolli e i processi di prevenzione per la tutela dei minori, in programma, fino al prossimo 26 luglio, alla Pontificia Università del Messico, il Papa sottolinea l'importanza della prevenzione.

Argentina, la più grande mostra sulla vita di Papa Francesco

16.07.2019

"Gesti e parole. Jorge Mario Bergoglio, una presenza originale". Questo è il titolo della mostra fotografica dedicata a Papa Francesco, promossa dall’Unione operaia per la costruzione della Repubblica argentina (Uocra), a Buenos Aires.

Il Papa: il mondo ogni giorno più crudele, si parla di pace ma si vendono armi

06.07.2019

Videomessaggio del Pontefice per la Giornata mondiale del rifugiato del 29 settembre.