Papa e Vaticano

Domenica delle Palme. Francesco: riconosciamo Gesù nei sofferenti

«Gesù è presente in tanti nostri fratelli e sorelle, che oggi patiscono sofferenze come Lui». Queste le parole del Papa nella Messa della Domenica delle Palme, presieduta in una Piazza San Pietro affollata di fedeli di ogni continente e soprattutto di giovani, che oggi  celebrano la 32.ma Giornata Mondiale della Gioventù a livello diocesano. Francesco nell’omelia, partendo dal trionfale ingresso di Gesù in Gerusalemme, ha ripercorso i significati della Settimana Santa. La liturgia solenne è stata aperta dalla processione e dalla benedizione papale delle palme e degli ulivi. Il servizio di Giancarlo La Vella:

Con la Domenica delle Palme inizia la serie di celebrazioni, che si concludono con la Passione del Signore e poi la Pasqua di Resurrezione, e che costituiscono il cuore della fede cristiana. Essa – ha detto il Papa – «ha un doppio sapore, dolce e amaro: in essa celebriamo il Signore, che entra osannato in Gerusalemme e, nello stesso tempo, viene proclamato il racconto evangelico della sua Passione».

«Per questo il nostro cuore sente lo struggente contrasto, e prova in qualche minima misura ciò che dovette sentire Gesù nel suo cuore in quel giorno, giorno in cui gioì con i suoi amici e pianse su Gerusalemme».

L’accoglienza entusiasta da parte dei discepoli e della folla di Gerusalemme, tuttavia non fa di Gesù un leader, un trascinatore:

«Questo Gesù non è un illuso che sparge illusioni, un profeta ›new age’, un venditore di fumo, tutt’altro: è un Messia ben determinato, con la fisionomia concreta del servo, il servo di Dio e dell’uomo che va alla passione; è il grande Paziente del dolore umano».

Gesù, dunque, è il Re, che però in questa Settimana dovrà patire calunnie, oltraggi, tradimenti, l’abbandono, il giudizio iniquo, e poi le percosse, i flagelli, la corona di spin; infine la via crucis e la crocifissione.

E Gesù stesso non ha mai promesso ai suoi discepoli onori e successi, ricorda il Papa, citando il Vangelo di Matteo, «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua». Egli ha sempre avvertito i suoi amici che la sua strada era quella, e che la vittoria finale sarebbe passata attraverso la passione e la croce. E anche per noi vale lo stesso, sottolinea Francesco «Sopportiamo con pazienza la nostra croce – esorta – guardando a Lui, accettando di portarla giorno per giorno» e guardando al prossimo sofferente:

«Questo Gesù, è presente in tanti nostri fratelli e sorelle che oggi, oggi patiscono sofferenze come Lui: soffrono per un lavoro da schiavi, soffrono per i drammi familiari, per le malattie… Soffrono a causa delle guerre e del terrorismo, a causa degli interessi che muovono le armi e le fanno colpire. Uomini e donne ingannati, violati nella loro dignità, scartati».

In ognuno di loro – ha detto il Pontefice – c’è Gesù che chiede di essere guardato, di essere riconosciuto, di essere amato. Non è un altro Gesù: è lo stesso che è entrato in Gerusalemme tra lo sventolare di rami di palma e di ulivo.

«E’ lo stesso che è stato inchiodato alla croce ed è morto tra due malfattori. Non abbiamo altro Signore all’infuori di Lui: Gesù, umile Re di giustizia, di misericordia e di pace».

(Da Radio Vaticana)

10 Aprile 2017 | 06:50
Palme (2), Papa (1093)
Condividere questo articolo!