Davide Pesenti. Foto @bernardhallet @cath.ch
Ticino e Grigionitaliano

Davide Pesenti è il nuovo segretario generale della Conferenza Episcopale Svizzera

È di Grono il nuovo segretario della Conferenza dei vescovi Svizzeri. Davide Pesenti, attualmente giornalista di RTSreligion, è stato nominato segretario generale della Conferenza Episcopale Svizzera (CVS). Il 39enne della Svizzera italiana sarà un ponte tra le varie sensibilità e culture della Chiesa in Svizzera, sia per la provenienza, gli studi svolti a Friburgo, la conoscenza delle lingue e l’esperienza ecclesiale vissuta anche con amicizie e contatti nel Moesano, nei Grigioni e nella Diocesi di Lugano.

Davide Pesenti lavora a Cath-Info come giornalista da più di tre anni. Dopo aver lavorato sia sul sito cath.ch che a RTSreligion, si è recentemente dedicato alla radio e alla televisione.
Lascerà la squadra dei colleghi romandi il 1° marzo 2022 per assumere l’incarico di segretario generale della Conferenza episcopale svizzera (CVS), all’80%.
A 39 anni Davide Pesenti è il secondo laico a ricoprire questo incarico dopo il dimissionario Erwin Tanner – che – come è stato annunciato – entra a far parte della direzione di Missio. Queste le prime impressioni di Davide Pesenti dopo l’annuncio della nomina (incarico a partire dal 1. gennaio)

Come si sente dopo questa nomina?

Ho un misto di molte emozioni. Sono soprattutto grato per la fiducia che i vescovi hanno riposto in me. Sono anche entusiasta di poter occupare un posto nel cuore della Chiesa in Svizzera. Allo stesso tempo, sono consapevole delle grandi responsabilità che la posizione comporta. Mi trovo di fronte a qualcosa di grande che mi affascina e allo stesso tempo mi fa sentire un po’ in apprensione. Un compito stimolante che suscita in me una sorta di «santo timore». Ma come regola, rimango fiducioso.

Come si avvicinerà a questo incarico?

Con molta umiltà e rispetto, soprattutto per quello che mi ha preceduto. Mi rendo conto che come segretario generale del CVS avrò la possibilità di avere una certa influenza sul futuro della Chiesa in Svizzera. Vedo questa opportunità come un servizio e non come un potere. So che ho molto da imparare; devo trovare il mio ritmo e conoscere il funzionamento dell’ufficio. Mi do anche il diritto di sbagliare, pur essendo sicuro di poter svolgere pienamente il compito che mi è affidato.

Come è arrivata la sua nomina?

Ho ricevuto una chiamata dal vescovo Felix Gmür (vescovo di Basilea e presidente della CVS, ndr), che mi ha chiesto se ero interessato al posto di segretario generale. L’ho ringraziato e gli ho detto che avrei dovuto pensarci. Ho passato i dieci giorni successivi a discernere dentro e fuori di me sulla proposta. Ne ho discusso con mia moglie e con il mio direttore spirituale, che ringrazio per i loro preziosi consigli.
Sono andato a cena con Mons. Gmür per approfondire le questioni relative ai miei possibili compiti.
Ho dormito qualche altra notte e finalmente mi sono dichiarato disponibile per il lavoro. Allo stesso tempo ho negoziato per lavorare all’80%, in modo da potermi prendere cura del nostro bambino, che è nato alla fine di settembre.
I vescovi svizzeri hanno deciso la mia nomina il 22 novembre, quando si sono riuniti a Roma per la loro visita ad limina. Mi hanno informato immediatamente.

Cosa ti ha fatto decidere di dire di sì?

Penso che la funzione del segretario generale sia molto più di una posizione amministrativa. Si tratta di accompagnare i vescovi nelle loro decisioni e nei loro discorsi pubblici, momenti in cui la fede gioca un ruolo essenziale. Prendo davvero questa opportunità come una chiamata del Signore, anche se ci lascia sempre la libertà di rifiutare e il discernimento è importante. L’ho vista anche come un’opportunità per riconnettermi con la diversità culturale, linguistica ed ecclesiale della Svizzera. Questo è qualcosa che ho sperimentato nella mia vita e che apprezzo particolarmente.

Gli anni trascorsi nei mezzi di comunicazione le saranno di aiuto?

Sono sicuro che sarà così. Il mondo dei media mi ha dato una forma di apertura. Come giornalista di RTSreligion, ho potuto lavorare con riformati ed evangelici. Sono mondi che prima mi erano piuttosto sconosciuti. Nel corso dei miei reportages per cath.ch e RTS religion, ho incontrato persone di diverse religioni e di diverse provenienze. Questo mi ha aperto ancora di più la mente sul fatto che le persone possono avere sensibilità diverse ed essere comunque capaci di dialogo. Questo ascolto e questa ricerca di equilibrio intendo svilupparli anche nella CVS.

Oltre a questo, cosa pensa di poter portare al nuovo lavoro?

Come ho detto prima, mi piace pensare a me stesso come parte di una dimensione nazionale. Dio ha voluto che vivessi la Svizzera in modo trasversale. Sono cresciuto nei Grigioni di lingua italiana, poi sono andato a lavorare a Zurigo. Poi sono venuto nella Svizzera occidentale per studiare a Friburgo, dove ho sposato una donna francofona. Questo mi ha dato la possibilità di esprimermi nelle lingue nazionali.
Ho anche esperienza in vari campi ecclesiali: pastorale, università e media. Intendo mettere tutto questo al servizio delle sfide più cruciali per la Chiesa oggi.

Quali sono?

Prima di tutto, la comunicazione. La mia esperienza mediatica mi ha fatto capire quanto questo sia centrale per l’annuncio del Vangelo nel mondo di oggi. E i media sono uno strumento prezioso per questo. Per questo motivo, la riprogettazione della commissione media della CVS sarà una questione importante. In questa categoria metterei anche la sfida della sinodalità, che il Papa ha giustamente identificato come una priorità. Penso che la Chiesa debba trovare una nuova forma di dialogo, che dia voce a tutti i battezzati, senza escludere le minoranze, sia sociali che ecclesiali.

Il dialogo ecumenico e interreligioso è anche un punto centrale per me. La Chiesa fa parte di questo mondo multiculturale. Deve tenere conto di questo fattore, che gli permette di arricchirsi.

Infine, la Chiesa non può fare a meno di sviluppare ulteriormente la sua dimensione sociale, la diaconia, l’attenzione ai poveri, a coloro che sono ai margini della società. Questo è il cuore della sua missione e la sua credibilità dipende da questo.

Ci sarà anche il dibattito sugli abusi sessuali e l’inchiesta in Svizzera, che lei dovrà affrontare anche dopo il suo insediamento…

Sì, lo farò. Per me, questa è un’opportunità che la Chiesa deve cogliere per dare uno sguardo lucido al suo passato, per evitare di commettere gli stessi errori e per stabilire una necessaria trasparenza. Tuttavia, penso che questo debba essere fatto senza giudizi e senza processi sommari.

Quale sarà il suo «stile» di gestione?

Intendo avere un basso profilo, come ho detto, radicato nell’umiltà e nel servizio. La CVS ha già un responsabile della comunicazione. Mi vedo anche come parte di una squadra, che favorisce lo scambio e il dialogo. L’ascolto e l’equilibrio sono i due pilastri sui quali vorrei svolgere i miei compiti. Oltre a questo, spero di poter svolgere il ruolo di «collegamento» tra le diverse culture, sensibilità e sfere della Chiesa in Svizzera.

E se dovesse trovare un motto, come fanno i vescovi?

Sceglierei un passo della prima lettera di San Pietro: «Siate sempre pronti a rendere conto della speranza che è in voi» (1P 3,15). Questo mi sembra corrispondere bene alla mia visione delle cose: un giusto equilibrio tra fede e ragione, tra grazia e lavoro. (cath.ch/rz)

Biografia

Davide Pesenti è nato il 29 luglio 1982 a Locarno (TI), da madre ticinese e padre grigionese. È cresciuto a Grono (GR). Dopo aver completato la scuola dell’obbligo in Val Mesolcina (1989-1998), ha frequentato la scuola cantonale di Coira (1998-2003). Ha completato un corso universitario bilingue in teologia (specializzazione in teologia sistematica) e studi religiosi presso l’Università di Friburgo e a Roma (2003-2009) – un anno di studio presso il Pontificio Ateneo di Sant’Anselmo (2006-2007). Dopo aver ottenuto la licenza in teologia, ha trascorso un anno pastorale nella sua diocesi natale di Coira, e ha lavorato per due anni come assistente pastorale (teologo pastorale) nella parrocchia di San Giuseppe a Horgen (ZH) (2009-2011). Dal 2013 al 2018 è stato assistente di laurea presso l’Istituto di Scienze Liturgiche di Friburgo, dove ha prodotto una tesi. Dal 2018, è redattore del portale cattolico francofono cath.ch e della redazione radiofonica di RTSreligion. Dal 2020, è stato responsabile della produzione dei programmi televisivi di RTS per l’Eurovisione. È sposato e ha un figlio.

La segreteria della CVS

I compiti principali della Segreteria Generale della Conferenza Episcopale Svizzera (CFS) sono la preparazione delle assemblee ordinarie della CVS e il loro seguito. Il Segretariato Generale mantiene le relazioni con gli organismi ecclesiastici e statali attraverso una vasta corrispondenza. Rimane in contatto permanente con gli organismi, le istituzioni e le commissioni assegnate ai vescovi. È anche responsabile del mantenimento dei contatti con le altre Conferenze episcopali, specialmente quelle dei paesi vicini.

intervista di Raphaël Zbinden/adattamento catt.ch

Davide Pesenti. Foto @bernardhallet @cath.ch
29 Novembre 2021 | 18:21
CVS (18), svizzera (364), ticino (643)
Condividere questo articolo!