https://www.flickr.com/photosgioretti
Blog
https://www.flickr.com/photosgioretti

La fedeltà contro la mentalità “usa e getta”


Oggi viviamo in una società in cui è offuscato il valore della fedeltà: alla propria vocazione, al proprio coniuge, al proprio credo.
Il mondo con la sua mentalità “usa e getta” sembra prendere il sopravvento. Noi siamo chiamati ad andare controcorrente e a testimoniare che la fedeltà è possibile ed è bello viverla. Ci dà stabilità e sicurezza. Così poneva l’accento Papa Francesco in un’udienza: “Libertà e fedeltà non si oppongono l’una all’altra, anzi, si sostengono a vicenda, sia nei rapporti interpersonali, sia in quelli sociali. Infatti, pensiamo ai danni che producono, nella civiltà della comunicazione globale, l’inflazione di promesse non mantenute, in vari campi, e l’indulgenza per l’infedeltà alla parola data e agli impegni presi!
Sì, cari fratelli e sorelle, la fedeltà è una promessa d’impegno che si auto-avvera, crescendo nella libera obbedienza alla parola data. La fedeltà è una fiducia che “vuole” essere realmente condivisa, e una speranza che “vuole” essere coltivata insieme. E parlando di fedeltà mi viene in mente quello che i nostri anziani, i nostri nonni raccontano: “A quei tempi, quando si faceva un accordo, una stretta di mano era sufficiente, perché c’era la fedeltà alle promesse. E anche questo, che è un fatto sociale, ha origine nella famiglia, nella stretta di mano dell’uomo e la donna per andare avanti insieme, tutta la vita. La fedeltà alle promesse è un vero capolavoro di umanità!”

E’ un dono che dobbiamo chiedere nella preghiera al Dio fedele perché la nostra fragile natura non soccomba e non vada dietro alla mondanità.
Nel libro dell’Apocalisse al capitolo due leggiamo: “Sii fedele fino alla morte e ti darò la corona della vita”. Il Signore promette il suo regno a chi persevera fino alla fine.
Il libro di Osea paragona il rapporto fra Dio e la sua creatura a un matrimonio. Dio è lo Sposo fedele:” Ti farò mia sposa per sempre, ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto, nella benevolenza e nell’amore, ti fidanzerò con me nella fedeltà e tu conoscerai il Signore”. (Os 2, 21-22).
Gesù è stato fedele al Padre fino all’apice alla sua missione; fino alla morte di Croce.
In Cristo siamo creature nuove, se ci abbandoniamo a lui, al suo amore misericordioso ed eterno.

Suor Sandra Künzli

È una monaca contemplativa nel Monastero agostiniano di S. Caterina in Locarno.

E’ entrata in monastero nel 1987, a vent’anni. Insieme alla sua piccola comunità cerca di vivere l’ideale espresso nella Regola di S. Agostino, di avere “un cuor solo e un’anima sola protesi verso Dio”.

 

autore
ultime pubblicazioni
https://www.flickr.com/photoscasmerim
https://www.flickr.com/photoslivenature