Cristina Vonzun

«Dov'è tuo fratello?». 7 anni fa il grido del Papa

«Dov’è tuo fratello? La voce del suo sangue grida fino a me, dice Dio. Questa non è una domanda rivolta ad altri, è rivolta a me, a te, a ciascuno di noi». Queste parole di Francesco nella Messa celebrata sull’isola di Lampedusa, 7 anni fa, in occasione del suo primo viaggio da Pontefice, risuonarono come un grido lanciato all’Europa davanti al dramma dei naufragi di profughi. Sette anni dopo questo stesso grido si potrebbe definire il «programma di un pontificato». Ed infatti, questo pontificato drammatico, per i tempi che stiamo vivendo e che allora si delineavano nell’evidenza di una frattura tra Nord e Sud rappresentata dai barconi zeppi di fuggiaschi che andavano a fondo nell’oblio dell’Europa, è passato per una serie di crisi internazionali, dalla guerra lancinante in Siria e Medio Oriente, ad altre grida del Papa per le grandi questioni di ecologia integrale, che legano indissolubilmente la difesa della vita a quella dell’ambiente. Un grido che afferma l’interdipendenza come chiave della sopravvivenza: di me e del fratello, del Nord e del Sud, dell’uomo e dell’ambiente, della persona e dell’economia. Grida programmatiche che il Papa ha tradotto anche in piccoli e grandi gesti (dalla sua carità spiccia che tante volte abbiamo visto in opera, fino all’istituzione del Dicastero vaticano per lo sviluppo umano integrale che proprio nei giorni scorsi ha messo in atto un piano per rispondere a questa nuova, drammatica emergenza che si chiama Covid- 19). E proprio oggi, con il Covid-19, questa domanda ha interconnesso gli scenari mondiali con le nostre storie personali. Se prima era astratta, adesso è concreta, tangibile: «Dov’è tuo fratello?». Oggi più che mai queste parole ci dicono che non possiamo più guardare dall’altra parte, perché – ha osservato con acume un collega giornalista – «l’altra parte non esiste. L’altra parte siamo noi». «Dov’è tuo fratello?» non è solo il programma di un Papa, ma diventa oggi più di ieri, la «roadmap» di tutti.

Cristina Vonzun

Porta d'Europa
11 Luglio 2020 | 12:00
lampedusa (9), migranti (373), Papa (1141)
Condividere questo articolo!