Blog

Alcuni suggerimenti per approfondire il Vangelo secondo Luca in previsione del Natale


Nell’anno liturgico cattolico 2018-2019 (in particolare nel rito romano) il vangelo secondo Luca sarà il filo conduttore delle celebrazioni domenicali. Si tratta di una versione evangelica particolarmente intensa nel delineare l’importanza di relazioni interpersonali calde ed accoglienti dal Dio di Gesù Cristo agli esseri umani e da costoro a qualsiasi loro simile. Nel nostro tempo, così culturalmente frammentato e complesso, riflettere su questi temi in rapporto ad una parola biblica, quella lucana, così ricca anche di ricadute artistico-figurative e musicali, può essere una grande esperienza interiore e sociale per tutti. Le strade possono essere molte e torneremo prossimamente sull’argomento. Per segnalare già ora degli strumenti utili ad iniziare un confronto serio ed appassionato sulle vie del testo lucano, iniziamo con alcune alternative:

l’emittente televisiva italiana TELEPACE Trento sta offrendo un percorso di otto puntate (15′ l’una) fruibili, anche per chi non abita nel Trentino Alto-Adige, tramite il suo sito internet che aiuta ad entrare nel testo evangelico in questione;

l’Associazione Biblica della Svizzera Italiana, in collaborazione con il Coordinamento della Formazione Biblica nella Diocesi di Lugano e la Comunità di Lavoro delle Chiese cristiane nel Cantone Ticino, sta svolgendo un corso ecumenico di lettura del vangelo lucano nella città di Lugano che ha anche una versione online (per ogni informazione ci si rivolga pure a: info@absi.ch).

Nell’avvicinamento a Natale una lettura significativa dei primi due capitoli del vangelo secondo Luca, dall’eloquentissima parte in prosa ai suoi splendidi quattro cantici, può essere molto stimolante per varie ragioni intimamente esistenziali. Sul canale YouTube “Associazione Biblica della Svizzera italiana” vi sono varie registrazioni conferenze ed interventi di esperti ebrei, cattolici e protestanti su questo tema.

Per chi invece desiderasse dei consigli a livello bibliografico, suggeriamo, nel quadro di una serie assai ampia di possibilità, quanto segue ( i titoli con * sono di libri per chi è alle prime armi con la lettura evangelica, quelli con ** sono per chi ha già delle nozioni e degli strumenti conoscitivi):
– **Bianchi E., Magnificat. Benedictus. Nunc Dimittis, Qiqajon, Magnano (Vc) 1991.
– **Borghi E.,Gesù è nato a Betlemme? I vangeli dell’infanzia tra storia, fede e testimonianza, Cittadella, Assisi (PG) 2011.
– *Borghi E.,Per conoscere Maria, madre di Gesù, Cittadella, Assisi (PG) 2011.
– **Maggi A., Non ancora madonna. Maria secondo i vangeli, Cittadella, Assisi 20083.
– *Maggi L., L’evangelo delle donne. Figure femminili nel Nuovo Testamento, Claudiana, Torino 20142.
– *Maggioni B., I personaggi della natività, Ancora, Milano 2004.
– **Manns F., Beata Colei che ha creduto. Maria, una donna ebrea, tr. it., Edizioni Terra Santa, Milano 2009.

Ernesto Borghi

Ernesto Borghi

Nato a Milano nel 1964, sposato con Maria Teresa (1999) e padre di Davide (2001) e Michelangelo (2007), ha studiato all’Università degli Studi di Milano, conseguendo la laurea in lettere classiche (1988), e, all’Università di Fribourg, la licenza in scienze religiose (1993) e il dottorato in teologia (1996). Dal 2012 ha inoltre il baccalaureato in Scienze Bibliche presso la Pontificia Commissione Biblica. E' biblista professionista dal 1992. Insegna introduzione alla Sacra Scrittura alla FTTR/ISSR "Romano Guardini" di Trento. Dal 2003 è coordinatore della formazione biblica nella diocesi di Lugano e presiede l’Associazione Biblica della Svizzera Italiana (www.absi.ch - canale you tube “Associazione Biblica della Svizzera Italiana”). Dal 2005 è membro del Comitato Etico del Dipartimento Sanità e Socialità del Canton Ticino e redattore della Rivista ticinese “Dialoghi”.

autore