Internazionale

Vescovi Usa: l’Equality Act discrimina i credenti

«Scriviamo per condividere il nostro sostegno alle leggi che proteggono la dignità e garantiscono il rispetto per le persone, così come le nostre gravi preoccupazioni per l’Equality Act», il provvedimento che dovrebbe essere votato a breve dalla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. È quanto si legge in una lettera firmata dai 5 presidenti delle Commissioni della Conferenza dei vescovi Usa (USCCB) per la Libertà Religiosa (cardinale Timothy M. Dolan), Pro-Vita (Joseph F. Naumann), Matrimonio (David A. Konderla), Educazione Cattolica (Michael C. Barber) e Sviluppo Umano (Paul S. Coakley).

I presuli ribadiscono la necessità di tutelare la dignità umana «perché ogni persona è fatta a immagine di Dio e dovrebbe essere trattata di conseguenza, con rispetto e compassione». «Questo impegno – spiegano – si riflette nel servizio caritatevole della Chiesa a tutte le persone, senza distinzione di razza, religione o con qualsiasi altra caratteristica».

Nuovi punti di vista divisivi

L’impegno, sottolineano i cinque vescovi, è perché si garantisca ad ogni persona «un lavoro remunerativo libero da ingiuste discriminazioni», per assicurare i beni primari di cui si ha bisogno per vivere. L’Equality Act vorrebbe «proteggere dalla discriminazione le persone che provano attrazione per lo stesso sesso o per discordanza di identità di genere», ma la norma, chiariscono i presuli, «rappresenta l’imposizione da parte del Congresso di nuovi punti di vista divisivi riguardo al ›genere’ su individui e organizzazioni. Questo include il non riconoscimento delle differenze sessuali, presentando falsamente il ›genere’ solo come un costrutto sociale».

Le discriminazioni

Altro punto riguarda l’obbligo di sostenere «le transizioni di genere» e allo stesso tempo di costringere «i contribuenti a pagare gli aborti e gli operatori sanitari obiettori di coscienza a eseguirli, mettendo fine a più vite umane». La legge provocherebbe discriminazioni nella pratica sportiva, costringendo le ragazze a competere ragazzi e uomini e «a condividere spogliatoi e docce con maschi biologici che dichiarano di identificarsi come donne». Poi negli spazi di proprietà degli enti religiosi, quindi anche sinagoghe e moschee, c’è il pericolo di ospitare funzioni «che violano il loro credo». Il rischio è anche quello di escludere le persone da avanzamenti di carriera solo per le loro convinzioni su matrimonio e sessualità. Infine, il timore è di abrogare parzialmente il Religious Freedoom Restoration Act. Nella lettera, i vescovi sottolineano che ogni anno «la Chiesa cattolica aiuta milioni di persone bisognose attraverso le sue parrocchie, le scuole, gli ospedali, le case di accoglienza, le cliniche, i banchi alimentari e altri enti di beneficenza». Ribadiscono che il vedere nell’altro l’immagine di Dio spinge ad avere posizioni decise «sulla vita, sul matrimonio e sulla sessualità» e anche «a servire i più vulnerabili e il bene comune». «Ci opponiamo – concludono – a questa legislazione». 

Attenzione alle ideologie

Ricordando le parole di Papa Francesco nella Laudato si’ – «non è sano un atteggiamento che pretenda di cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa» – i cinque vescovi statunitensi ribadiscono che «una cosa è essere comprensivi della debolezza umana e delle complessità della vita e un’altra è accettare ideologie che tentano di separare quelli che sono aspetti inseparabili della realtà». Andando sul pratico, i presuli elencano una serie di eventuali violazioni di diritti, discriminando così le persone di fede. Questo provocherebbe numerosi danni legali e sociali perché «punirebbe gli enti religiosi che si occupano di beneficienza come le case di accoglienza» e migliaia di persone che ne usufruiscono semplicemente «a causa delle convinzioni in materia di matrimonio e sessualità».

26 Febbraio 2021 | 13:28
Condividere questo articolo!