Commento

Teologo evangelico: incontro commovente, luterani desiderano unità

Papa Francesco ha ricevuto una calda accoglienza da parte dei luterani nella nordica Svezia. Ce ne parla Paolo Tognina, teologo evangelico e giornalista, che – al microfono di Fabio Colagrande – commenta così gli eventi ecumenici di Lund e Malmö:

«E’ stata una giornata veramente molto, molto bella; scandita da due momenti forti: un momento più liturgico e un momento più di sottolineatura del lavoro pratico che le Chiese possono compiere insieme e che già compiono insieme. Parole importanti, parole di mutuo riconoscimento, parole di riconciliazione: quelle sono state le parole pronunciate a Lund, durante la preghiera comune. Poi, nell’Arena di Malmö, la sottolineatura forte, commovente e a tratti veramente molto commovente, del lavoro comune che le Chiese fanno, svolgono e vogliono continuare a svolgere a favore dell’umanità che soffre, dell’umanità che deve fuggire. Grande, grandissima attenzione rivolta al problema dei profughi. Bellissimo il fatto che, mentre Younan interveniva, Papa Francesco lo ha applaudito a più riprese; e viceversa i rappresentanti luterani hanno sottolineato, applaudendo con grande entusiasmo, le parole del Papa riguardo all’emergenza dei profughi, riguardo alla necessità di avere cura dell’ambiente e del creato in cui viviamo. Dunque una giornata commovente! Io sono qui, in Svezia, da venerdì sera allo scopo di capire quale sia l’ambiente, l’atmosfera nella Chiesa luterana svedese e nella piccola Chiesa cattolica svedese: nella Chiesa luterana ho sentito, da tutte le persone con cui ho parlato, sia ministri e dunque pastori ma anche semplici laici e fedeli, un grande desiderio di poter arrivare presto alla possibilità di ospitarsi reciprocamente alla Mensa eucaristica. Da parte della base della Chiesa, della Chiesa di Svezia e dunque della Chiesa luterana, c’è questo forte desiderio».

(Da Radio Vaticana)

2 Novembre 2016 | 11:59
Svezia (11)
Condividere questo articolo!