Svizzera

Storia – 100 giorni dopo la mia Ordinazione Episcopale

La regione di Aliwal North è una delle più povere del Sudafrica. Il tasso di disoccupazione è in media del 32%, tra i giovani addirittura dell’80%. La maggior parte delle famiglie vive al di sotto del livello di sussistenza. La criminalità, la violenza giovanile, la violenza sessuale e l’HIV/AIDS caratterizzano la vita quotidiana. Il reinserimento dei detenuti rilasciati è una sfida importante in questo contesto e può avere conseguenze immense per le vittime, le loro famiglie e le comunità. Richiede un approccio sensibile a tutti i soggetti coinvolti. Paure, miti e stigmatizzazioni rendono difficile il reinserimento nella società. Poiché le autorità statali possono svolgere questo compito solo in misura limitata, le strutture ecclesiastiche locali svolgono un ruolo importante.

L’organizzazione partner di Sacrificio Quaresimale, la diocesi di Aliwal North, ha sviluppato un progetto che intende contribuire al successo del reinserimento dei detenuti rilasciati.

In questa diocesi, il 15 febbraio, ha fatto il suo ingresso il vescovo Joseph Mary Kizito, tre settimane dopo era in isolamento. Ci ha inviato un testo sui suoi primi – probabilmente molto straordinari – 100 giorni di carica

Ecco il suo messaggio.

Sono stato soprannominato, un Vescovo «senza Covid-19». Cento (100) giorni nell’ufficio di una persona qualsiasi significano molto. È il momento di sedersi e vedere se ciò che si è pianificato di fare è stato realizzato. Questo non doveva essere per me, tutto è cambiato, subito dopo tre settimane dalla mia ordinazione.

Esperienza pastorale:

Per ogni nuovo Vescovo in ogni Diocesi per i primi mesi non vedrebbe l’ora di andare in giro per la sua Diocesi a visitare sacerdoti e fedeli nelle diverse parrocchie. Purtroppo, questo non faceva per me. Sono stato ordinato il 15 febbraio 2020, e l’ordinazione è stata ben frequentata e organizzata. Tre settimane dopo c’è stata una chiamata per l’isolamento del virus Corona nel mondo e presto anche in Sud Africa. Non vedevo l’ora di assistere alle mie prime liturgie pasquali. Questa si è rivelata per me un’altra esperienza che non mi aspettavo nemmeno.

La morte di padre Kasali Isaho.

Durante la mia preparazione all’Ordinazione Episcopale sono stato molto occupato per uno dei nostri sacerdoti, P. Bonifacio KASALI ISAHO, che era estremamente malato. Avevo programmato di accompagnarlo a casa nella Repubblica Democratica del Congo, in modo che potesse ottenere un donatore di reni. Ciò non è stato possibile a causa delle procedure per il rilascio del visto.  Don Bonifacio se n’è andato da solo e, dopo due settimane dalla sua partenza, è morto domenica 26 aprile 2020 nella sua diocesi natale di Butembu- Beni nella RDC. I suoi funerali si sono svolti lunedì 27 aprile 2020 nella RDC. Padre Bonifacio è venuto in Sudafrica nel 2003, fino al 2020. Quando è arrivato in Sudafrica nel 2003, ha dovuto imparare Xhosa, che amava molto. Io, come suo Vescovo e i sacerdoti, con la gente della diocesi di Aliwal sentiremo molto la sua mancanza, poiché si può contare su di lui per qualsiasi problema di lavoro pastorale.  Aveva un ottimo rapporto di lavoro con i bambini, i giovani e gli adulti. Ha svolto il suo ministero in diverse parrocchie come Umhlanga, Aliwal North, Sterkspruit e la missione di Santa Teresa.

Preparazione pasquale, dal vuoto alla pienezza:

In soli due mesi avevo scritto tre lettere pastorali ai sacerdoti e ai fedeli. Tutte queste lettere pastorali davano loro gli aggiornamenti su come tenere i fedeli in preghiera nelle loro case. Durante il primo mese della mia amministrazione episcopale ci sono stati molti sentimenti di vuoto e di tristezza, perché non si poteva sentire quella gioia della Pasqua. Tuttavia ci sono state dall’altra parte anche nuove intuizioni ed esperienze pastorali che noi come Chiesa dovremmo capitalizzare.

Una delle mie prime esperienze è stata la preghiera in famiglia nella Chiesa domestica. L’isolamento di Covid-19, mi ha chiamato a guardare le famiglie con occhi nuovi. Loro sono la Chiesa, quella che noi chiamiamo la Chiesa domestica… Questa è la realtà che nei nostri programmi pastorali quotidiani abbiamo trascurato per molti anni fino a Covid-19. È la Chiesa di famiglia che ci ha fatto andare avanti nella diocesi di Aliwal. Non ci siamo recati alla messa e alle preghiere online, ma abbiamo chiesto alle famiglie di pregare nelle loro case. Sì, ci sono molte persone che hanno partecipato a liturgie virtuali in diretta streaming, per me e per i sacerdoti della diocesi ci siamo dovuti rivolgere alla Chiesa domestica e l’abbiamo chiamata a prendere il posto che le spettava.

Abbiamo offerto a questa Chiesa domestica delle linee guida su come celebrare le proprie liturgie domestiche. Rafforzando la chiesa domestica, siamo in grado di guardare alla teologia familiare.

Il sacerdozio dei battezzati è stato realizzato, dando loro il potere di mantenere gli obblighi domenicali. Questa Covid-19 è stata un’opportunità per servire spiritualmente le famiglie. Ha aperto molti modi per i sacerdoti di lavorare e di relazionarsi con i laici. Covid-19 ha aperto la vocazione dei laici, più di prima. Dovevano prendere molte iniziative familiari per rendere la Pasqua del 2020 una realtà nelle loro case.

Noi, sacerdoti, abbiamo usato i messaggi di WhatsApp come un modo molto semplice per essere in contatto con loro. Questo ha dato ai sacerdoti e alle famiglie un senso di identità e di creatività spirituale. Siamo diventati partner con pari responsabilità per rendere questa Pasqua una gioiosa celebrazione domestica, completandoci a vicenda. Per le famiglie hanno potuto riflettere insieme sulla Parola di Dio condividendo ruoli ed esperienze diverse. È stato vissuto anche il tema del battezzato e inviato come famiglia. Ogni persona nella Chiesa ha un ruolo da svolgere per portare il Vangelo agli altri. Guardando il nostro Inno di Xhosa e il libro di preghiere si scopre che non c’è una preghiera mattutina ben sviluppata che sia disponibile in questo libro. La famiglia deve essere la prima casa di formazione alla preghiera.

C’è stato anche un invito alle famiglie a diventare più generose con i loro doni e le loro opere di carità spirituale e materiale. Il sacerdozio battesimale dei fedeli è stato esercitato al meglio. Covid-19 ha reso facile per loro vedere come le loro preghiere familiari possono trasformare le loro preghiere quotidiane. Una delle domande che ho ricevuto da una sola famiglia è stata: «Può una madre single guidare le preghiere domenicali? La maggior parte della nostra gente pensa ancora che le preghiere domenicali dovrebbero essere guidate dagli uomini. Proprio come quello che vedono nella Chiesa. Ho dovuto assicurare loro che le preghiere della famiglia non sono basate sul proprio genere. È un ruolo conferito sia al padre che alla madre dal sacramento del battesimo. C’è stata per me un’esperienza che mi ha fatto capire che c’è stato un cambiamento di atteggiamenti vecchi e superati tra le famiglie.

Le uniche parole che Gesù ci ha dato sono: «Ancora una volta vi dico: se due o tre sono riuniti nel mio nome, sono in mezzo a loro (Mtt .18:19-20). Questo è stato anche un buon momento per le famiglie per suscitare le loro petizioni familiari. La partecipazione delle famiglie, oltre agli obblighi domenicali, ha permesso alle famiglie di guardare anche ad altre devozioni, per esempio al Sacro Cuore di Gesù e al Rosario. Questo è molto importante per poter sostenere le famiglie a guardare le diverse devozioni, per esempio la preghiera del rosario in famiglia. Ho invitato i sacerdoti a prestare una particolare attenzione alla cura pastorale di queste famiglie attraverso i loro social media. Questa chiusura di Covid-19 mi ha insegnato che la famiglia è e deve essere la base della nostra evangelizzazione.

Testimone come famiglia è stato detto da papa Paolo VI che la Chiesa nell’evangelizzazione nel mondo moderno, la famiglia ha un ruolo per evangelizzare se stessa. I genitori devono fare la loro parte per comunicare il Vangelo ai loro figli. Allo stesso modo, anche i figli devono evangelizzare i loro genitori. Inoltre, Papa Paolo VI incoraggia che le famiglie possano aiutare altre famiglie e i loro vicini a conoscere Gesù.  

Aree che dobbiamo focalizzare sul post Covid-19 nella chiesa domestica e sulle sfide.

Ci sono state alcune sfide nella chiesa domestica, che avranno bisogno della nostra attenzione pastorale, per citarne alcune.  La realtà del Sudafrica è che la maggior parte delle nostre famiglie non pregano insieme come famiglie. Questo è un invito a chiedere al padre e alla madre con tutti i bambini di fare una preghiera in famiglia che è stata qualcosa di nuovo per loro, e per altri anche scomoda. Una madre mi ha detto che quando era l’ora della preghiera il padre si rifiutava di uscire dalla camera da letto per unirsi alla famiglia. Le famiglie sono abituate a svegliarsi la domenica e ad andare in chiesa. Non c’è bisogno di molta preparazione da parte loro. Si tratta solo di alcuni dirigenti dell’orario e il resto è opera del sacerdote e del gruppo del coro. 

Quando si tratta delle preghiere familiari è sempre stato il ruolo della madre e a volte dei bambini. Ora, durante l’isolamento del coved-19, da quando il padre è stato intorno a questo ruolo gli è stato trasferito, come capo della famiglia.  I padri vedevano questo come un ingresso nella loro libertà o nel loro spazio libero. Questo dovrebbe farci preoccupare come la chiesa se gli uomini possono sentire che non è loro responsabilità guidare le preghiere della famiglia. Dobbiamo dare sostegno ai nostri uomini. Le donne sono state molto ben sostenute e potenziate al punto che alcuni uomini hanno persino rinunciato alle loro attività ecclesiali o si sono ritirati.  Gli uomini non dovrebbero essere ridotti al solo ruolo di fornire un bene materiale alla famiglia.  È necessario che la Chiesa scavi a fondo negli aspetti culturali dei fedeli. Gli uomini devono sentirsi utili nella preghiera familiare. Noi dobbiamo sostenerli e metterli in grado di vedere come possono imparare a distribuire i ruoli familiari.

Inoltre, in alcune famiglie non ci sono buoni rapporti familiari, solo sedersi insieme e pregare e condividere le letture domenicali è stato molto difficile. L’unica scelta per i padri è stata quella di stare lontani nelle loro camere da letto fino alla fine delle sezioni di preghiera. Tuttavia, un’altra famiglia ha condiviso con me che dopo alcune domeniche, il padre di una delle case ha accettato di condividere le preghiere di famiglia.  Questo era un modo molto nuovo per questa famiglia. Erano tutti pieni di gioia nel vedere che c’è un nuovo modo di costruire e di vivere un nuovo spirito. Questo è stato un nuovo modo di evangelizzare la famiglia, che è stato chiamato da Papa Paolo VI. (Evangelizzazione nel mondo moderno, n. 18».

La formazione della fede familiare è un’altra sfida che la pandemia di Covid-19 ci ha esposto.  La maggior parte della formazione della fede nella famiglia è stata vista come il compito o il lavoro delle madri. Questa responsabilità deve essere condivisa da tutti i membri della famiglia.  Tutte le famiglie devono aiutarsi e sostenersi a vicenda nel trasmettere la fede.

C’è stata la richiesta di avere alcune devozioni familiari soprattutto per coloro che appartengono a certe congregazioni. Tuttavia, questo è venuto alla realtà che non c’è molta comprensione della spiritualità di queste devozioni da parte dei suoi membri. C’è bisogno di approfondire l’insegnamento ai membri sulle loro congregazioni.

Perciò, nel mio stemma, al centro, c’è l’immagine della Piccola Comunità Cristiana (SCC). Questo è uno dei modi che applichiamo nel nostro lavoro pastorale nella diocesi di Aliwal per condividere la parola di Dio.  Dovrebbe essere anche lo stesso mezzo per entrare nel modello di preghiera. La SCC è il nostro strumento numero uno per insegnare la fede nelle famiglie.  Sono anche il modo di vivere e di praticare la fede in una famiglia quotidiana ben vissuta. È nostro dovere quindi ricordare la chiamata del Vaticano II a sostenere la Chiesa domestica. Le famiglie devono sentire questo ruolo nella loro Chiesa più ampia.  

Ho potuto vivere sotto questa nuova realtà normale con un atteggiamento trasformato come nuovo Vescovo, che non devo temere di lasciare che i laici nelle loro famiglie trasformino la Chiesa. Leggendo il Concilio Vaticano II, che «i laici hanno un carattere secolare molto speciale» (Vaticano II: La Chiesa n. 31) e il Documento sinodale sulla vocazione e la missione dei fedeli laici n. 15). Dobbiamo prenderci cura della Chiesa in modo corresponsabile. 

Un’altra realtà di cui mi sono dovuto occupare è stata la MASSA CRISMA, nessun Vescovo penserebbe di fare una Messa di crisma senza la partecipazione dei laici. Nella diocesi di Aliwal è tradizione che ogni anno si celebri la Messa di Natale in una parrocchia diversa. Questo non è stato possibile e non è successo a causa della pandemia di Covid-19.

Ci troviamo di fronte a una grande sfida in questo periodo di Covid-19 nel cercare di prenderci cura dei bisogni di tante persone povere e vulnerabili.  La maggior parte dei programmi di alimentazione nella diocesi si sono interrotti per mancanza di fondi. Tuttavia, la vostra generosità e gentilezza ha mantenuto la nostra casa. Grazie a tutti voi per i vostri contributi, questo è un segno della nostra solidarietà con voi e con coloro che soffrono nella nostra Diocesi. Voglio farvi sapere che non ci preoccupiamo solo dei cattolici, ma ci rivolgiamo a tutti i bisognosi.

+ Joseph Mary Kizito

Vescovo della diocesi di Aliwal

11 Settembre 2020 | 15:41
Condividere questo articolo!