Papa

Papa Francesco bacia i piedi ai leader del Sud Sudan: basta guerre

12.04.2019, 09:42 / redazionecatt

In ginocchio, a baciare i piedi dei leader del Sud Sudan perché «il fuoco della guerra si spenga una volta per sempre» nel Paese africano. Papa Francesco compie un gesto inatteso a Santa Marta, dove conclude il ritiro spirituale in Vaticano delle massime autorità religiose e politiche sud sudanesi ideato dall’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby.

A loro il Pontefice rivolge un discorso in cui, a più riprese, implora il dono della pace per il popolo del Sud Sudan sfigurato da quasi sei anni di guerra civile e da oltre 400mila morti. Poi rende concreta questa preghiera inchinandosi davanti al presidente Salva Kiir e ai vicepresidenti designati, tra cui Rebecca Nyandeng De Mabior, vedova del leader sud sudanese John Garang, e Riek Machar, leader dell’opposizione, per baciare loro i piedi.

In virtù dell’accordo siglato a settembre (il Revitalised Agreement on the Resolution of Conflict in South Sudan), saranno loro ad assumere alti incarichi di responsabilità nazionali nel nuovo governo il 12 maggio prossimo. «A voi tre che avete firmato l’accordo di pace vi chiedo, come fratello, rimanete nella pace», dice Bergoglio a braccio. «Lo chiedo col cuore: andiamo avanti, ci saranno tanti problemi, ma non spaventatevi. Andare avanti, risolvere i problemi. Voi avete avviato un processo, che finisca bene! Ci saranno lotte tra voi ma queste siano dentro all’ufficio. Davanti al popolo le mani unite! Così da semplici cittadini diventate padri delle nazioni. Permettetemi di chiederlo col cuore, con i miei sentimenti più profondi».

«La pace è possibile, non mi stancherò mai di ripeterlo», afferma più volte Francesco durante il suo discorso ai vertici del più giovane Stato del mondo, indipendente dal 2011 Sudan (dove è in corso un colpo di Stato). «La pace è possibile» ma necessita di «un forte impegno degli uomini responsabili verso il popolo».

Continua a leggere su VaticanInsider.

Il Papa: "La risurrezione di Cristo genera un mondo nuovo"

21.04.2019

Nelle parole del Papa prima della benedizione pasquale la condanna per gli attentati contro le chiese cristiane e alcuni hotel che in mattinata hanno funestato lo Sri Lanka. Francesco ha espresso dolore e vicinanza alle vittime. Nel suo messaggio al mondo Bergoglio guarda alle tante guerre e ingiustizie invocando l'abbattimento dell'indifferenza e dei muri, dal Medio Oriente, all'Africa, all'America Latina, all'Ucraina.

Il Papa alla Via Crucis: nella croce di Gesù tutte le croci del mondo

19.04.2019

La croce portata dai migranti, le croci delle nostre debolezze personali e, poi, le croci della Chiesa: al termine della Via Crucis, il Papa prega affinché Gesù ravvivi in noi “la speranza della risurrezione” e della “definitiva vittoria contro ogni male e ogni morte”.

Il Papa lava i piedi a 12 detenuti: “Non calpestare gli altri, ma servirli”

19.04.2019

"È vero che nella vita ci sono problemi, litighiamo, ma questo deve essere una cosa passeggera, perché nel cuore nostro deve esserci l’amore di servire l’altro, di essere al servizio dell’altro". Papa Francesco per la quinta volta celebra la Messa in coena Domini in un carcere, mantenendo una tradizione iniziata ai tempi dell’episcopato a Buenos Aires.