cinema

"I miracoli eucaristici": il 30 ottobre un documentario

29.10.2018, 16:43 / redazionecatt

La Montagna delle Croci a Sokolka in Polonia e un mosaico di padre Marko Ivan Rupnik sul primo miracolo del Pane Eucaristico che si trova nella chiesa del Corpus Domini di Bologna. Un breve video ritrae questi due soggetti rappresentativi del Miracolo Eucaristico, tema al centro del documentario che il Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede presenterà martedì prossimo, 30 ottobre, presso la Filmoteca Vaticana alle ore 11.00.

Divulgazione attraverso un linguaggio attuale

Il documentario costituisce l’emblema della missione divulgativa del Dicastero. Missione perseguita operativamente da un team composto da Vatican Media e da Officina della Comunicazione che passa appunto dalla realizzazione di documentari e di altre tipologie di prodotti audiovisivi. L’obiettivo è sempre quello di raccontare momenti, luoghi e circostanze rilevanti per la storia della Chiesa con un linguaggio adeguato alle più moderne esigenze dell’ambiente digitale contemporaneo.

Continua a leggere.

Immagini dal set tratte da www.solocosebelleilfilm.it

"Solo cose belle" racconta al cinema la Comunità Papa Giovanni XXIII

11.06.2019

L’opera prima di Kristian Gianfreda, è la storia di Benedetta, una sedicenne di un paesino dell'entroterra romagnolo che fa la conoscenza di alcune persone appartenenti a una casa famiglia, giunte da poco nella zona.

Il regista Bernardo Bertolucci (1941 - 2018)

Si è spento Bernardo Bertolucci: fu un regista attento alla spiritualità

26.11.2018

È deceduto dopo lunga malattia il settantasettenne regista italiano. Vincitore di ben 9 premi Oscar con "L'ultimo imperatore", fu famoso anche per la ricerca spirituale espressa da altre sue opere, come "Il Piccolo Buddha" e "Il The nel deserto".

Cinema: Premio Bresson a Liliana Cavani

04.09.2018

Il Premio Robert Bresson 2018 sarà consegnato da mons. Galantino a Liliana Cavani nel corso della 75ª Mostra internazionale del Cinema di Venezia. Il premio assegnato ogni anno ad un regista che abbia dato testimonianza con il suo lavoro del difficile percorso di ricerca del significato spirituale dell’esistenza.