italia

Diocesi di Milano: "la rosa dei 20", per capire la direzione dello Spirito

05.08.2019, 17:27 / RedCattKG

La Diocesi di Milano, con la collaborazione dell’Azione Cattolica Ambrosiana, propone ai giovani dai 20 ai 30 anni un periodo di vita comune di circa 9 mesi in case presenti sul territorio ambrosiano, dove, accompagnati da un’équipe formativa, potranno vivere la quotidianità in vista di una scelta di vita attraverso il discernimento.

“La vita comune, per sua stessa definizione, consente di vivere un particolare territorio, aprendosi alle sue buone esperienze. Questo è certamente un segno ecclesiale e di comunione. I giovani che si giocano in questa esperienza sono inviati come esploratori per compiere passi di discernimento in ordine alla propria vocazione”, scrive il sito di Chiesa di Milano.

Ciascuna esperienza sarà composta dalle quattro alle dieci persone, indicativamente tra i 20 e i 30 anni.La diocesi specifica che ad “ogni giovane sarà richiesto un contributo per le spese di gestione della vita comune. L’obiettivo è educare alla sobrietà e alla condivisione, imparando a gestire una normale contabilità domestica. Eventuali difficoltà economiche non devono essere motivo di rinuncia all’esperienza”.

Sito della Chiesa di Milano

Una delle scorse edizioni del Meeting di Rimini

Il Meeting di Rimini, "per fare esperienza della propria inconfondibile identità"

17.08.2019

Riportiamo il messaggio a firma del cardinale Pietro Parolin inviato al vescovo di Rimini, mons. Francesco Lambiasi, in occasione della 40.ma edizione del Meeting.

Don Giussani: Rimini, una scultura per ricordare il fondatore di Comunione e liberazione

16.08.2019

Una scultura in memoria di don Luigi Giussani, nel centro di una rotatoria già dedicata al fondatore di Comunione e liberazione, dal 2014, proprio nei pressi della vecchia fiera di Rimini, oggi Palacongressi, dove per anni si è svolto il Meeting.

Papa Benedetto XVI a Les Combes

Un concorso di idee deciderà il futuro della “casa dei Papi” a Les Combes, in valle d'Aosta

13.08.2019

Il futuro della “casa dei Papi”? Sarà deciso da un concorso di idee. La Famiglia Salesiana, proprietaria della residenza di Les Combes, ad Introd, meta delle vacanze estive di Giovanni Paolo II prima e di Benedetto XVI po, si è rivolta ad una agenzia specializzata.