Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)
dal Mondo
Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

Aleppo Est. Onu: potrebbe trasformarsi in un cimitero

01.12.2016, 10:10 / Bianca De Viso

Si è conclusa con un nulla di fatto la riunione, ieri sera, del Consiglio di sicurezza dell’Onu sulla Siria mentre la situazione ad Aleppo Est rimane drammatica. Forte l’allarme lanciato dal sottosegretario delle Nazioni Unite per gli affari umanitari Stephen O’Brian che chiede di interrompere l’assedio. Preoccupazione anche a Mosul, dove proseguono i raid della coalizione contro il sedicente Stato islamico.

Aleppo Est potrebbe trasformarsi un enorme cimitero. “Per il bene dell’umanità chiediamo, imploriamo, alle parti e a chi ha influenza, di fare tutto quanto in loro potere per proteggere i civili e consentire l’accesso alle zone assediata”. E’ il drammatico appello  che viene dal sottosegretario agli affari umanitari dell’Onu, Stephen O’Brien. Solo da sabato scorso, 25mila persone sono fuggite dalla zona assediata della città. Intanto Egitto, Spagna e Nuova Zelanda hanno preparato una bozza di risoluzione che chiede 10 giorni di tregua per Aleppo, per permettere la consegna degli aiuti umanitari. Il documento è al vaglio dei Quindici e non è stato ancora deciso se e quando andrà al voto. Situazione drammatica anche nella città di Mosul, in Iraq, dove la coalizione, nel tentativo di strappare la città dalle mani dell’Is, ha bombardato 4 dei 5 ponti sul fiume Tigre. Anche qui è la situazione è drammatica per la popolazione civile: circa la metà di tutti i bambini e le loro famiglie non hanno più accesso all’acqua pulita, dopo che è stata distrutta una delle principali condutture idriche. Si segnala, ma non c’è una verifica, che decine di civili sarebbero stati ‘giustiziati’ dall’Is negli ultimi dieci giorni.

(Radio Vaticana/ Roberto Pieramarini)

Leader musulmani ribadiscono l’adesione al Documento sulla Fratellanza

18.07.2019

A quasi sei mesi dalla firma ad Abu Dhabi del Documento sulla Fratellanza Umana, sottoscritto da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb, 22 leader e intellettuali musulmani sunniti, sciiti e sufi hanno firmato un testo di 15 pagine per ribadire il loro sostegno al Documento.

L'estate dei ragazzi haitiani gemellati al Ticino

17.07.2019

La Conferenza Missionaria della Svizzera Italiana (CMSI) sostiene attraverso dei padrinati dal Ticino la la scuola Saint Joseph a L’Asile nella circoscrizione di Anse-à-Veau nel dipartimento di Nippes nell'isola caraibica. In questi giorni i ragazzi del luogo possono usufruire di una colonia estiva dove svolgere diverse attività e soprattutto ricevere un pasto sostanzioso. Nel sito catt alcune informazioni per poter sostenere questo progetto.

Australia: la celebrazione della Domenica degli aborigeni

15.07.2019

"Dal caos delle grandi città alla tranquillità delle comunità più remote, cattolici e indigeni si sono seduti fianco a fianco, in segno di unità”. E’ quanto ha dichiarato all’Agenzia Fides il direttivo del National Aboriginal and Torres Strait Islander Catholic Council (Natcicc), il Consiglio dei cattolici australiani in rappresentanza delle popolazioni native, in merito allo svolgimento della giornata loro dedicata, celebrata in tutta la nazione il 7 luglio scorso.