Daria Lepori

Grazie Francesco

di Daria Lepori
Il 18 giugno 2015 Papa Francesco pubblicava la sua Enciclica «sulla cura della casa comune». La Laudato si’ invita le persone di buona volontà e gli Stati a dare il proprio contributo affinché la catastrofe climatica non si verifichi. In modo particolarmente efficace il Papa ha descritto come il degrado ambientale e l’ingiustizia sociale siano due facce della stessa medaglia. L’eco dell’Enciclica al di fuori dell’ambito cattolico è stato insolitamente forte. Il Papa è riuscito a suscitare interesse e a motivare anche persone che non si riconoscono nella chiesa cattolica. Così l’Enciclica sulla «casa comune» ha dato un autorevole sostegno a persone cui la giustizia sociale e la protezione dell’ambiente stanno a cuore e che s’impegnano in questo senso.
Il momento per la sua pubblicazione era stato scelto accuratamente: pochi mesi prima della pubblicazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU e della conferenza di Parigi con l’Accordo sul clima. Sono ora necessari passi concreti e ambiziosi, altrimenti non sarà possibile tener fede alle promesse fatte in questi ambiti. Solo con disciplina e continuità si riuscirà a innestare un vero cambiamento nelle questioni di giustizia sociale e climatica. La Laudato si’ fornisce motivazione e slancio.

L'Enciclica Laudato Si' di papaFrancesco.
17 Giugno 2016 | 07:00
Condividere questo articolo!