Internazionale

Como: ucciso don Roberto, sacerdote a servizio degli ultimi

Questa mattina, poco prima delle 7, è stato assassinato un sacerdote a Como, in piazza San Rocco. Don Roberto Malgesini, 51 anni, da anni aveva scelto di stare dalla parte degli ultimi. Schivo e riservato, era sempre in prima linea quando c’era bisogno di aiutare gli emarginati della città. Era il coordinatore del gruppo colazioni, i volontari che tutte le mattina si preoccupano di portare un the caldo o qualcosa da bere ai senzatetto della città. Era nato a Morbegno (SO) nel 1969. Ordinato sacerdote nel 1998, era stato vicario prima a Gravedona e poi a Lipomo, dal 2008 era parroco a Como San Rocco.

L’aggressore, un cittadino straniero con problemi psichici, si è costituito ai carabinieri. Don Roberto è stato trovato steso a terra con una ferita da arma da taglio; a lato un grosso coltello insanguinato.

Sul posto della tragedia è accorso subito il vescovo di Como, mons. Oscar Cantoni che, appena appresa la notizia ha espresso «profondo dolore e disorientamento per quanto accaduto», ma anche «orgoglio verso questo nostro prete, che ha da sempre lavorato su campo fino a dare la sua vita per gli ultimi».

Questa sera, alle ore 20.30, nella Cattedrale della città, il vescovo guiderà il Santo Rosario trasmesso anche in diretta streaming sul canale youtube de Il Settimanale della Diocesi di Como. Di fronte a questa immane tragedia, scrive la diocesi, «la Chiesa di Como si stringe in preghiera per il suo prete on Roberto e per chi lo ha colpito a morte». Il sindaco di Como Mario Ladriscina ha proclamato il lutto cittadino.

Per la diocesi di Como, un’altra tragedia che ricorda quella di don Renzo Beretta, ucciso a Ponte Chiasso nel 1999.

Una testimonianza a ricordo di don Roberto

Don Roberto Malgesini (foto settimanalediocesicomo).
15 Settembre 2020 | 09:51
Condividere questo articolo!