Svizzera

Vescovi Svizzeri: Permettere il «reinsediamento» dei rifugiati. «Sì» ai vaccini perché «nessuno ha il diritto di infettare gli altri»

La 333a Assemblea Ordinaria della Conferenza dei vescovi svizzeri (CVS) ha avuto luogo dal 13 al 15 settembre 2021 a Visp presso il centro di formazione St. Jodern.

Profonda preoccupazione per i richiedenti l’asilo che fuggono dall’Afghanistan

I vescovi svizzeri esprimono la loro simpatia e profonda preoccupazione per l’attuale situazione dei rifugiati in tutto il mondo e sottolineano la speciale responsabilità della comunità internazionale nei confronti dell’Afghanistan. In molte parrocchie e congregazioni, i volontari e il personale impegnati mantengono contatti e amicizie con i cittadini afghani e condividono la loro preoccupazione per i loro parenti nel loro Paese d’origine. Dove il Vangelo dice: «Avrete sempre dei poveri» (Matteo 26,11), oggi sentiamo: «Avrete sempre dei rifugiati». Questa parola tiene le nostre orecchie e i nostri cuori in allerta, dice Mons. Jean-Marie Lovey, vescovo responsabile della pastorale dei migranti. La CVS ringrazia i credenti e le organizzazioni umanitarie per il loro grande impegno a favore delle persone in tutto il mondo.
La CVS ha appoggiato la dichiarazione del Consiglio svizzero delle religioni (CSR) che chiede ai governi di rispondere a questa situazione dando prova di umanità, fornendo assistenza rapida, facilitando le partenze e concedendo l’asilo. La dichiarazione interreligiosa sui rifugiati rilasciata nel 2018 dal CSR impegna la CVS. Un punto importante di questa dichiarazione è il «reinsediamento» dei rifugiati, secondo il quale i rifugiati riconosciuti dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e che non possono rimanere nel paese in cui si trovano, dovrebbero potersi trasferire in paesi terzi disposti a riceverli. La Chiesa cattolica, come altre comunità religiose, ha già offerto un aiuto concreto in molti luoghi della Svizzera. La CVS si appella quindi al mondo politico svizzero: bisogna prendere rapidamente delle misure per migliorare l’accoglienza dei rifugiati sotto forma di programmi di reinsediamento, e in particolare i rifugiati dell’Afghanistan che sono stati respinti, devono essere ammessi, almeno temporaneamente in Svizzera.

Sinodo dei Vescovi 2021-2023

Il 9 e 10 ottobre 2021, una cerimonia solenne a Roma aprirà il cammino sinodale della Chiesa cattolica romana, che culminerà nel sinodo del 2023 in Vaticano. Papa Francesco vuole una Chiesa sinodale – una Chiesa dove tutti si ascoltano e si parlano. Una settimana dopo, il 17 ottobre, si aprirà la fase diocesana del processo sinodale mondiale, con la consultazione dei credenti nelle Chiese locali. A questo proposito, i membri della CVS hanno discusso le attività previste nelle varie diocesi. Questa fase diocesana sarà seguita dalla fase continentale (2022) e dalla fase universale a Roma (2023). La CVS ha definito un calendario comune per le tappe intermedie in Svizzera. Per accompagnare il processo sinodale, i vescovi raccomandano un maggiore uso delle quattro «Preghiere eucaristiche per circostanze speciali». Queste sono derivate dalla «Preghiera Eucaristica Sinodale», che è stata recitata durante il Sinodo 72 in Svizzera, e successivamente aggiunte al messale per tutto il mondo. Confidando pienamente nella guida dello Spirito Santo, i membri della CVS sono impegnati in questo cammino mondiale, che si concentra principalmente su questioni riguardanti la «comunità, la cooperazione e la missione» della Chiesa.

Motu proprio «Traditionis custodes»

Con questo motu proprio, papa Francesco ha stabilito nuove disposizioni per la gestione delle forme liturgiche che hanno preceduto il Concilio Vaticano II. La CVS ne ha discusso e ha concordato un approccio comune, tenendo conto della situazione nelle varie diocesi. L’attuazione concreta è responsabilità dei vescovi diocesani e degli abati territoriali.

«Sì» ai vaccini perché nessuno ha il diritto di infettare gli altri

Dal 13 settembre 2021, un certificato Covid è richiesto per partecipare a cerimonie religiose e altri raduni religiosi con più di 50 persone in spazi chiusi – un chiaro segno che la pandemia non è ancora finita. «La vaccinazione è un atto d’amore», ha detto Papa Francesco, «di amore per se stessi, di amore per la propria famiglia e gli amici, e di amore tra i popoli». Attraverso gesti così semplici, tutti noi possiamo contribuire al cambiamento e migliorare la società. I vescovi svizzeri incoraggiano quindi tutti i sacerdoti, i cappellani e i fedeli ad essere vaccinati contro il coronavirus. Nessuno ha il diritto di infettare gli altri.

Abusi sessuali nel contesto della Chiesa

La CVS ha preso nota delle statistiche 2020 dei rapporti ricevuti dai gruppi di esperti diocesani riguardanti gli abusi sessuali nel contesto ecclesiale. Sono stati riportati due casi avvenuti dopo il 2000 che riguardano adulti.

Inoltre, sono stati segnalati 19 casi prescritti, 15 dei quali hanno avuto luogo tra il 1950 e il 1980. Le statistiche mostrano che le misure prese dal 2002 stanno avendo un effetto. Il numero di casi segnalati rimane nella stessa gamma degli ultimi anni (senza includere i casi segnalati al CECAR, che esso stesso gestisce).

La CVS invita ancora una volta le vittime a rivolgersi ai gruppi di esperti diocesani o ad altri servizi riconosciuti di sostegno alle vittime.

Elezione della presidenza della CVS (2022-2024)

I vescovi hanno confermato l’attuale presidenza della CVS anche per il prossimo mandato:

  • Mons. Felix Gmür (Vescovo di Basilea), presidente
  • Mons. Markus Büchel (vescovo di San Gallo), vicepresidente
  • Mons. Alain de Raemy (vescovo ausiliare di Losanna-Genève-Friburgo), membro della presidenza

Dal 1° gennaio 2022, diverse aree di responsabilità cambieranno, come segue:

  • Responsabile del dialogo ecumenico: Mons. Joseph Maria Bonnemain (co-responsabile: Abate Urban Federer)
  • Responsabile della Commissione per il dialogo con i musulmani: Mons. Alain de Raemy, vescovo ausiliare (uscente) (co-responsabile: Mons. Charles Morerod)
  • Responsabile del dialogo con i lontani e i non credenti: Mons. Charles Morerod (corresponsabile: Mons. Alain de Raemy, vescovo ausiliare)
  • Responsabile del mondo della cultura: Mons. Charles Morerod (co-responsabile: Mons. Alain de Raemy, vescovo ausiliare)
  • Responsabile dell’apostolato dei laici: Mons. Joseph Maria Bonnemain (co-responsabile: Mons. Markus Büchel)
  • Responsabile per le questioni femminili / Consiglio delle donne: Mons. Markus Büchel (uscente) (co-responsabile: Mons. Joseph Maria Bonnemain).

Incontro con il Nunzio Apostolico

La CVS ha accolto il Nunzio Apostolico in Svizzera, l’Arcivescovo Martin Krebs, per uno scambio fraterno.

Nomine

La CVS ha nominato i seguenti sacerdoti come coordinatori nazionali:

  • Egidio Todeschini, Schaan/FL, per le comunità di lingua italiana (50%)
  • Aloisio Araujo, Lucerna, per le comunità di lingua portoghese (30%)
  • Antonio Šakota OFM, Zurigo, per le comunità di lingua croata (30%)
  • Krzysztof Wojtkiewicz, Marly/FR, per le comunità di lingua polacca (20%)

Il coordinatore per le comunità di lingua spagnola sarà nominato più tardi.

Jean-Pierre Brunner (Naters/VS) è stato nominato in qualità di giudice dell’ufficialità interdiocesana.

comunicato stampa cvs/red

Felix Gmür, presidente dei vescovi svizzeri
16 Settembre 2021 | 14:27
Condividere questo articolo!