Svizzera

Svizzera: accuse contro il Presidente della Chiesa evangelica riformata

I disaccordi e le tensioni nel Consiglio esecutivo della Chiesa evangelica riformata Svizzera (CERS) non si sono placati. Lo scorso 18 maggio dodici teologi hanno pubblicato una lettera aperta mettendo in discussione il comportamento del Presidente della CERS il pastore Gottfried Locher.

Secondo la lettera aperta, ci sono serie indicazioni che i casi pendenti riguardino comportamenti abusivi. Il 19 maggio la stampa tedesca ha spiegato che circoli interni accusano Gottfried Locher di un comportamento offensivo nel contesto dei rapporti di lavoro. Si dice che un ex dipendente abbia presentato un reclamo al Consiglio a scopo preventivo per proteggere altre persone. Interrogato dagli Stati, il pastore Locher ha rifiutato di commentare queste accuse.

Sorpresa per le dimissioni del responsabile alla lotta agli abusi

La dimissioni a sorpresa a fine aprile del pastore Sabine Brändlin dalla sua posizione di membro del Consiglio EERS avevano sollevato molte domande all’interno delle Chiese protestanti in Svizzera. Soprattutto da quando la comunicazione ufficiale che citava questioni di sfida e protezione dei dati era stata estremamente limitata.

Dopo l’intervento di più Chiese cantonali, il Consiglio ha aggiunto questo punto all’ordine del giorno del Sinodo del prossimo 15 giugno senza fornire informazioni ulteriori. Fino alle dimissioni dal Consiglio, Sabine Brändlin era responsabile della prevenzione agli abusi e alle aggressioni sessuali.  All’interno di un comunicato stampa, il pastore di Basilea aveva invocato «ragioni personali e differenze insormontabili».

Se le indicazioni di comportamenti inappropriati verranno confermate, i firmatari della lettera richiederanno un’indagine trasparente e completa da parte di un organismo indipendente. Ricordano che la CERS denuncia come contrario al Vangelo ogni relativizzazione, occultamento o indifferenza di fronte a molestie e abusi.

Tutte le voci critiche concordano su un punto: la trasparenza è necessaria e la fiducia deve essere ripristinata.

cath.ch/red

Il pastore Gottfried Locher. Foto Oliver Sittel.
21 Maggio 2020 | 17:36
Condividere questo articolo!