Svizzera

Sinodo: la Romandia si mette in cammino

Ecco una traccia di come le diocesi della Svizzera francese intendono incamminarsi sulla via indicata dal Sinodo sulla sinodalità. Il percorso durerà due anni.

di Pascal Tissier, SCJP, Maurice Page e Bernard Hallet, cath.ch (traduzione e adattamento di Katia Guerra, catt.ch)

Le 26 domande saranno identiche in tutti i continenti. Le diocesi di Basilea, Coira e San Gallo sono coinvolte in questo processo su larga scala», spiega Pascal Tissier, del dipartimento di comunicazione della Pastorale del Giura. Le risposte saranno elaborate e riassunte dall’Istituto gfs-bern.

«Jean-Jacques Theurillat, vicario episcopale per il Giura, desidera che la parte francofona della diocesi di Basilea sia pienamente coinvolta in questo processo sinodale. Da diverse settimane, il vicario episcopale sta traducendo lui stesso i documenti dalla lingua tedesca della campagna per gli operatori pastorali.

«A votre écoute»

Il manifesto tedesco, per esempio, ha lo slogan «Wir sind ganz Ohr für Ihre Stimme», letteralmente «Stiamo ascoltando la vostra voce», ma Jean-Jacques Theurillat lo ha semplificato in francese a tre parole: «A votre écoute». In tedesco», spiega, «il ‘Noi’ è la Chiesa. L’istituzione viene prima e ti invita a parlare. Ascoltarti» è una sfumatura che implica che vogliamo ascoltare l’altra persona.

Il sito web della Pastorale Jura è la piattaforma principale che tutti coloro che desiderano scoprire, capire o partecipare a questa consultazione possono consultare. I fedeli possono anche trovare una spiegazione dettagliata della procedura da seguire nel periodico lebulletin.ch, che viene inviato a tutti i cattolici del Giura.

Una profonda riflessione locale

France Crevoisier, animatore pastorale in Val Terbi, è convinto che questa riflessione sarà utile anche a livello locale: «Siamo alla periferia, come dice il Papa. Vuole ascoltarci. E anche se le nostre risposte saranno gocce d’acqua nell’oceano, dobbiamo approfittare di questa opportunità per riunirci, per esprimerci. Questo processo sinodale è il trampolino ideale per una profonda riflessione locale… È anche un’opportunità per sviluppare la fraternità tra di noi. È anche un’occasione per sviluppare la fraternità tra di noi ed è stimolante sapere che una traccia di questa riflessione sarà conservata a livello locale.

Intraprendere un viaggio per i piedi

Per la diocesi di Sion, il cammino sinodale voluto da Papa Francesco inizia con una «liturgia di partenza», nelle parole di Mons. Jean-Marie Lovey, vescovo della diocesi. Una celebrazione avrà luogo il 17 ottobre nella cattedrale di Sion. I fedeli intraprenderanno poi un cammino comune che li porterà a Valère per i vespri alle 18. «Poiché il vescovo Lovey è un canonico del Gran San Berndardo e un abitante della montagna, vogliamo dare a questo processo sinodale una dimensione concreta ed esistenziale del «mettersi in cammino» anche a piedi», spiega padre Pierre-Yves Maillard, vicario generale della diocesi.

Il questionario preparato da Roma sarà messo a disposizione dei fedeli attraverso il sito web diocesano per essere distribuito il più ampiamente possibile. «Abbiamo pianificato di tematizzare il sinodo in ogni incontro diocesano importante, come la giornata dei Consigli Comunitari. Il vicario generale ha anche annunciato un incontro con i media il 3 novembre su questo tema. Tutte le risposte dei vallesani saranno poi sintetizzate prima di essere inviate alla Conferenza dei vescovi svizzeri (CVS).

A parte il questionario e l’annuncio sistematico, non ci sono azioni particolari annunciate nella diocesi.

Il cammino è la meta

«Sono felice di questa iniziativa, che ci ricorda l’importanza di camminare per far nascere progetti imprevisti all’inizio. In un certo senso, come in montagna, il cammino è già la meta», sottolinea Pierre-Yves Maillard. Resta da vedere cosa ne verrà fuori. Il fatto di partire insieme è, secondo lui, più fruttuoso della realizzazione di un solo progetto.

Il vicario generale illustra il suo punto citando progetti legati alla diaconia, come la Maison de la Diaconie, che sono diventati realtà nel tempo e in seguito a riflessioni, idee e desideri condivisi tra il servizio diocesano di diaconia e il vescovo.

Losanna, Ginevra e Friborgo si stanno lentamente avviando

Per la diocesi di Losanna-Ginevra e Friborgo, il processo sinodale è solo all’inizio, ammette il nuovo vicario generale Bernard Sonney. Le chiese cantonali e le unità pastorali riceveranno presto la relativa documentazione, accompagnata da un messaggio del vescovo. Il vescovo Morerod lancerà ufficialmente il processo il 17 ottobre nella cattedrale di San Nicola a Friburgo.

Le unità pastorali responsabili dell’attuazione della consultazione

In linea di principio, la consultazione avrà luogo a livello delle unità pastorali, che saranno responsabili di organizzarla secondo le condizioni locali, attraverso gruppi di dialogo, assemblee, sondaggi, inchieste o altri mezzi.

Anche i gruppi pastorali sono invitati a rispondere al questionario. Infine, sono possibili anche risposte individuali. Il questionario è stato un po’ semplificato rispetto ai documenti romani, per renderlo accessibile a tutti, spiega il vicario generale.

La Chiesa del cantone di Vaud ha già organizzato delle giornate di formazione sulla sinodalità per i suoi operatori pastorali. «Ci siamo incontrati a La Longeraie, a Morges, per un’introduzione al cammino sinodale», ha spiegato a cath.ch Bernard Litzler, diacono di Losanna. «Dopo una lectio divina sugli Atti degli Apostoli, abbiamo ripassato il discorso di Papa Francesco del 18 settembre nella diocesi di Roma. Si trattava di far emergere un entusiasmo, una paura e un sogno». Infine, la discussione si è concentrata sui dieci temi proposti da Roma e sui modi di condividerli nei vari luoghi di impegno.

Padre Sonney ha sottolineato che la consultazione è solo il punto di partenza di un processo che dovrebbe durare diversi anni. Dovrebbe permettere di porre alcune basi per guidare la riflessione futura.

Un gruppo di lavoro intercantonale, composto da vari responsabili pastorali, si sta costituendo per dare impulso e accompagnare il processo. Il Consiglio episcopale avrà ovviamente anche un ruolo da svolgere nel processo, nota il vicario generale. Fa anche notare che la nomina da parte del vescovo Morerod di rappresentanti laici del vescovo nei cantoni va già nella direzione della sinodalità. Le risposte alla consultazione saranno inviate alla diocesi, che le analizzerà e le riassumerà. (cath.ch/pt/mp/bh)

Le diocesi romande si incamminato sulla via sinodale con «A votre écoute» | © Jura Pastoral
12 Ottobre 2021 | 16:26
Condividere questo articolo!