Svizzera

Ripresa delle funzioni religiose: una decisione potrebbe arrivare oggi, 20 maggio

I rappresentanti del Consiglio svizzero delle religioni hanno incontrato oggi, 19 maggio, il consigliere federale Alain Berset. Nel confronto con il Ministro della Sanità, i vertici delle comunità di fede hanno nuovamente sottolineato l’importanza delle celebrazioni religiose. Per le comunità credenti è tempo di revocare le misure di chiusura di chiese, moschee e sinagoghe, ordinate a causa del divieto di assembramenti.

Oltre al consigliere federale Alain Berset, hanno partecipato alla riunione di un’ora anche l’esperto di etica Andrea Arz de Falco e due membri del Dipartimento federale dell’interno. Erano presenti rappresentanti di tutte le confessioni cristiane, tra cui il vescovo di Basilea, l’arcivescovo Felix Gmür, nonché rappresentanti di ebraismo e islam.

Risposta non prima di domani

Il presidente del Consiglio svizzero delle religioni, il vescovo Harald Rein, ha dichiarato a kath.ch che la discussione con il consigliere federale Berset è stata «molto costruttiva». Quest’ultimo ha detto ai rappresentanti religiosi di essere pronto a portare la richiesta di riprendere i servizi religiosi nella prossima riunione del Consiglio federale di mercoledì 20 maggio.

Secondo le attuali direttive, le chiese e i luoghi di culto di altre religioni non possono essere riaperti per le celebrazioni fino all’8 giugno. Il 13 maggio, la Conferenza episcopale svizzera ha chiesto l’apertura delle chiese in tempo per l’Ascensione, il 21 maggio e la Pentecoste, il 31 maggio.

cath.ch

19 Maggio 2020 | 21:40
alain berset (2), coronavirus (314), messe (9), ripresa (1)
Condividere questo articolo!