Padre Pacifico De Carli.
Ticino
Padre Pacifico De Carli.

Oggi i 450 anni dalla morte di padre Pacifico De Carli da Lugano, fondatore del Convento del Bigorio

25.05.2019, 10:00 / RedCattLQ

Di lui le cronache conventuali – sia della Provincia religiosa di Milano sia della Svizzera italiana – riportano notizie scarne, ma di alcuni dati ne siamo in possesso: padre Pacifico De Carli, di condizione muratore, originario di Lugano, entrato nell’Ordine dei Cappuccini a Roma nel 1530, fu uno dei responsabili, nel 1535, della costruzione della prima casa religiosa dell’Ordine nell’attuale Svizzera, il Convento di santa Maria Assunta a Bigorio, di cui divenne anche il primo guardiano.

Il reliquario contenente le ossa del fondatore, ad oggi ancora concervate in monastero.

Padre Pacifico morì il 25 maggio 1569 a Bigorio, dove è sepolto. Situato nel cuore della pieve ambrosiana di Capriasca a 725 msl/m il Bigorio rimane uno dei Conventi più antichi al mondo dell’Ordine dei Cappuccini. A partire dal 1542 e per sei volte si tennero i capitoli provinciali di Milano. La chiesa venne consacrata da san Carlo Borromeo il 15.12.1577. Aperto al pubblico nel 1967 rimane ancora oggi una casa di accoglienza e formazione.

Michele Ravetta

Festa della Madonna del Carmelo in Ticino: le Sante Messe con il Vescovo e la sfilata della milizia di Ponto Valentino

19.07.2019

Diversi oratori e anche alcune chiese in Ticino sono dedicati alla Madonna del Carmelo, che viene ricordata nel finesettimana con celebrazioni sul territorio. Domani mons. Lazzeri presiede una S. Messa nella chiesa di S. Siro a Novaggio, alle ore 20.30; domenica, invece la S. Messa nella chiesa della Beata Vergine Maria del Carmine a Corippo, alle ore 10.15.

San Michele: sentinella tra Vedeggio e Alto Malcantone

13.07.2019

Continua l'appuntamento con “Il Sacro del Ticino. Itinerari d’arte e di archiettura”, a cura di Salvatore Maria Fares e Stefano Zuffi (Edizioni Skira, 2019).

Un Ticino tutto da scoprire con "Arte e Cultura"

13.07.2019

«Viviamo in un territorio straordinario per la ricchezza dei beni artistici ». È con queste parole che ci accoglie Giorgio Mollisi, Direttore di «Arte e Cultura», trimestrale della Fontana Edizioni. Con lui abbiamo ripercorso i primi anni della Rivista.