Un momento della celebrazione nella chiesa di San Giuseppe a Lugano
Diocesi
Un momento della celebrazione nella chiesa di San Giuseppe a Lugano

L’impegno e la gioia di seguire la chiamata

20.03.2019, 15:18 / redazionecatt

Nella festività e nella chiesa di San Giuseppe a Lugano il Vescovo ha presieduto l’Eucaristia in un luminoso orizzonte di fiducia e speranza.

Con Mons. Lazzeri hanno concelebrato diversi presbiteri fra i quali Don Claudio Mottini e Don Mario Trulio, rispettivamente Rettori dei Seminari diocesani San Carlo e Redemptoris Mater. Presenti gli alunni dei due Seminari, di cui alcuni sono stati ammessi tra i candidati agli Ordini sacri, mentre altri sono stati istituiti nei ministeri del lettorato e dell’accolitato.
Il cerimoniere vescovile, Don Emanuele Di Marco, ha ben illustrato prima della celebrazione i rispettivi riti liturgici, che richiamano altrettante tappe lungo il cammino di preparazione agli Ordini sacri del diaconato e del presbiterato.
Aprendo la celebrazione Mons. Lazzeri ha subito ricordato l’esempio di San Giuseppe, sottolineando che da lui “dobbiamo imparare la qualità del silenzio, la forza di rispondere alla chiamata e la determinazione nel capirla e nel viverla”.

Durante l’omelia, soffermandosi sul non facile percorso di San Giuseppe, il Vescovo ha messo in evidenza “il salto qualitativo al quale è stato chiamato nel suo cammino vocazionale” e “la radicalità del suo lasciarsi afferrare dalla parola del Signore”. Ha quindi precisato che “anche i giovani di questa mattina, confermando la loro volontà di mettersi al servizio della Chiesa, sono chiamati, come avvenuto per San Giuseppe, a un cammino nuovo e a lasciarsi plasmare dall’incontro con il Signore e la sua parola”. Infatti, ha sottolineato, “ogni chiamata del Signore è invito alla radicalità, in una dimensione di assoluta fiducia, di impegno e di responsabilità, peraltro senza conoscerne in partenza i possibili sviluppi”. Li ha infine invitati a “guardare all’esempio di San Giuseppe, affidandosi alla sua protezione”.
Sono quindi seguiti i previsti riti liturgici.
Dapprima ha avuto luogo l’ammissione tra i candidati agli Ordini sacri di Daniele Furlan e Davide Santini del Seminario San Carlo; di Michele Comin, Niccolò Curci, Piotr Pawel Misiewicz e David Weber del Seminario Redemptoris Mater; di Evandro Meneses Barbosa De Jesus della Comunità Cattolica Shalom.
Jacob Lopez Conejro e Mateusz Jaczewsky sono stati istituti nel ministero del lettorato; Loris Gasparin in quello dell’accolitato: tutti alunni del Seminario Redemptoris Mater.
Chiamati dai rispettivi Rettori, hanno risposto con una parola semplice, ma incisiva: “Eccomi”, come già Isaia nel tempio: “Poi udii la voce del Signore che diceva «chi manderò e chi andrà per noi?». E io risposi: «Eccomi, manda me!»” (Isaia 6,8-9).
I giovani, accolti quali candidati agli Ordini sacri, hanno espresso un chiaro “Sì, lo voglio”, alla domanda del Vescovo sul portare avanti la preparazione e sull’impegnarsi nella formazione spirituale, per divenire fedeli ministri di Cristo e della Chiesa.
I giovani istituiti nel ministero del Lettorato hanno ricevuto dalle mani del Vescovo il libro delle Sacre Scritture con un chiaro invito: “mentre annunziate agli altri la parola di Dio, sappiate accoglierla in voi stessi; meditatela ogni giorno per acquistarne una conoscenza sempre più viva”, rendendole “testimonianza con la vita”.
Al nuovo accolito è stato affidato il compito di “aiutare i presbiteri e i diaconi nello svolgimento delle loro funzioni” e pure di poter “distribuire l’Eucaristia a tutti i fedeli, anche infermi”. Quale gesto ha ricevuto dal Vescovo “il vassoio con il pane e il calice con il vino per la celebrazione dell’Eucaristia”, con un invito essenziale: “la tua vita sia degna del servizio alla mensa del Signore e della Chiesa”.
Ogni rito è stato chiuso dalla preghiera e dalla benedizione del Vescovo. Per questi giovani l’Assemblea ha pregato, perché siano testimoni sinceri e autentici, perché possano confermare i fratelli nella fede, perché il Padre mandi nuovi operai nella sua messe.
Prima della benedizione finale e del congedo, il Vescovo ha ancora richiamato l’esempio di San Giuseppe “al quale il Signore ha chiesto tutto e l’ha accompagnato nel suo cammino, invitandolo a non avere paura”. Una parola rivolta da Mons. Lazzeri anche ai seminaristi: “non abbiate paura di consegnare la vostra vita nelle mani del Signore”.
Un simpatico e familiare aperitivo, offerto a tutti nell’accogliente Seminario San Carlo, ha chiuso la profonda e significativa esperienza vissuta in un orizzonte di speranza, gioia e fiducia per questi giovani tanto generosi e per la nostra Chiesa luganese.

Gianni Ballabio  (foto Davide Santini)

La risurrezione, dipinto di Andrea Mantegna, datato 1457-1459 e conservato nel Musée des Beaux-Arts di Tours.

Il vescovo di Lugano a Pasqua: "L'amore del Signore è più forte della morte"

21.04.2019

"Non è possibile proclamare che Cristo è risorto dai morti, senza cominciare noi a risorgere con Lui, senza che in noi sia inaugurato un processo di riorientamento di tutta la nostra persona, dei nostri desideri, dei nostri progetti, dei nostri affetti" ha detto mons. Lazzeri alla Messa di Pasqua in Cattedrale, mentre la sera prima, alla veglia ha affermato che Cristo viene sempre a rivisitarci. La preghiera del vescovo di Lugano per le persone malate e i cristiani che soffrono nel mondo.

Il vescovo Lazzeri alla via Crucis per le vie di Lugano: "Scopriamoci ospitati dalla sua croce"

20.04.2019

Ieri sera da Besso a Santa Maria degli Angioli centinaia di fedeli guidati dal vescovo di Lugano hanno camminato e meditato la via dolorosa di Cristo. Un percorso intenso e prezioso, per i testi presentati (di Anton Čechov, François Mauriac, Luigi Santucci, Mario Luzzi, Olivier Clement), per la lettura di brani di Vangelo riferiti alla Passione e passaggi di Encicliche papali.

Il vescovo di Lugano: "Noi preti siamo chiamati a chinarci sulle ferite della gente"

18.04.2019

Nella Messa crismale con tutti i preti della Diocesi mons. Lazzeri ha benedetto l’olio degli infermi, l’olio dei catecumeni (per il battesimo) e il crisma (per battesimo, cresima, ordinazioni presbiterali e episcopali, consacrazione di chiese ed altari). Ricordati particolari anniversari di ordinazione sacerdotale tra i quali il 60esimo del vescovo emerito Grampa e il 30esimo dello stesso mons. Lazzeri.