Svizzera

Kolumban Reichlin: «La Guardia Svizzera rimane una scuola di vita unica»

Padre Kolumban Reichlin, 50 anni, di Einsiedeln è il nuovo cappellano della Guardia Svizzera Pontificia dall’ottobre 2021. Parla delle sue prime scoperte e dei suoi progetti. Per lui, la Guardia è una scuola di vita unica.

«Nel luglio 2021, il Nunzio mi ha chiamato. Doveva stilare una lista di quattro persone per questa posizione nella Guardia Svizzera e mi ha chiesto se ero disposto a rendermi disponibile per il processo di selezione», spiega padre Kolumban. All’inizio aveva pensato di rifiutare, ma ha cambiato idea dopo averne discusso con padre Urban Federer e il vescovo Alain de Raemy, che è stato cappellano della Guardia. La sua nomina è stata annunciata alla fine di agosto ed è entrato ufficialmente in carica il 16 ottobre. In linea di principio, egli servirà un mandato di cinque anni rinnovabile.

«Considerando che sono qui da poco tempo, sento un’atmosfera molto buona. È come una grande famiglia, ci vediamo sempre, difficilmente possiamo evitarci», dice il benedettino.

Il cappellano della guardia è responsabile delle funzioni religiose, dell’educazione religiosa e dell’approfondimento della fede delle guardie e delle loro famiglie. Molte delle guardie sono lontane da casa per molto tempo. Oltre alla stretta routine quotidiana, sorgono ogni sorta di domande. «Sono anche pastoralmente responsabile delle 22 famiglie delle guardie con i loro bambini. Questo significa che li battezzo, li preparo ai sacramenti», spiega padre Kolumban.

Responsabile dei pellegrinaggi

Il cappellano è anche responsabile di eventi culturali, escursioni e pellegrinaggi, per esempio ad Assisi, Loreto, Monte Cassino, il pellegrinaggio militare annuale a Lourdes o in Terra Santa. «Poiché non tutti possono essere via nello stesso momento, questi pellegrinaggi si svolgono uno dopo l’altro in tre gruppi. Ora che tutti sono stati vaccinati, possiamo sperare di rifarlo l’anno prossimo. Per il cappellano, questi viaggi sono importanti per lo sviluppo della comunità, poiché le persone hanno più tempo per parlare e conoscersi.

Molti colloqui personali

Anche i colloqui personali con le guardie fanno parte della routine quotidiana del cappellano. «È consuetudine nel fine settimana, quando c’è meno gente, che il cappellano vada alle postazioni e parli con le guardie. Se sono seduti o in piedi da qualche parte, da soli, per ore e ore, è spesso un buon momento per parlare. Per sentire cosa hanno in mente, dove sono, quali sono i loro piani. (…) Se vuoi stabilire un contatto duraturo con i giovani, devi avere il tempo e prenderti il tempo».

Far conoscere meglio il lavoro dei dicasteri

Tra i piani di padre Kolumban c’è quello di visitare i dipartimenti del Vaticano con le guardie, in modo che possano conoscere ancora meglio l’istituzione globale in cui lavorano. «La Chiesa fa un lavoro prezioso in segreto e in silenzio, anche nelle zone di conflitto. Se solo fosse possibile trasmettere il valore e il significato di questo lavoro. Mi sembra una grande opportunità per i giovani. Quando torneranno in Svizzera e si troveranno di fronte a domande critiche sulla chiesa, potranno presentare altri aspetti e spiegare che questa istituzione ha molto senso anche a livello umanitario».

Interesse per la custodia

Alla domanda sull’interesse dei giovani a servire nella Guardia Svizzera Pontificia, il cappellano dà diverse ragioni: «Da un lato, le guardie ricevono qui una solida formazione e un’ulteriore istruzione. In secondo luogo, è interessante vivere e lavorare in un luogo così ricco di storia e cultura e imparare una nuova lingua. Infine, in Vaticano si può sperimentare il polso di una religione mondiale su base giornaliera, per così dire. Persone da tutto il mondo vanno e vengono. (…) Considero mio dovere aiutare questi giovani non solo a comprendere meglio l’istituzione della chiesa, ma anche a familiarizzare con il mistero invisibile che la sottende. (cath.ch/cic/mp)

8 Novembre 2021 | 11:21
Condividere questo articolo!