Svizzera

Il vescovo Morerod non conosceva le accuse contro Paul Frochaux

Il quotidiano di Zurigo Tages Anzeiger e la televisione in lingua tedesca SRF, il 5 febbraio, hanno rivelato la testimonianza inedita dell’uomo, che ora ha 39 anni, ed è docente in un’università francese, che accusa il prete di averlo maltrattato nel 1998. L’abuso ha avuto luogo durante un soggiorno in uno chalet a Torgon (VS) in cui il sacerdote era comproprietario. Il giovane aveva allora 17 anni. »Ha approfittato della mia privacy e della mia fiducia. Mi sentivo come violentato».

«La prima volta che ne ho sentito parlare è stato stesso padre Frochaux che mi ha detto, nel 2016, di aver avuto una relazione con un uomo adulto, senza aggiungere altro. Ha detto di aver parlato con il vescovo in quel momento (nota del redattore Mons. Bernard Genoud). «

Nessuna misura disciplinare prima del 2020

Nessuna azione disciplinare è stata presa contro il parroco dopo questa ammissione. »Queste informazioni non richiedevano alcuna misura di sospensione o altro, dal momento che la persona era maggiorenne e che non vi era stata alcuna coercizione», ha detto l’ufficio stampa della curia a La Liberté .

«Durante la presente inchiesta, ho appreso del verbale della riunione tenutasi in curia (nel 2001 a seguito della denuncia) e scritta da padre Nicolas Betticher, ha continuato il vescovo Morerod. Questa relazione non è molto esplicita perché ritengo che presupponesse la conoscenza delle accuse. Secondo questo documento, il caso è stato concluso amichevolmente». Il vescovo Morerod ha anche rivelato che si era svolto un incontro tra il denunciante e il vescovo Genoud, ma che non era stato formalizzato.

«Per quanto riguarda la lettera scritta al vescovo (dalla nota dell’avvocato del denunciante), non so che fine abbia fatto, non è stata trovata nei nostri archivi».

«Ho conosciuto i fatti dalla stampa»

Alla domanda sulla nomina di padre Frochaux nel 2012 a canonico e pastore della cattedrale di Friburgo, il vescovo ha risposto: «Sarebbe stato stupido da parte mia nominare padre Frochaux se fossi stato a conoscenza dei fatti […] Conoscevo il contenuto delle dichiarazioni del giovane solo da quanto riportato da Tages Anzeiger e dalla SRF . Che c’era una certa relazione – finora non chiara – lo sapevo, ma non di più».

Alla domanda sul fatto di non aver avviato le proprie indagini, il vescovo Morerod ha spiegato che preferiva che tali indagini fossero condotte da organi indipendenti. Questo è il caso dell’avvocato di Ginevra Me Maurice Hariri, incaricato della presente inchiesta. »Non ho mai voluto nascondere nulla. Se qualcuno ha qualcosa da dire, lo dica».

Il vescovo ha infine chiarito che a livello canonico, una volta completata l’indagine, deve essere trasmessa alla Congregazione per la Dottrina della Fede a Roma (CDF), che ha la competenza per giudicare questi casi dal 2010.

Nessuna indagine nel 2001

Intervistata dalla TV tedesca, la madre del giovane ha detto che è un momento difficile. Tre anni dopo gli eventi, quando compì 18 anni, le raccontò cosa era successo. La madre ha quindi scritto una lettera a padre Frochaux, che ha risposto riconoscendo alcuni dei fatti, ma minimizzandoli e denunciando l’atteggiamento provocatorio di suo figlio. Ma non ha presentato un reclamo né ha intrapreso altre azioni. »Se avessi saputo tutto, avrei potuto andare oltre. Ma era un adulto e aveva preso in mano la situazione «, dice oggi.

«All’epoca non stavamo indagando su questo tipo di evento allo stesso modo», riconosce oggi l’ex vicario generale Rémy Berchier, intervistato da La Liberté. «Ho fatto male il mio lavoro? Da stamattina mi sto confrontando con questa realtà e mi sto chiedendo cosa avrei potuto fare in quel momento». (Cath.ch/rts/srf/lib/mp)

Il vescovo Morerod
7 Febbraio 2020 | 10:29
abusi (153), morerod (3), svizzera (249)
Condividere questo articolo!