Internazionale

Francia, una marea di chiese profanate o svendute

«Ogni giorno in Francia due chiese subiscono atti di vandalismo o sono profanate. Spariscono altari, calici, dipinti, croci, persino sedie. Nel 2018 il ministero dell’Interno ha contato più di mille «atti anticristiani», contro 541 atti antisemiti e 100 atti islamofobici«.

«Non dobbiamo nemmeno essere ingenui. Il nostro paesaggio sta cambiando». Lamaze snocciola dati. «Una nuova moschea apre ogni due settimane, mentre ogni anno scompaiono tra 40 e 50 chiese: demolite, vendute o radicalmente ricostruite».

L’edizione del 23 settembre del quotidiano italiano Repubblica propone un articolo dell’inviata in Francia Anais Ginori che racconta il desolante destino di tante chiese del paese, sempre più spesso «profanate o svendute ai privati».

L’inviata del quotidiano raccoglie le parole dell’avvocato cattolico Edouard de Lamaze, presidente dell’Osservatorio privato per il patrimonio religioso (Opr).

Cosa succede in Francia?

Lo abbiamo chiesto a Bernard Litzler di cath-info.

Chiese profanate o vendute? Questi segni rivelano lo stato sociale di un paese più urbanizzato, che sta abbandonando la campagna. Dimostra anche che la «figlia maggiore della Chiesa» si sta allontanando dalla sua eredità cristiana. Già nel 1996 i vescovi francesi parlavano di una «crisi diffusa di trasmissione»: parlavano della trasmissione della fede tra generazioni, ma l’immagine vale anche per gli edifici.

Le chiese, che sono di proprietà dei comuni, invecchiano male perché sono mal tenute.

Di conseguenza, le opere d’arte vengono saccheggiate e le chiese vengono danneggiate, poiché i sistemi di allarme sono spesso inesistenti.
Ma non dimentichiamo che la Francia ha 36.000 comuni e quasi altrettanti campanili. Inoltre, il raggruppamento delle parrocchie rurali porta spesso a un sottoutilizzo e quindi all’abbandono di alcuni luoghi di culto.
Tuttavia, da un punto di vista sociologico, la Francia rimane un Paese di radici cristiane. E i furti, gli incendi dolosi o i danni ai luoghi di culto sono ancora dolorosamente sentiti dalla popolazione.

È un segno di secolarizzazione?

Evidentemente, perché la secolarizzazione sta allontanando la gente dai campanili, in Francia come altrove. Ma questo movimento è generale in Europa. Gli edifici e le istituzioni sono in declino. Il filosofo Marcel Légaut (1900-1990) ha detto che se la Francia ha decristianizzato così rapidamente, è perché non è stata completamente evangelizzata.
Un segno recente di questa secolarizzazione: l’arcivescovo di Strasburgo, monsignor Luc Ravel, ha detto che la sua diocesi, l’Alsazia, dove la fede è ancora un valore forte, ha subito, con la crisi di Covid-19, un calo di presenze dal 25% al 30% quando l’accesso alle chiese è stato nuovamente permesso. Il vescovo non sapeva spiegare questo declino.

La paura della pandemia può spiegare questo fenomeno, ma non è sufficiente.

Una chiesa senza comunità è solo un edificio?

La funzione di una chiesa è molteplice: luogo di incontro, patrimonio culturale, luogo di espressione della fede, luogo emblematico di una città o di un comune. La dimensione culturale di una bella chiesa non è più da dimostrare. Anche senza una comunità viva, rimane una testimonianza del passato, niente di più. Ma, alla fine, le desacralizzazioni delle chiese sono piuttosto rare.

Infatti, decidere di chiudere una chiesa, soprattutto in terra cattolica, significa eliminare un luogo dove si sono celebrati battesimi, comunioni, matrimoni, ecc.

Questo passato spesso emotivo viene cancellato con la chiusura di una chiesa. Ma i comuni hanno difficoltà a sostenere un edificio che viene percepito più come un onere finanziario che come un luogo di vita al servizio della popolazione.

È un fenomeno che potrebbe verificarsi anche in altre parti del mondo?

Attenzione alle generalizzazioni veloci. La scristianizzazione dei nostri paesi occidentali non avviene ovunque. Ogni Paese sta vivendo una situazione diversa, a seconda della sua storia religiosa e dei movimenti migratori: negli Stati Uniti, le mega-chiese americane, di tradizione protestante, o i televangelisti sono spesso in ascesa. Nei Paesi dell’ex Unione Sovietica o in Russia, la fede cristiana è stata riscoperta e le chiese abbandonate stanno rinascendo.
Ma la cura pastorale dei numeri, o della messa, è stata spesso immaginata nei nostri Paesi cristiani.

Come dice papa Francesco, la Chiesa è «un ospedale di campo», mentre oggi si tratta di fare segni, di essere testimoni viventi della vita di Cristo.

Il passato non è necessariamente il giusto atteggiamento verso una fede viva. Dio si prende cura del suo popolo, qualunque siano le circostanze storiche o sociologiche.

La Cattedrale di Notre Dame in una foto di archivio.
2 Ottobre 2020 | 13:20
francia (35)
Condividere questo articolo!