Svizzera

Diocesi di Coira: Mons. Bürcher avrebbe incontrato il Papa in merito alla nomina del vescovo della diocesi elvetica

Da fonti media pare che papa Francesco sia stato informato personalmente dal vescovo Pierre Bürcher, amministratore apostolico di Coira, della mancata elezione del vescovo di Coira. Secondo i giornali del gruppo CH Media, l’amministratore apostolico ha visitato Roma alla fine di novembre 2020 per informare il Papa. Come riferisce kath.ch mons. Pierre Bürcher è stato convocato a Roma il fine settimana successivo al fallimento dell’elezione del nuovo vescovo di Coira il 23 novembre 2020. Tuttavia il portavoce della diocesi di Coira, Giuseppe Gracia rifiuta di commentare, invocando il segreto pontificio legato alla nomina dei vescovi, riferisce sempre kath.ch.

di Raphaël Rauch, kath.ch / adattamento della traduzione Maurice Page. cath.ch /adattamento in italiano redazionecatt

Secondo CH-Media, il Papa ha ricevuto lo stesso giorno il cardinale Marc Ouellet, prefetto della congregazione per i vescovi, per discutere con lui la situazione a Coira. La fonte giornalistica sostiene inoltre che sarebbe sorta una controversia tra la Congregazione per i vescovi e la Segreteria di Stato sulla nomina del nuovo vescovo di Coira.

Secondo fonti di cath.ch, il cardinale Ouellet e la congregazione sarebbero rimasti estremamente sorpresi dal rifiuto della lista dei tre candidati da parte del capitolo della cattedrale di Coira. Il capitolo inoltre non ha informato direttamente la congregazione, ma è passato per il canale diplomatico del nunzio a Berna.

La Congregazione per i Vescovi desidera da parte sua, dopo il rifiuto dei canonici di Coira, applicare la legge ordinaria, cioè la nomina diretta da parte del Papa. Per motivi pastorali, la Congregazione desidera anche pacificare il conflitto nella diocesi di Coira e rafforzare il ruolo della Conferenza episcopale svizzera. Mentre la Segreteria di Stato preferirebbe attenersi alle disposizioni previste dai rapporti tra diocesi di Coira e Santa Sede.

Nessun appuntamento per diversi mesi
Il 23 novembre i canonici di Coira avevano deciso con undici voti contro dieci di non entrare in merito riguardo alla lista dei tre candidati proposti da Roma: il canonico Joseph Bonnemain, Vigeli Monn, abate di Disentis, e Mauro Lepori, abate generale dei Cistercensi. Con il capitolo della cattedrale che ha rinunciato al suo privilegio elettorale, gli osservatori si aspettano che il Vaticano ora si prenda il tempo necessario per la nomina di un nuovo vescovo e che il mandato di amministratore apostolico del vescovo Pierre Bürcher sia esteso almeno di alcuni mesi. (cath.ch/kath.ch/rr/mp)

Mons. Bürcher (foto kath.ch)
25 Dicembre 2020 | 09:25
Condividere questo articolo!