Il gruppo (quasi completo) di giovani ticinesi in viaggio verso Madrid.
Svizzera
Il gruppo (quasi completo) di giovani ticinesi in viaggio verso Madrid.

Anche dieci ticinesi all'Incontro europeo di Taizé a Madrid

28.12.2018, 10:54 / Laura Quadri

Frère Roger, fondatore della Comunità di Taizé, in Francia, lo chiamava pèlerinage de confiance, un cammino di fede in mezzo alle culture dei vari popoli, rappresentati da centinaia di giovani provenienti da tutta Europa: si tratta dell’Incontro europeo di Taizé, iniziativa ecumenica che quest’anno compie 41 anni e si tiene per la prima volta a Madrid, dal 28 dicembre al 1. gennaio 2019. Accompagnati da don Rolando Leo, sono partiti giovedì 27 per questa esperienza anche dieci giovani ticinesi, che vanno ad aggiungersi agli oltre 60 giovani provenienti da altre parti della Svizzera.

“Madrid – scrive la Comunità di Taizé sul suo sito ufficiale – è una città che ha ospitato numerosi incontri internazionali, accordi di pace e protocolli ecologici in passato.

Il nostro pellegrinaggio di fiducia sarà arricchito dai valori di questa tradizione di solidarietà”.

Infatti, i ragazzi saranno accolti dalle parrocchie, grazie alla generosità delle famiglie del posto. Durante i giorni di permanenza, inizieranno tutti i giorni con un momento di preghiera, mentre durante la giornata verrà offerta loro la possibilità di partecipare a diversi workshop a tema religioso e ecumenico e alla visita della città. Momento forte di ciascuna giornata sarà la sera, che vedrà tutti i pellegrini riunirsi per una preghiera comune presso il grande spazio congressuale di Madrid “Ifema”. Ogni sera durante l’incontro europeo, frère Alois, successore di frère Roger, parlerà ai giovani partecipanti. I testi saranno pubblicati sul sito ufficiale giorno dopo giorno.

Particolarmente significativa sarà l’attesa del nuovo anno, con la “Festa dei popoli” che si terrà il 31 dicembre, così chiamata per la partecipazione di tutti i giovani, ciascuno in rappresentanza della propria cultura.

Data la vicinanza con la Giornata Mondiale della Gioventù a Panama, l’evento – fa notare don Rolando – ne costituisce un’ottima preparazione.

In precedenza, i giovani di Taizé sono già stati accolti nella penisola iberica in diverse occasioni: a Barcellona, Lisbona e Valencia. Il 1. gennaio verrà annunciata la prossima meta.

I numeri

45’000 porzioni di cibo, 7,5 tonnellate di pane, più di 100’000 razioni di frutta. Non sono che alcune cifre che caratterizzano l’organizzazione dell’incontro, che ha richiesto un anno di preparazione. Da settembre 2018, un’équipe internazionale e ecumenica di alcuni fratelli della Comunità di Taizé si è recata a Madrid per la preparazione dell’evento. Una delle sfide logistiche più grandi è quella dell’alloggio dei giovani partecipanti, cui tuttavia sopperisce la grande generosità delle persone del luogo. Dal 26 dicembre sono inoltre entrati in funzione oltre 1’000 volontari per gli ultimi preparativi. Sono attesi più di 240 bus da tutta Europa.

Il Cardinale Osoro Serra, arcivescovo di Madrid, è all’origine di questo invito. Il 19 gennaio 2017 aveva scritto a Frère Alois, priore di Taizé: “Nutro la speranza di offrire la bella capitale di Spagna per l’incontro europeo dei giovani. So quanto bene possa fare l’ospitalità di ciascuno di loro nelle nostre famiglie, nelle nostre parrocchie e nelle nostre comunità, rafforzando il legame di tutti i cristiani che vivono a Madrid”.

Nel frattempo, anche Papa Francesco ha reso noto da poche ore un messaggio speciale per i partecipanti.

(red)

 

 

Caritas Svizzera prende posizione sul programma svizzero di cooperazione allo sviluppo dei prossimi anni

24.06.2019

È di oggi la presa di posizione di Caritas Svizzera sul messaggio passato in consultazione al Consiglio federale riguardante gli aiuti allo sviluppo per il triennio 2021-2024.

Nel 2018, 675'000 mila franchi dalla Chiesa svizzera alle vittime di abusi

22.06.2019

675’500 franchi: è questa la cifra versata dalla Chiesa cattolica in Svizzera, tramite la Conferenza dei Vescovi Svizzeri, nel 2018 ad alcune vittime di abusi sessuali. Una somma ripartita entro 47 domande di risarcimento. Le richieste sono pervenute tramite le diverse Commisioni diocesane incaricate di accompagnare le vittime di abusi sessuali e tramite il CECAR, l'organo d'ascolto istituito dalla stessa CVS.

Monsignor Felix Gmür, Presidente dei vescovi svizzeri e vescovo di Basilea

"Matrimonio per tutti": la riflessione prudente dei vescovi svizzeri

17.06.2019

L'episcopato elvetico ha diffuso un comunicato stampa sul progetto del Consiglio nazionale che è in consultazione fino al 21 giugno 2019. I vescovi svizzeri, pur non esprimendosi né a favore né contro, mettono in guardia sulle conseguenze di fronte alla possibile autorizzazione per la riproduzione medicalmente assistita.