(EPA/MICHAEL REYNOLDS)
dal Mondo
(EPA/MICHAEL REYNOLDS)

Yugan, governo locale: via Gesù, è Xi Jinping ad aiutare i poveri

14.11.2017, 18:10 / redazionecatt

Pechino (AsiaNews/Scmp) – Dalla fede religiosa alla fede nel partito. È lo scopo della campagna attuata dal governo locale della contea di Yugan (provincia meridionale di Jiangxi), area rurale e povera: sostituire immagini di Gesù con Xi Jinping per poter accedere ai fondi del partito contro la povertà. Una pratica che rievoca i tempi del culto della personalità del presidente Mao Zedong, la cui fotografie erano onnipresenti nelle case cinesi.
Lo scorso fine settimana, un profilo social aveva riportato che nella cittadina di Huangjinbu alcuni funzionari avevano fatto visita a famiglie cristiane per promuovere le politiche governative contro la povertà, “sciogliere il duro ghiaccio dal loro cuore” e “trasformarli dal credere nella religione a credere nel partito”. Come risultato, più di 600 abitanti del paese hanno “volontariamente” rimosso i loro testi e pitture religiose, rimpiazzandoli con 453 ritratti di Xi. Il testo è stato poi rimosso, ma la campagna è stata confermata dai residenti e funzionari locali.
Un residente di un’altra municipalità nella contea ha dichiarato che molte delle famiglie che hanno rimosso le figure religiose lo hanno fatto perché obbligate: “Hanno tutti un loro credo e, certo, non volevano toglierli [i simboli religiosi]. Ma non c’è via d’uscita. Se non accettano, non viene data loro quota dai fondi per la lotta alla povertà”.
Qi Yan, capo del congresso popolare di Huangjinbu e del programma di sostegno, nega che le persone siano state obbligate e afferma che la richiesta riguardava solo il centro della casa. Qi riferisce anche che la campagna è in corso da marzo, e vuole insegnare alle famiglie cristiane quanto il partito ha fatto per sradicare la povertà: “Credono che Dio sia il loro salvatore… dopo il lavoro dei nostri funzionari, realizzeranno l’errore e penseranno: non dovremmo più affidarci a Gesù, ma al partito”.
Posizionata vicino al lago Poyang, la contea di Yugan è conosciuta per la diffusa miseria e la grande comunità cristiana: più dell’11% del milione di residenti vive al di sotto della linea di povertà e quasi il 10% è cristiana. Qui, come nel Paese, il partito comunista cerca di contrastare l’influenza del cristianesimo, in rapida crescita sin dalla fine della Rivoluzione culturale, più di 40 anni fa. Secondo alcune stime, i cristiani in Cina avrebbero superato in numero i 90 milioni di membri del partito.

AsiaNews

Libia, Migrantes: è luogo di torture per tanti

17.11.2017

Il  ministro degli Esteri tedesco, Sigmar Gabriel, afferma che nei centri di detenzione in Libia "è vero che le violenze e i soprusi sono all'ordine del giorno”. Il commissario europeo Dimitris Avramopoulos ieri ha avvertito che senza l'azione dell'Unione europea e senza "gli sforzi eroici" dell'Italia andrebbe anche peggio.

Mymensingh, le clarisse preparano le ostie per la visita del papa (Video)

15.11.2017

Le suore hanno confezionato 150mila ostie, di cui 50mila a titolo gratuito. La congregazione sta preparando i paramenti per i 16 diaconi che verranno ordinati da papa Francesco.

Sacerdote irakeno: per cristiani di Mosul va peggio di quando arrivò l’Isis

14.11.2017

Gli scontri arabo-curdi e sunniti-sciiti ostacolano il rientro dei profughi. Alto il pericolo di nuove violenze, le famiglie trascorrono la notte in macchina e i bambini sono traumatizzati. P. Samir: gravi problemi economici, mancano cibo e kerosene, mentre governi e Ong hanno sospeso gli aiuti. Serve “un miracolo”.

Ecumenismo   guerra   ticino   africa   aleppo   vaticano   cina   islam   famiglia   vescovi   pace   Papa   preghiera   angelus   Francesco   siria   gdp   misericordia   chiesa   catholica   migranti   SantaMarta   egitto   missione   isis   gmg   PapaFrancesco   cristiani   strada regina   giovani   udienza